Apri il menu principale
K.Flay
K Flay 2015.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereAlternative hip hop
Indie rock
Rock alternativo
Periodo di attività musicale2004 – in attività
Strumentovoce, percussioni, basso elettrico, chitarra, sintetizzatore
EtichettaInterscope Records, Night Street Records
Album pubblicati2
Studio2
Sito ufficiale

K.Flay, pseudonimo di Kristine Meredith Flaherty (Wilmette, 30 giugno 1985), è una cantautrice e musicista statunitense.

Il suo album in studio di debutto, Life as a Dog, pubblicato nel 2014, ha raggiunto la seconda posizione della Heatseekers Albums,[1] nonché la quattordicesima della Billboard Rap.[2] Nel 2016 ha firmato un contratto discografico con l'Interscope Records[3] e come prima artista assoluta della Night Street Records di proprietà di Dan Reynolds.[4]

BiografiaModifica

Originaria di Wilmette, Illinois, un sobborgo a nord di Chicago. Ha frequentato la New Trier Township High School.

A sette anni, i genitori di Flaherty divorziarono. Poco dopo sua madre si risposò, formando una famiglia allargata. Ha descritto se stessa come un maschiaccio durante l'infanzia, preferendo un vestiario più abbondante e rifiutando "all things girly".[5]

A 14 anni, il padre di Flaherty, un chitarrista che ha amato tutti i generi musicali, è morto. Molte delle sue canzoni sono un omaggio a lui.

Nel 2003 entrò alla Stanford University in California, conseguendo una doppia specializzazione in psicologia e sociologia.[senza fonte] Secondo Flaherty, molte persone incontrate durante il periodo alla Stanford hanno influenzato il suo stile musicale.[6]

CarrieraModifica

K.Flay ha iniziato la sua carriera musicale nel 2003, ritenendo che la maggior parte dei successi hip hop alla radio erano "semplicistici, misogini e stereotipati".[7] Dopo essersi vantata con un amico di poter scrivere canzoni simili, scrisse "Blingity Blang Blang", che ha definito come una “parodia rap a basso budget che conteneva troppe oscenità".[8] Dopo aver scritto ed eseguito il brano, Flaherty si rese conto che le piaceva scrivere e produrre musica.

Flaherty ha continuato a sperimentare nel campo musicale scrivendo, eseguendo e registrando canzoni sul suo computer. Nel 2005 ha pubblicato un mixtape, Suburban Rap Queen, che ha prodotto sul suo computer portatile e ha iniziato ad esibirsi nella scena musicale locale.[9]

2008–2013: Materiale autopubblicato e firma con la RCA RecordsModifica

Nel 2010 k.Flay ha pubblicato l'EP omonimo, e nel 2011 il mixtape "I Stopped Caring in '96", che ha più tardi rimarcato come un punto di svolta della carriera.

K.Flay ha firmato con la RCA Records nel 2012, pubblicando due EP: Eyes Shut nel 2012,[10] con brani prodotti da Liam Howlett della band britannica The Prodigy,[11] e What If It Is nel 2013.[12] Ha abbandonato la RCA Records nel 2013, a causa di divergenze di opinione, dopo aver scritto più di 60 canzoni sotto contratto senza poterne rivendicare i diritti. K.Flay ha descritto il suo periodo con la RCA Records come "un matrimonio malaccorto."[13]

2014: Life as a DogModifica

K.Flay ha annunciato l'uscita del suo album Life as a dog del 2014 offrendo ai fan la possibilità di pre-ordinarlo via PledgeMusic, raggiungendo il 196 per cento del suo obiettivo iniziale.[14] È stato registrato e prodotto a New York, Los Angeles e San Francisco, con il mix finale al Different Fur di San Francisco.[15]

Life as a Dog è stato rilasciato in maniera indipendente il 10 giugno 2014.[16] L'album ha raggiunto la posizione n.˚ 2 sulla Billboard Heatseekers Albums Chart, nonché la posizione n˚ 14 sulla Billboard Rap Albums Chart. Dopo la pubblicazione dell'album, K.Flay è stata ampiamente in tour. Nel 2014 e nel 2015 il tour ha fatto tappa in Germania, Francia e altri paesi europei.

K.Flay si è anche esibita al Warped Tour nel 2014, dicendo che l'esperienza "è stata quasi come un esercizio per diventare un artista migliore".[17]

2015: It's StrangeModifica

Nel 2015, K.Flay ha collaborato con Louis the Child sulla canzone "It's Strange". Il brano è stato elogiato da Taylor Swift che qualificato "It's Strange" una delle sue "Canzoni che rendono la vita eccezionale"[18] ed è stata inclusa nella colonna sonora di FIFA 16.[19] Il brano ha raggiunto la posizione n.˚ 38 sulla Billboard Hot Dance/Electronic Songs chart.[20]

2016–presente: Interscope Records, "FML" e Every Where Is Some WhereModifica

Il 25 marzo 2016 K.Flay ha rilasciato il singolo "FML".[21]

Il 9 agosto 2016, K.Flay ha annunciato di aver firmato per la Night Street Records, una divisione della Interscope Records. Il suo EP Crush Me è stato pubblicato 10 giorni dopo.[22] Uno dei suoi brani, "Blood in the Cut" appare nella colonna sonora di xXx: Return of Xander Cage.[23]

K.Flay's ha lanciato il suo album Every Where Is Some Where il 7 aprile 2017[24] il cui primo singolo "High Enough", è stato rilasciato nel marzo 2017.[25] È stata confermata come ospite speciale del prossimo Evolve Tour di Imagine Dragons.[26]

Collabora con Mike Shinoda alla registrazione di Make It Up as I Go, brano inserito nell'album Post Traumatic.[27]

Stile musicale e influenzeModifica

K.Flay ha indicato Lauryn Hill, M.I.A., Missy Elliott, Metric, Cat Power, Liz Phair, Garbage, Royal Blood, Tame Impala, Shlohmo, OutKast e Jeremih come artisti che l'hanno influenzata.[28][29][30]

Descrive il suo stile come hip hop con una forte componente indie nel suo sound.[31]

Vita privataModifica

Flaherty è in una relazione con la collega musicista Miya Folick da giugno del 2018.[32]

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

Anno Album Posizioni classifiche
US[33] US Rap[34] US Heat[35] CAN[36]
2014 Life as a Dog 133 14 2
2017 Every Where Is Some Wherecate
  • Pubblicato: 7 aprile 2017
  • Etichetta:
  • Formato:
    • CD
    • digital download
    • LP
118 1 50
2019 Solutions


Raccolte e mixtapeModifica

Anno Titolo Etichetta
2004 Suburban Rap Queen Flayzer Beam
2009 Mashed Potatoes
2011 I Stopped Caring in '96
2013 West Ghost

EPModifica

Anno Titolo Etichetta
2009 Single and Famous EP (con MC Lars) Horris/Flayzer Beam
2010 K.Flay indipendente
2012 Eyes Shut RCA
2013 What If It Is
2016 Crush Me Interscope

SingoliModifica

Titolo Anno Classifiche Album di provenienza
US Alt.

[37]

"2 Weak" 2011
"5AM" (featuring SomethingALaMode)
"Fuck & Run"
"Rest Your Mind" (featuring Felix Cartal) 2012
"LA Again"
"Hail Mary" (featuring Danny Brown) 2013 What If It Is
"Rawks"
"Make Me Fade" 2014 Life as a Dog
"FML" 2016
"Blood in the Cut" 4 Every Where Is Some Where
"Black Wave"[38] 2017
"High Enough"[39] 26
"Run For Your Life" 2018 Tomb Raider (colonna sonora)

ApparizioniModifica

Anno Titolo Album di provenienza
2013 Hail Mary (featuring Danny Brown) Need for Speed: Rivals
Ribcage (featuring K.Flay) Heart on My Sleeve
Easy Fix This Is the End: Original Motion Picture Soundtrack
2015 Telescope (Golden Features featuring K.Flay) XXIV
Say It (featuring K. Flay) Dopamine
Promise (featuring K. Flay) Automatic
It's Strange (featuring K. Flay) Non-album single
2016 It's Strange (Louis the Child featuring K.Flay) FIFA 16
2017 Blood in the Cut xXx: Return of Xander Cage (Music from the Motion Picture)
2018 Make It Up as I Go (Mike Shinoda feat. K.Flay) Post Traumatic
Lucky One (Tom Morello feat. K.Flay) The Atlas Underground

NoteModifica

  1. ^ K. Flay - Chart history | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  2. ^ K. Flay - Chart history | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  3. ^ K.Flay releases video for first single with Interscope Records - RIFF, su www.riffmagazine.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  4. ^ WebCite query result, su www.webcitation.org. URL consultato il 12 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  5. ^ K.Flay and the Climb Upward, in Interview Magazine. URL consultato il 12 aprile 2017.
  6. ^ Nuno Caldeira, k.flay about LH, su youtube.com, 10 agosto 2016. URL consultato il 12 aprile 2017.
  7. ^ K. Flay - Biography | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  8. ^ San Francisco Bay Guardian | Looking for a Guardian article?, su San Francisco Bay Guardian. URL consultato il 12 aprile 2017.
  9. ^ K.Flay* - Suburban Rap Queen, su Discogs. URL consultato il 12 aprile 2017.
  10. ^ Eyes Shut - EP by K.Flay on Apple Music, su iTunes. URL consultato il 12 aprile 2017.
  11. ^ K. Flay on Money, Education and Why She's Okay With Having No Street Cred, in Rolling Stone. URL consultato il 12 aprile 2017.
  12. ^ What If It Is - EP by K.Flay on Apple Music, su iTunes. URL consultato il 12 aprile 2017.
  13. ^ K. Flay Interview: New Album, Fan Power + Missy Elliott, su PopCrush. URL consultato il 12 aprile 2017.
  14. ^ K.Flay: The performer, su performermag.com (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2015).
  15. ^ K.Flay, su confrontmagazine.com, 4 marzo 2016. URL consultato il 12 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  16. ^ Life As a Dog by K.Flay on Apple Music, su iTunes. URL consultato il 12 aprile 2017.
  17. ^ K.Flay talks to New York Music News, su NYMN (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2013).
  18. ^ Taylor Swift's 'New Songs that Will Make Your Life Awesome' List, su radio.com. URL consultato il 12 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2018).
  19. ^ Louis The Child Produces Flume-Inspired Track, Lands Spot on FIFA '16 Soundtrack - PRO MOTION Music News, in PRO MOTION Music News, 13 settembre 2015. URL consultato il 12 aprile 2017.
  20. ^ Louis the Child - Chart history | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  21. ^ FML - Single by K.Flay on Apple Music, su iTunes. URL consultato il 12 aprile 2017.
  22. ^ K.Flay Redefines Alt Rock with New Single 'Blood In The Cut', su radio.com. URL consultato il 12 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2017).
  23. ^ 'xXx: Return of Xander Cage' Soundtrack Details | Film Music Reporter, su filmmusicreporter.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  24. ^ Every Where Is Some Where by K.Flay on Apple Music, su iTunes. URL consultato il 12 aprile 2017.
  25. ^ Gabriel Aikins, K.Flay shares single "High Enough" off upcoming album, in Substream Magazine, 11 marzo 2017. URL consultato il 12 aprile 2017.
  26. ^ (EN) Imagine Dragons Returning to Minnesota This Fall with New Tour, su 106.9 KROC, 9 maggio 2017. URL consultato il 10 maggio 2017.
  27. ^ Linkin Park: Mike Shinoda svela la tracklist del nuovo album "Post Traumatic" ricco di ospiti. Tutti i dettagli, Virgin Radio. URL consultato il 17 maggio 2018.
  28. ^ Interview with K.Flay | LA Music Blog, su lamusicblog.com. URL consultato il 12 aprile 2017.
  29. ^ K.Flay: Solo rap artist shows versatility, in SFGate. URL consultato il 12 aprile 2017.
  30. ^ Interview: K.Flay Takes Us To School In How To Head-Bang Like A Pro & Her Favorite Books | Nerdist, in Nerdist, 24 ottobre 2014. URL consultato il 12 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2017).
  31. ^ K.Flay finds her mojo with Life as a Dog, in Georgia Straight Vancouver's News & Entertainment Weekly, 24 settembre 2014. URL consultato il 12 aprile 2017.
  32. ^ (EN) K.Flay on Instagram: “i love you @miyafolick. everything is bigger and better and brighter now. thank you for taking good care of my heart. i’ll keep taking good...”, su Instagram. URL consultato il 3 giugno 2019.
  33. ^ K.Flay – Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 18 aprile 2017.
  34. ^ K.Flay – Chart history (Rap Albums), su Billboard. URL consultato il 18 aprile 2017.
  35. ^ K.Flay – Chart history (Heatseekers Albums), su Billboard. URL consultato il 18 aprile 2017.
  36. ^ On The Charts: April 17, 2017, FYIMusicNews. URL consultato il 18 aprile 2017.
  37. ^ k.flay - Chart History - Alternative Songs, Billboard. URL consultato il 22 settembre 2016.
  38. ^ Gabriel Aikins, K.Flay announces new album, shares lyric video for "Black Wave", su Substream Magazine, 8 febbraio 2017. URL consultato il 13 marzo 2017.
  39. ^ Gabriel Aikins, K.Flay shares single "High Enough" off upcoming album, su Substream Magazine, 11 marzo 2017. URL consultato il 13 marzo 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN145975467 · LCCN (ENno2016008845 · GND (DE1130731308 · WorldCat Identities (ENno2016-008845