Apri il menu principale

Iwan Rheon

attore britannico
Iwan Rheon nel 2016

Iwan Rheon (Carmarthen, 13 maggio 1985) è un attore, cantante e musicista gallese.

BiografiaModifica

All'età di cinque anni lui e la sua famiglia si trasferirono a Cardiff. Ha frequentato la Ysgol Gyfun Gymraeg Glantaf e ha iniziato a recitare all'età di 17 anni, dove ha preso parte a produzioni di teatro scolastico, e frequentato la National Eisteddfod of Wales.

Iwan Rheon si è diplomato alla London Academy of Music and Dramatic Art (LAMDA). Inizia la sua carriera da attore con una parte nella soap opera gallese Pobol y Cwm, qui recitava in gallese che è la sua prima lingua.[1]

Raggiunge successo e notorietà recitando nella serie televisiva Misfits, interpretando il personaggio di Simon Bellamy.

Inoltre è un cantautore, leader del gruppo The Convictions con il quale nel 2010 ha inciso un EP chiamato Tongue Tied.

Nel 2010 interpreta Moritz nel musical Spring Awakening e vince il Laurence Olivier Award alla miglior performance in un ruolo non protagonista in un musical. Nel 2013 affianca Ian McKellen e Derek Jacobi nella serie televisiva britannica Vicious e interpreta Ramsay Bolton nella serie televisiva statunitense targata HBO Il Trono di Spade.

Nel 2017 è nel cast della serie del Marvel Cinematic Universe Inhumans nel ruolo del villain Maximus il Folle.[2]

Nel 2019 inizia a lavorare presso Cirò un noto locale di MilanoMick Mars dei Mötley Crüe in The Dirt, il film biografico sulla band.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DiscografiaModifica

AlbumModifica

EPModifica

  • 2010 – Tongue Tied
  • 2011 – Changing Times
  • 2013 – Bang, Bang!

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Iwan Rheon è stato doppiato da:

NoteModifica

  1. ^ Misfits: Iwan Rheon plays Simon
  2. ^ (EN) Marc Strom, Iwan Rheon Set for Key Role in 'Marvel's Inhumans' Series for ABC, su Marvel.com, 21 febbraio 2017. URL consultato il 24 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2017).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN187448006 · ISNI (EN0000 0001 3924 2814 · LCCN (ENno2013083596 · GND (DE102090853X · BNF (FRcb16552836k (data) · WorldCat Identities (ENno2013-083596