Kaijū

Mostro tipico della fantascienza giapponese

Il kaijū (怪獣? lett. "strana bestia"; AFI: [kaidʑɯːᵝ]) è una specie di mostro tipico della fantascienza giapponese. Il termine si è diffuso in Occidente negli anni cinquanta grazie ai kaijū eiga ("film di mostri giganti"), film che hanno per protagonisti sia dei kaijū che dei kaijin, ovvero "mostri umanoidi", e daikaijū, cioè "mostri giganti". Il capostipite dei kaijū è Gojira (Godzilla in Occidente), protagonista dell'omonimo film del 1954 della Toho Company Ltd.

Godzilla e Anguirus, due kaijū
Radon, un altro kaijū

I kaijū, nati dalla fantasia di team creativi giapponesi a partire dal dopoguerra, sono figure ispirate all'era atomica. Sovente, infatti, sono le radiazioni nucleari le vere protagoniste, essendo a loro imputate le mutazioni genetiche responsabili della nascita di questi mostri. Questi mostri e la mitologia ad essi associata hanno anche costituito l'origine di altre serie televisive e cinematografiche di ispirazione postatomica, dai super sentai fino ad arrivare ai mecha, inaugurando di fatto un vero e proprio genere.

Parallelamente all'uscita dei primi film, in Giappone si è assistito anche ad una sorta di iniziale forma di merchandising; molti dei mostri presentati nelle pellicole diventavano infatti giocattoli molto richiesti dai bambini dell'epoca. Oggi, quei personaggi spesso prodotti con plastiche di bassa qualità sono diventati veri e propri oggetti da collezione per appassionati.

Filmografia parzialeModifica

Qui sotto la lista dei film più celebri riguardanti i kaijū:

Film non giapponesiModifica

Lista di kaijūModifica

Kaijū della TohoModifica

Kaijū della DaieiModifica

Kaijū della TsuburayaModifica

Ultra kaijūModifica

Altri kaijū della TsuburayaModifica

Kaijū dei videogiochiModifica

  • Balkzardan
  • Barugaron
  • Razin
  • Vagnosaurus
  • Shiigan
  • Jyarumu
  • Super Godzilla
  • Obsidius
  • Krystalak
  • The Sphinx

Altri kaijūModifica

Kaijū di Pacific RimModifica

Kaijū del MonsterVerseModifica

BibliografiaModifica

  • Riccardo Esposito, Max Della Mora, Massimo Monteleone, Il Kaiju Eiga e la fantascienza, in Fant'Asia. Bologna, Granata Press, 1994 (ISBN 88-7248-100-7), pp. 25–44

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica