Joachim Gottschalk

attore tedesco

Joachim Gottschalk (Calau, 10 aprile 1904Berlino, 6 novembre 1941) è stato un attore tedesco.

BiografiaModifica

Dopo aver concluso gli studi liceali e aver lavorato tre anni in una nave mercantile, frequentò una scuola di recitazione a Berlino e iniziò a lavorare in teatro, dove si fece un nome grazie agli ingaggi al Teatro Altes di Lipsia e al Main's Städtische Bühne di Francoforte sul Meno.[1]

Nella seconda metà degli anni '30 divenne una stella cinematografica grazie a una serie di film in cui ricopriva il ruolo di eroe senza macchia e in cui recitava spesso al fianco della star Brigitte Horney.[1]

Sposato con l'attrice ebrea Meta Wolff, nel 1941 gli fu comunicato che moglie e figlio sarebbero stati condotti nel campo di concentramento di Theresienstadt; dopo avere infruttuosamente tentato di ottenere un visto che gli permettesse di seguire la famiglia, Gottschalk si suicidò insieme a moglie e figlio il giorno previsto per la deportazione. La sua morte non fu mai resa nota se non dopo la fine della seconda guerra mondiale.[1]

La sua vita fu il soggetto di una novella di Hans Schweikart (già suo regista nel 1940), Es wird schon nicht so schlimm, e di un film di Kurt Maetzig, Ehe im Schatten. Nel 1999 la sua tomba è stata dichiarata monumento nazionale.[1]

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d Hans-Michael Bock, Tim Bergfelder, Joachim Gottschalk, in The Concise Cinegraph: Encyclopaedia of German Cinema, Berghahn Books, 2009, ISBN 0-85745-565-6.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN27328356 · ISNI (EN0000 0000 1146 1161 · GND (DE119368137 · BNF (FRcb14681683t (data) · WorldCat Identities (ENviaf-27328356