Kenshin samurai vagabondo: The Movie

Kenshin samurai vagabondo: The Movie
Requiem Ishin Shishi.jpg
Cover del DVD italiano
Titolo originaleるろうに剣心― 明治剣客浪漫譚―維新志士への鎮魂歌 (Rurōni Kenshin: Ishin Shishi e no chinkonka)
Lingua originalegiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno1997
Durata90 min
Rapporto1.78:1
Genereazione
RegiaHatsuki Tsuji
SoggettoNobuhiro Watsuki
SceneggiaturaShinichi Tsuji
ProduttoreAkio Wakana, Katsunori Narumo
Produttore esecutivoJunichiro Hisaita, Ryuzo Shirakawa
Casa di produzioneGallop, Fuji Television, SME Visual Works
MusicheTaro Iwashiro
Art directorTadashi Kudo

Kenshin samurai vagabondo: The Movie o Kenshin Samurai Vagabondo: Requiem per gli Ishin-shishi (るろうに剣心 ―明治剣客浪漫譚―維新志士への鎮魂歌 Rurōni Kenshin: Ishin Shishi e no chinkonka?) è un film anime prodotto da Studio Gallop tratto dalla serie televisiva Kenshin samurai vagabondo, uscito nel 1997 e diretto da Hatsuki Tsuji che ha anche curato il character design e le animazioni. L'edizione italiana a cura della Dynit è stata pubblicata il 21 aprile 2004[1].

TramaModifica

 
Kenshin in una scena del film

La storia di svolge a Yokohama, dove Kenshin è diretto insieme a Kaoru, Sanosuke e Yahiko. Arrivati, fanno subito la conoscenza di un abile samurai, Shigure, che interviene insieme a loro in aiuto di una giovane ragazza presa di mira da un gruppo di marinai. Tra Kenshin e Shigure sembra instaurarsi subito un rapporto di rispetto ed amicizia, ma il passato incombe ancora una volta sul nostro eroe: Shigure prepara a dare il via ad una rivolta militare contro il locale governo, e Kenshin si troverà a doverglielo impedire.

Colonna sonoraModifica

Sigla di apertura
Sigla di chiusura
  • 永遠の未来 (Towa no Mirai - Eternal Future) cantata da Animetal

Edizione italianaModifica

Il doppiaggio italiano presenta un cast di voci differente rispetto agli OAV Memorie del passato e Capitolo del tempo.

I titoli di coda riportano erroneamente le voci di Kaoru Kamiya e Hajime Saito, rispettivamente Letizia Scifoni e Roberto Certomà, invertite con quelle di Toki Takatsuki e Eibin Tabono, rispettivamente Antonella Baldini e Christian Iansante.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga