Jody Hamilton

Jody Hamilton
NomeJoseph Nichloas Zwaduk III[1]
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
Luogo nascitaSaint Joseph, Missouri
28 agosto 1938
MorteGriffin, Georgia
3 agosto 2021
Ring nameJody Hamilton
Joe Hamilton
Ricky Monroe
Assassin #1
Masked Assassin #1
The Masked Assassin
Mighty Bolo
The Assassin
The Flame
Altezza dichiarata185 cm
Peso dichiarato125 kg
AllenatoreMichael DiBiase
Sonny Myers
Nick Roberts
Debutto1955
Ritiro1988
Progetto Wrestling

Joseph Nichloas Zwaduk III, maggiormente noto con lo pseudonimo Jody Hamilton (St. Joseph, 28 agosto 1938Griffin, 3 agosto 2021), è stato un wrestler e allenatore di wrestling statunitense. Svolse anche le attività di promoter e booker. Era meglio conosciuto come la metà del tag team The Assassins dove egli era Assassin #1. Quando gli Assassins si sciolsero, lottò come The Assassin, The Masked Assassin e The Flame, indossando sempre la caratteristica maschera gialla e nera.[2]

Alla fine del 1961 Hamilton formò insieme Tom Renesto il duo mascherato heel "The Assassins" e, per oltre dieci anni, lui e Renesto lottarono in giro per il mondo riscuotendo molto successo. Quando Renesto si ritirò dal ring, Hamilton mantenne vivo il tag team degli Assassins lottando insieme ad altri partner, come Randy Colley e "Hercules" Hernandez.[2]

Sul finire degli anni ottanta, Hamilton fondò la Deep South Wrestling (DSW), dove lottò fino a quando un serio infortunio alla schiena lo costrinse a ritirarsi nel 1988. Dopo la chiusura della Deep South Wrestling, lavorò per la World Championship Wrestling sia come booker sia come allenatore di giovani talenti.[2] Nel 2005 volle riaprire la Deep South Wrestling, questa volta come affiliata della World Wrestling Entertainment, per allenare talenti che avevano firmato un contratto di sviluppo con la federazione di Stanford. Nel 2007 la WWE rescisse bruscamente il contratto con la DSW.[3]

CarrieraModifica

IniziModifica

Prima di darsi al professionismo, Hamilton era un pugile promettente, ma invece di continuare il suo addestramento, decise di volere seguire le orme del fratello maggiore Larry Hamilton. Larry era un lottatore professionista che combatteva con il ring name "The Missouri Mauler".[2] I primi match li ebbe nella Gust Karras Promotions, una piccola federazione locale con sede a Kansas City (Missouri), dove esordì contro Rip Hawk in un match della durata di 40 minuti. Nel 1957, cominciò a lottare in coppia con il fratello Larry e divenne un wrestler professionista a tempo pieno. Gli Hamilton Brothers lottarono a New York nella Capitol Wrestling, (la futura WWE), dove furono inseriti in una storyline che li vide contrapposti ad Antonino Rocca e Miguel Pérez.[4] Nel maggio 1958 gli Hamilton Brothers affrontarono Rocca & Pérez nel main event di uno show al Madison Square Garden. Tale evento, rese Jody, all'epoca diciannovenne, il wrestler più giovane a partecipare a un main event al Madison Square Garden.[2]

Masked AssassinsModifica

Il piano originale per Hamilton era quello di farlo lottare con il viso celato da una maschera con il ring name "The Iron Russian", ma una volta arrivato ad Atlanta la sua identità venne cambiata in "The Assassin".[4] Dopo aver combattuto vari incontri come wrestler singolo, a fine 1961 gli venne affiancato un partner, un altro lottatore mascherato chiamato Assassin #2, Tom Renesto. Renesto aveva già lottato in coppia con il fratello maggiore di Hamilton, Larry, ma i due non si erano mai conosciuti prima di salire insieme sul ring nel dicembre 1961. Il tag team sembrò affiatato fin da subito e presto fu promosso ai main event. Per oltre dodici anni, Hamilton & Renesto furono i "malvagi" Assassins, una coppia heel odiata dai fan per la scorrettezza e l'abitudine di infrangere le regole durante i match. The Assassins, o The Masked Assassins, come talvolta venivano presentati, lottarono in varie federazioni in Georgia, California, Australia, Giappone e Canada. Solamente nella Carolina del Nord e del Sud, gli Assassins erano introdotti con i nomi "The Great Bolo" (Renesto) & "The Mighty Bolo" (Hamilton) perché Renesto veva in precedenza lottato nella Jim Crockett Promotions come The Great Bolo prima di fare coppia con Hamilton, e il pubblico locale lo conosceva meglio con il nome Bolo.[2]

Dal 1968 al 1972 gli Assassins lottarono nella Georgia Championship Wrestling e detennero l'NWA Georgia Tag Team Championship per 12 volte.[5] In questo periodo affrontarono tag team come i Torres Brothers (Ramon & Alberto), Terry & Dory Funk e Ray Gunkel & Buddy Fuller. Il loro feud più celebre fu quello che li vide contrapposti ai The Kentuckians (”Tiny” Smith & Luke Brown). I match tra Assassins e Kentuckians fecero il tutto esaurito in più occasioni sulla costa orientale degli Stati Uniti.[2]

Durante il periodo nella GCW Renesto restò sempre più coinvolto come booker nella federazione nella speranza di risollevare il declino della stessa, causa il calo di pubblico agli show. A Renesto è attribuito il merito di aver contribuito all'ideazione di una serie di angle che riportarono i fan nelle arene. Nel 1972 quando il proprietario della GCW Ray Gunkel morì, la vedova, Ann Gunkel, si distaccò dalla GCW affiliata alla National Wrestling Alliance per fondare la sua propria compagnia, chiamata "All-South Wrestling", con Tom Renesto come sceneggiatore capo. Con l'aumentare delle sue responsabilità nel backstage, Renesto diradò sempre più la sua presenza attiva sul ring e Hamilton passò alla divisione singola.[4] Nell'ottobre 1972 Renesto si tolse la maschera in televisione; infatti correva voce che la GCW avrebbe pubblicato le foto degli Assassins senza le loro maschere e Renesto voleva batterli sul tempo.[2]

Quando Renesto si ritirò dal ring, Hamilton tenne in vita gli Assassins lottando con nuovi partner; prima Roger Smith e poi Randy Colley. Negli anni ottanta formò una nuova versione del tag team mascherato con Hercules Hernandez nella Jim Crockett Promotions, con manager Paul Jones, che li utilizzò nel suo feud con il popolare Jimmy Valiant. Questa versione del team durò fino a quando Hernandez fu smascherato da Valiant nel corso di un mask vs. hair match svoltosi ad uno show della JCP/Maple Leaf Wrestling a Toronto il 15 aprile 1984. Barry Orton rimpiazzò Hernandez come Assassin #3 per qualche mese. Hamilton continuò come wrestler singolo dopo che Barry lasciò la JCP, sancendo di fatto la fine degli Assassins.

Deep South Championship WrestlingModifica

Ritiro dal ringModifica

Ripresosi dall'infortunio alla schiena, Hamilton, da un'evoluzione di una scuola già presente, aprì il centro di sviluppo ufficiale della World Championship Wrestling, il Power Plant,[6] in qualità di direttore. La scuola produsse nuovi talenti come Kevin Nash, Diamond Dallas Page, Bill Goldberg e Big Show, nel corso degli anni.

Oltre a lavorare a capo del Power Plant, nel 1993 Hamilton fu anche il manager di Paul Orndorff, The Equalizer e Paul Roma. La sua ultima apparizione in video nella WCW si ebbe all'evento WCW Starrcade '93 il 27 dicembre 1993, dove The Assassin fu il manager dei Pretty Wonderful ("Pretty" Paul Roma & "Mr. Wonderful" Paul Orndorff) che vinsero il WCW World Tag Team Championship.[7] Il 22 maggio 1994 Hamilton fu introdotto nella WCW Hall of Fame nel corso della cerimonia svoltasi al Civic Center di Filadelfia, Pennsylvania.

Quando la WCW venne acquisita dalla WWF nel marzo 2001, il Power Plant venne chiuso ma Hamilton continuò comunque ad allenare giovani wrestler.

Deep South WrestlingModifica

Nel 2005 la World Wrestling Entertainment (ex World Wrestling Federation) raggiunse un accordo con Hamilton in base al quale egli avrebbe aperto una nuova versione della Deep South Wrestling per la WWE, da utilizzare come territorio di allenamento. La compagnia organizzò regolarmente spettacoli con talenti sotto contratto con la WWE fino al 18 aprile 2007, quando la WWE concluse la collaborazione con la DSW.[8] La DSW cessò l'attività il giorno successivo, sebbene tenne il suo ultimo evento il 12 aprile 2007.

Rampage Pro WrestlingModifica

Causa legale alla WWEModifica

Nell'aprile 2009, Hamilton ha intentato una causa contro la WWE nella contea di Fulton, in Georgia, per come è stato risolto l'accordo di lavoro con la sua promozione, la Deep South Wrestling. Il suo avvocato affermò che la WWE "ha escogitato fraudolentemente un motivo per rescindere l'accordo" senza dare il preavviso di 90 giorni previsto dal contratto. La causa ha anche affermato che la WWE è entrata illegalmente nell'edificio della Deep South a McDonough, Georgia, portando via materiale di proprietà di Hamilton. Afferma inoltre che il vicepresidente esecutivo delle relazioni con i talenti della WWE, John Laurinaitis, ha avvertito che tutti i wrestler che avrebbero continuato a lavorare con la Deep South o con Hamilton non avrebbero mai più lavorato nel settore del wrestling. Due wrestler professionisti rimasti anonimi, che all'epoca erano sotto contratto con la WWE, confermarono l'affermazione di Hamilton secondo cui Laurinaitis aveva minacciato quanto sopra. La WWE ha tentato di far archiviare la causa prima che andasse in tribunale, ma non ha avuto successo. Il 22 gennaio 2010 Hamilton ha stabilito un accordo extragiudiziale con la WWE. L'accordo non è stato divulgato.[9]

MorteModifica

Hamilton è morto in una casa di cura per lungodegenti il 3 agosto 2021, all'età di 82 anni. La notizia della sua morte venne diffusa sui social media dal figlio Nick.[10][11]

PersonaggioModifica

Mossa finaleModifica

ManagerModifica

Wrestler direttiModifica

Titoli e riconoscimentiModifica

  • Georgia Wrestling
  • Georgia Wrestling Hall of Fame: The Assassins

NoteModifica

  1. ^ Jody Hamilton - Behind the Mask of the Assassin, su prowrestlingstories.com, 3 agosto 2021.
  2. ^ a b c d e f g h Greg Oliver and Steve Johnson, Top 20: #8 The Assassins, in The Pro Wrestling Hall of Fame: The Tag Teams, ECW Press, 2005, pp. 52–55, ISBN 978-1-55022-683-6.
  3. ^ Mike Mooneyham, End is now for Deep South Wrestling, su 65.17.225.133, The Post and Courier, Charleston, SC, 22 aprile 2007. URL consultato il 12 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  4. ^ a b c Georgia Wrestling History, Official Website for Jody Hamilton, the Assassin – Biography, su georgiawrestlinghistory.com, Jody Hamilton’s official website. URL consultato il 12 agosto 2007.
  5. ^ Royal Duncan & Gary Will, Wrestling Title Histories, Archeus Communications, 2000, ISBN 0-9698161-5-4.
  6. ^ Bill Kociaba, The Assassin - Interview, su kayfabe-wrestling. URL consultato il 12 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2007).
  7. ^ prowrestlinghistory.com, WCW Starrcade Results (1993), su prowrestlinghistory.com, 27 dicembre 1993. URL consultato il 7 aprile 2007.
  8. ^ WWE Ends Relationship with DSW, su wwe.com. URL consultato il 18 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2007).
  9. ^ Lawsuit against WWE settled, su wrestleview.com. URL consultato il 4 febbraio 2010.
  10. ^ Colin Tessier, 'The Assassin' Jody Hamilton Passes Away At 82 Years Old, in WrestleZone, 3 agosto 2021. URL consultato il 3 agosto 2021.
  11. ^ Rachele Gagliardi, Lutto nel wrestling: muore “The Assassin” Jody Hamilton, su worldwrestling.it, www.worldwrestling.it, 4 agosto 2021. URL consultato il 27 febbraio 2021.
  12. ^ Dave Meltzer, 22 giugno 2015 Wrestling Observer Newsletter: Part 1 of giant Dusty Rhodes obituary, GFW's 1st shows, and much more, in Wrestling Observer Newsletter, Campbell, California, 22 giugno 2015, pp. 20–23, ISSN 1083-9593 (WC · ACNP).
  13. ^ Royal Duncan e Gary Will, (Memphis, Nashville) Tennessee: Southern Tag Team Title [Roy Welsch & Nick Gulas, Jerry Jarrett from 1977], in Wrestling title histories: professional wrestling champions around the world from the 19th century to the present, Waterloo, Ontario, Archeus Communications, 2006, pp. 185–189, ISBN 0-9698161-5-4.
  14. ^ Southern Tag Team Title, in Wrestling-Titles. URL consultato il 19 gennaio 2020.
  15. ^ Dave Meltzer, Mon. update: Major Spike announcement tomorrow, Aces & 8s identity, TNA injury updates, Hall of Fame inductions announced, WWE two PPVs this weekend, Jericho schedule, Amateur wrestling hits MSG first time ever, in Wrestling Observer Newsletter, 10 dicembre 2012. URL consultato il 10 dicembre 2012.
  16. ^ Dave Meltzer, 9 novembre 2015 Wrestling Observer Newsletter: 2015 Hall of Fame Issue, in Wrestling Observer Newsletter, Campbell, California, 9 novembre 2015, p. 1, ISSN 1083-9593 (WC · ACNP).

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica