Apri il menu principale

João Café Filho

avvocato, giornalista e politico brasiliano
João Fernandes Campos Café Filho
Café Filho.jpg
João Café Filho nel 1954

18º Presidente del Brasile
Durata mandato 24 agosto 1954 –
8 novembre 1955
Predecessore Getúlio Vargas
Successore Carlos Luz

13º Vicepresidente del Brasile
Durata mandato 31 gennaio 1951 –
24 agosto 1954
Presidente Getúlio Vargas
Predecessore Nereu de Oliveira Ramos
Successore João Goulart

Dati generali
Partito politico Partito Social Progressista
Professione Giornalista
Avvocato
Firma Firma di João Fernandes Campos Café Filho

João Fernandes Campos Café Filho (IPA: [ˈʒuɐ̃w feɾˈnɐ̃dis ˈkɐ̃pus kaˈfɛ ˈfiʎu]) (Natal (Brasile), 3 febbraio 1899Rio de Janeiro, 20 febbraio 1970) è stato un giornalista, politico e avvocato brasiliano, presidente del Brasile dal 24 agosto 1954 al 9 novembre 1955, il primo uomo politico di religione protestante ad essere stato eletto alla carica presidenziale del Paese[1][2][3].

Indice

BiografiaModifica

Fondò e diresse parecchi giornali e condusse campagne contro la corruzione e il malgoverno. Esponente dell'opposizione durante il governo del presidente Washington Luís Pereira de Sousa (1926-1930), appoggiò il golpe di Getúlio Vargas nel 1930. Deputato per il Partito Social Progressista (1934-1937), esulò in Argentina dopo il golpe autoritario di Vargas (1937), ma nel 1939 si riavvicinò al dittatore.

Di nuovo all'opposizione contro il presidente Eurico Gaspar Dutra (1946-1951), fu eletto vicepresidente con Vargas (1951-1954). Dopo il suicidio di Vargas assunse la presidenza, formò un nuovo governo dominato dall'UDN (União Democrática Nacional, di destra) e avviò una politica economica antistatalista e favorevole al capitale straniero.

Dopo la vittoria alle presidenziali del 1955 di Juscelino Kubitschek e Jânio Quadros (di sinistra), si dimise adducendo motivi di salute (8 novembre 1955), per permettere un golpe guidato dai militari e dall'UDN e fu sostituito dal presidente della Camera dei deputati, Carlos Luz. Fallito il golpe per l'opposizione del generale Henrique Lott, ministro della Guerra, Café Filho si dichiarò guarito per tornare al governo, ma il Congresso, che non gli aveva creduto fin dall'inizio, lo dichiarò impedito ed elesse presidente provvisorio il vicepresidente del Senato Federale, Nereu de Oliveira Ramos. Fu membro della Massoneria[4].

NoteModifica

OnorificenzeModifica

Onorificenze brasilianeModifica

  Gran Maestro dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud

Onorificenze straniereModifica

  Fascia dei Tre Ordini (Portogallo)
— 26 aprile 1955

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN45693360 · ISNI (EN0000 0000 2696 3498 · LCCN (ENn84016608 · GND (DE105650983X