Izjaslav I di Murom

Izjaslav Vladimirovič, noto come Izjaslav I di Murom (in russo: Изяслав Владимирович) (1077Murom, 6 settembre 1096), è stato un principe russo della dinastia Rjurikidi. Secondo figlio di Vladimir II e Gytha del Wessex, regnò a Kursk (fino al 1095) e Murom (1095-1096).

Izjaslav Vladimirovič
Сражение войск Изяслава Владимировича Муромского с войсками Олега Святославича Черниговского.jpg
Gran principe di Kursk
In carica? –
1095
Predecessorecarica stabilita
SuccessoreIzjaslav II di Kiev
Gran principe di Murom
In carica1095 –
6 settembre 1096
PredecessoreDavid Svjatoslavič
SuccessoreJaroslav di Murom
Nome completoIzjaslav Vladimirovič I di Murom e Kursk
Nascita1077
MorteMurom, 6 settembre 1096
SepolturaCattedrale di Santa Sofia, 8/9 settembre 1096
DinastiaRurikidi
PadreVladimir II di Kiev
MadreGytha del Wessex
ReligioneOrtodossa

BiografiaModifica

Izjaslav era il secondo figlio di Vladimir II e Gytha del Wessex. La data esatta della sua nascita è sconosciuta. Presumibilmente, nacque nel 1077 o 1078. Il suo padrino era Oleg di Černihiv (figlio di Svjatoslav II di Kiev), cugino di suo padre. Le cronache non riportano nulla sui primi anni della vita di Izjaslav. Secondo Tatishchev, Vladimir Vsevolodovich assegnò Smolensk a Izjaslav, ma nel 1095 lo diede a David Svyatoslavich (fratello di Oleg), che aveva già regnato a Novgorod, e trasferì Izjaslav a Kursk. Secondo un'altra versione, Izaslav stesso cedette Smolensk a David, poiché non aveva la forza per tenere la città.

Poco dopo, Izjaslav fu coinvolto in una faida su larga scala tra suo padre Vladimir II e Svjatopolk II di Kiev da un lato, e Oleg di Černihiv dall'altro, iniziata nel 1095. La sua ragione era il confronto a lungo termine tra i principi su Černihiv. La città era governata da Oleg Svyatoslavich, che l'aveva presa da Vladimir II pochi anni prima. Quest'ultimo ha cercato di restituire a se stesso Černihiv. Non appena Izjaslav ricevette la notizia dell'inizio della guerra, lasciò Kursk ed occupò Murom. La città si arrese senza resistenza ed il sindaco, fedele ad Oleg, fu catturato. Nella storiografia, non c'è un'opinione univoca sul fatto che la cattura di Murom sia stata un'iniziativa di Izjaslav o se abbia agito per conto di suo padre. In una lettera ad Oleg, Vladimir di Kiev in seguito ha declinato la responsabilità per le azioni di suo figlio, riferendo che Izjaslav è stato spinto a questo passo dal suo entourage.

Come risulta dalla stessa lettera, nel 1096 Izjaslav organizzò un matrimonio, ma suo padre non poté parteciparvi.

Poco dopo lo scoppio della guerra civile, Oleg fu costretto a lasciare Černihiv, e poi Starodub, ed andò a Smolensk da suo fratello David, dove iniziò a prepararsi per una campagna contro Murom. Tuttavia, all'inizio cercò di persuadere pacificamente Izjaslav Vladimirovich a lasciare la città, sulla quale non aveva diritti. I cronisti hanno conservato il testo del messaggio di Oleg:

"Vai al volost di tuo padre a Rostov, e questo è il volost di mio padre. Seduto qui, voglio concludere un accordo con tuo padre. Mi ha cacciato dalla città di mio padre. E qui non vuoi darmi anche il mio pane?!"

Alcuni storici hanno attirato l'attenzione sul fatto che anche un cronista con un atteggiamento negativo nei confronti di Oleg ha sottolineato che aveva ragione: “E Izjaslav non ha ascoltato queste parole, sperando in molti soldati. Oleg sperava nella sua verità, poiché avesse ragione in questo, ed andò in città con i soldati".

Izjaslav ha respinto le iniziative di pace di Oleg e ha iniziato a raccogliere truppe. Come notato da Golubovsky, il lento movimento dell'esercito di Oleg ha permesso ad Izjaslav di raccogliere forze significative dalle città della Russia nord-orientale - Rostov, Suzdal e Beloozero. Il 6 settembre 1096, le truppe dei principi in guerra si incontrarono in una battaglia sul campo vicino a Murom. Secondo le cronache, l'esercito di Oleg iniziò l'attacco. Presto Izjaslav fu ucciso in una feroce battaglia, dopo di che il suo esercito fuggì in parte a Murom, e in parte nella vicina foresta. Murom si arrese a Oleg senza combattere.

Dopo che le truppe di Oleg furono sconfitte da Mstislav Vladimirovich nella battaglia di Suzdal, il corpo di Izjaslav fu portato a Novgorod e deposto nella cattedrale di Santa Sofia.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Jaroslav I di Kiev Vladimir I di Kiev  
 
Rogneda di Polotsk  
Vsevolod di Kiev  
Ingegerd Olofsdotter Olof III di Svezia  
 
Estrid degli Obotriti  
Vladimir II di Kiev  
 
 
 
Anastasia di Bisanzio  
 
 
 
Izjaslav I di Muron  
Godwin del Wessex Wulfnoth Cild  
 
 
Aroldo II d'Inghilterra  
Gytha Thorkelsdóttir Thorgils Sprakalägg  
 
 
Gytha del Wessex  
 
 
 
Ealdgyth Swan-neck  
 
 
 
 

NoteModifica

  1. Kuchkin VA, 1999.
  2. Tsvetkov S.E., 2013, pag. 106.
  3. Eliseev M.B., 2015, p. venti.
  4. Karpov A. Yu., 2015, pag. 65.
  5. Karpov A. Yu., 2015, pag. 70-71.
  6. Eliseev M.B., 2015, p. 21-22.
  7. Tsvetkov S.E., 2013, pag. 111.
  8. Karpov A. Yu., 2015, pag. 73.
  9. Golubovsky P.V., 1881, p. 97.
  10. Eliseev M.B., 2015, p. 26.
  11. Karpov A. Yu., 2015, pag. 74.
  12. Eliseev M.B., 2015, p. 28.
  13. Eliseev M.B., 2015, p. 29.
  14. Eliseev M.B., 2015, p. 37.

BibliografiaModifica

  • Golubovsky P.V. Storia della terra di Severskaya fino alla metà del XIV secolo. - Kiev: I.I. Zavadsky, 1881 .-- 209 p.
  • Eliseev M. B. Guerre di Suzdal Rus. - M.: Veche, 2015 .-- 288 p. - ISBN 978-5-4444-3518-2.
  • Karpov A. Yu. Vladimir Monomakh. - M.: Molodaya gvardiya, 2015 .-- 384 p. - ISBN 978-5-235-03755-7.
  • Kuchkin V.A. Panteleimon e gli affari di famiglia di Vladimir Monomakh // La Russia nel Medioevo e nei nuovi tempi. - M., 1999.
  • Tsvetkov S.E. Antica Russia. L'era della guerra civile. Da Yaroslavichi a Vsevolod il Grande Nido. - M .: Tsentrpoligraf, 2013 .-- 525 p. - ISBN 978-5-227-04364-1.
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie