Apri il menu principale

Italo Carminati

calciatore italiano
Italo Carminati
Italo Carminati.JPG
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1969
Carriera
Squadre di club1
1952-1954Ponte San Pietro6+ (1+)
1954-1955 Piacenza 24 (7)
1955-1956 Milan 5 (0)
1956-1960 Monza 112 (24)
1960-1962 Messina 54 (13)
1962-1963 Como 27 (12)
1963-1967 Padova 118 (43)
1967-1968 Bologna 1 (0)
1968-1969 Padova 9 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Italo Carminati (Seriate, 4 maggio 1935Padova, 17 luglio 2011) è stato un calciatore italiano.

CarrieraModifica

Inizia con il Ponte San Pietro in IV Serie. Nell'estate 1954, a 19 anni, passa al Piacenza in Serie C: con gli emiliani si conquista il posto da titolare realizzando 7 reti in 24 partite[1] e attira l'attenzione del Milan, che lo acquista in prestito[2]. In maglia rossonera è chiuso da Gunnar Nordahl e Juan Alberto Schiaffino[3], e colleziona solo 6 presenze: l'esordio in Serie A avviene l'11 dicembre 1955 in Pro Patria-Milan 1-1. Esordisce anche nella prima edizione della Coppa dei Campioni, il 23 novembre 1956 nella vittoria esterna per 4-1 con il Saarbrucken.

A fine stagione non viene riconfermato dal Milan[2], e fa rientro al Piacenza, che lo cede alla Simmenthal Monza in Serie B[4] dove gioca per 4 stagioni. Nel 1960 passa al Messina, voluto dal suo vecchio allenatore al Monza, Bruno Arcari[3] e nel 1962 al Como, sempre in Serie B. Con i lariani arriva per la prima volta in doppia cifra realizzando 12 reti, e viene acquistato dal Padova, ancora in Serie B. Con i biancoscudati gioca per cinque campionati, intervallati da una stagione in Serie A al Bologna: nelle prime quattro stagioni è tra i protagonisti, giocando da titolare e realizzando 43 reti, mentre nella quinta viene relegato ai margini della rosa e non può evitare la retrocessione in Serie C[3]. Ha realizzato la doppietta nella semifinale di Coppa Italia giocata all'Appiani il 7 giugno 1967 con cui i biancoscudati hanno vinto 3-2 eliminando l'Inter di Mazzola, Facchetti, Suarez, Domenghini.[5]

Ritiro e post-ritiroModifica

In seguito alla retrocessione e al deterioramento del rapporto con il Padova[3], decide di ritirarsi definitivamente dal mondo del calcio. In carriera ha totalizzato complessivamente 7 presenze in Serie A e 326 presenze e 92 reti in Serie B. Si stabilisce comunque nella città del Santo dove intraprende diverse attività imprenditoriali[3].

Muore a Padova il 17 luglio 2011, all'età di 76 anni.[6][7]

PalmarèsModifica

Milan: 1956

NoteModifica

  1. ^ Rosa 1954-1955[collegamento interrotto] storiapiacenza1919.it
  2. ^ a b Profilo su Magliarossonera.it
  3. ^ a b c d e Nella fossa dei leoni. Lo stadio Appiani di Padova nel ricordo e nei ricordi dei tanti ex giocatori biancoscudati, pag. 65-66
  4. ^ Acquisti e cessioni 1956-1957 storiapiacenza1919.it
  5. ^ Commozione per l'ultimo saluto a Carminati, grande campione in campo e nella vita calciopadova1910.com
  6. ^ Scomparso l'ex biancoscudato Carminati[collegamento interrotto], Sito ufficiale del Padova, 19 luglio 2011. URL consultato il 20 luglio 2011.
  7. ^ È morto Carminati, 43 gol con la maglia del Padova calciopadova1910.com

BibliografiaModifica

  • Pino Lazzaro, Nella fossa dei leoni. Lo stadio Appiani di Padova nel ricordo e nei ricordi dei tanti ex giocatori biancoscudati - Ediciclo, 2003

Collegamenti esterniModifica