Ketama126

GOAT ITALIANO
Ketama126
NazionalitàItalia Italia
GenereAlternative hip hop
Trap
Cloud rap
Emo rap
Rap rock
Periodo di attività musicale2014 – in attività
EtichettaSony Music
Album pubblicati4
Studio4

Ketama126, pseudonimo di Piero Baldini (Latina, 30 marzo 1992), è un rapper e produttore discografico italiano.

BiografiaModifica

Nato a Latina, figlio di Adalberto Baldini, sassofonista non professionista e in seguito turnista nei concerti del duo Carl Brave x Franco126,[1][2] cresce a Roma, dove durante l'adolescenza fonda la crew Guasconi 126 (stilizzato CXXVI) assieme a Sean126 (successivamente noto come Pretty Solero), Franco126, Drone126, Asp126 e Gordo (successivamente anche Ugo Borghetti). Il loro nome deriva dai centoventisei gradini che compongono la Scalea del Tamburino tra Trastevere e Monteverde, zona spesso frequentata dai membri.[3] La scelta dello pseudonimo è legata ad un particolare aneddoto citato dallo stesso Ketama:

«Il nome Ketama nasce da molto prima che facessi rap, in una maniera molto più stupida e meno rocambolesca di quanto immagini. Avevo all’incirca 15 anni ed era una delle prime volte che andavo a casa del Gordo, un nostro caro amico venuto a mancare in circostanze molto drammatiche un paio di anni fa, ad un certo punto arrivò il padre di Gordo che disse al figlio riferendosi a me: “Stai attento quello è un'acqua cheta!”. Da lì in poi Gordo e tutti gli altri decisero di chiamarmi Keta, che poi divenne Ketama, o Tama.[4]»

Oltre ad essere un rapper, è anche produttore di molti dei suoi brani. Come beatmaker utilizza talvolta l'alias Tama.[5]

Primi anni (2014-2015)Modifica

Nel 2014 pubblica il mixtape Dieci Pezzi in collaborazione con SeanyDelRey (precedentemente noto come Sean126 e successivamente come Pretty Solero).[6] Nel mixtape sono presenti le collaborazioni con Nino Brown e Carl Brave in alcuni brani, anche se quasi la totalità delle produzioni sono a cura dell'artista.

L'anno seguente pubblica il suo album di debutto Benvenuti a Ketam City, sotto l'etichetta Smuggler's Bazaar.[7] Nell'album sono presenti featuring con Franco126, Side (già membro della Dark Polo Gang) e Pretty Solero. Le produzioni sono a cura di Drone126, Il Tre, Nino Brown e lo stesso Ketama.

Oh Madonna (2016-2017)Modifica

Nel 2016 annuncia il suo secondo disco ufficiale, Oh Madonna,[8] pubblicato il 6 giugno 2017 per le etichette Asian Fake e Soldy Music (quest'ultima fondata dall'artista). La scelta del nome viene giustificata da Ketama in un'intervista:[9]

«Diciamo che non viviamo in una bella epoca. È sia un’imprecazione contro tutto ciò che ci riserva la vita di negativo sia un’esortazione a fare di meglio.»

Il rilascio dell'album viene anticipato dalla pubblicazione di alcuni brani già rilasciati nel corso del 2016 come Pantani e Canadair in collaborazione con Carl Brave. Nel corso del 2017 pubblica tre ulteriori singoli a distanza di un mese dall'altro in anticipazione all'album: Fiocco di Neve, Dolcevita e Piccolo Kety. I già citati singoli vengono tutti accompagnati dai rispettivi videoclip. L'album vede la partecipazione di molti membri della Lovegang tra cui Carl Brave (sia come rapper che come produttore), Franco126 e i produttori Drone126 e Nino Brown. Le restanti produzioni sono realizzate dai producer romani Kamyar e G Ferrari, oltre che da Ketama stesso (con l'alias Tama).

Rehab (2017-2018)Modifica

Nel corso del 2017, successivamente alla pubblicazione del suo secondo album Oh Madonna, pubblica un nuovo singolo dal titolo Giovane e Selvaggio con relativo videoclip. In seguito collabora con Drone126 per la realizzazione dei brani Pillole blu e La danza dei soldi; quest'ultimo brano fa parte di un progetto, chiamato Amor Vincit Omnia, composto da tre canzoni interamente prodotte dallo stesso Drone126 in collaborazione con Franco126, Pretty Solero e, appunto, Ketama.[10]

Nel 2018 è la volta del nuovo album che viene annunciato, seppur non ufficialmente, da alcuni post pubblicati da Ketama su Instagram, nei giorni precedenti l'uscita, che scandivano un count-down. L'album viene anticipato dal rilascio del brano dal titolo Con te e del relativo videoclip. Il disco, privo di una data di pubblicazione, viene pubblicato a sorpresa il 25 maggio 2018 per le etichette Asian Fake e Soldy Music con il titolo Rehab[11]. Rehab è interamente prodotto dall'artista, con contributi di G Ferrari e Close Listen. Le uniche collaborazioni presenti nell'album vedono come protagonisti i compagni di crew, Pretty Solero e Franco126. Il disco, inizialmente rilasciato soltanto come copia virtuale, viene pubblicato anche in edizione fisica nel luglio 2018.

Kety (2019-presente)Modifica

Il 23 maggio 2019 pubblica il primo singolo estratto dall'album successivo: Scacciacani, in collaborazione con il rapper lombardo Massimo Pericolo.[12]

Il 25 settembre dello stesso anno annuncia sul proprio profilo Instagram la data di uscita del nuovo album, Kety.[13] L’uscita di quest’ultimo viene anticipata dal singolo Cos'è l'amore, un featuring postumo con Franco Califano, principale esponente della scuola cantautorale romana, di cui è stato campionato un ritornello da un brano inedito. Il disco viene pubblicato il 18 ottobre e vede la collaborazione di diversi artisti appartenenti alla scena rap italiana, tra cui Massimo Pericolo, Noyz Narcos, Fabri Fibra, Tedua, Speranza, Generic Animal e Franco126.[14]

Il 20 dicembre 2019 realizza una versione remixata del singolo In questa città, di Max Pezzali. La copertina del nuovo singolo, chiamato In questa città (Roma Milano Remix), è stata disegnata dal fumettista italiano Zerocalcare.[15]

Il 3 luglio 2020 viene pubblicata l'edizione deluxe dell'album in studio Kety, denominata Reborn. Contenente cinque tracce inedite, è stata pubblicata anche in versione doppio vinile; tra i nuovi ospiti è presente Side Baby, ex-componente del collettivo romano Dark Polo Gang.[16][17] Il 25 settembre partecipa come ospite al singolo di Lil Jolie Panico, pubblicato da Warner Music Group e accompagnato da un video musicale pubblicato su YouTube.[18]

Stili ed influenzeModifica

Nel corso della sua carriera Ketama, ha più volte ribadito di essere stato influenzato dal genere rock e da tutto ciò che ne consegue. In particolare nel suo terzo album Rehab, in brani come Lucciole e la titletrack si può percepire tale influenza.[19] In una intervista rilasciata per la rivista, in edizione italiana, Rolling Stone ha affermato:

«Al liceo suonavo anche il basso nella tipica cover band dei Black Sabbath, dei Metallica, dei Red Hot Chili Peppers. A un certo punto però, quando sono cresciuto, la mia attenzione si è spostata sul rap. Mi è venuto naturale di mischiare le due cose all’interno della trap.[20]»

L'album è inoltre fortemente influenzato da artisti come XXXTentacion e Lil Peep.[21][22]

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

MixtapeModifica

SingoliModifica

Come artista principaleModifica

  • 2015 – 4:20 (feat. Franco)
  • 2015 – Nella Trappola
  • 2015 – Grattachecca
  • 2015 – Non mi tocca
  • 2016 – Nina
  • 2016 – Pezzi de Carta
  • 2016 – One
  • 2017 – Lacoste
  • 2017 – Giovane e selvaggio
  • 2018 – Con te
  • 2019 – Baby Droga Freestyle (64 Bars)
  • 2019 – Scacciacani (feat. Massimo Pericolo)
  • 2019 – Cos'è l'amore (con Don Joe feat. Franco126 e Franco Califano)
  • 2020 – Nonmifreagaunca

Come artista ospiteModifica

NoteModifica

  1. ^ Carl Brave, da Polaroid a Notti Brave con tanti ospiti: “Le mie canzone scritte girando per Roma”, fanpage.it. URL consultato il 14 gennaio 2019.
  2. ^ Francesca Romano, Carl Brave, il tour Notti Brave sbarca in Europa: tutte le date, su urbanpost.it, 8 maggio 2019. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  3. ^ Cecilia Esposito, Cuore, sangue, sentimento, musica: tutto sul collettivo 126, su sorrisi.com, 28 maggio 2018. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  4. ^ Intervista: KETAMA 126 - InTheFlesh, su InTheFlesh, 8 agosto 2018. URL consultato il 26 agosto 2018.
  5. ^ Ugo Borgetti X Ketama 126 – Cancun [prod. Tama], su hiphoptender.com, 11 agosto 2017. URL consultato il 15 gennaio 2020.
  6. ^ (EN) 10 Pezzi by Ketama126 & Sean126, su Genius. URL consultato il 26 agosto 2018.
  7. ^ Ketam-City on iTunes, su music.apple.com. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  8. ^ Ketama126 - Oh Madonna, su Rockit.it. URL consultato il 26 agosto 2018.
  9. ^ (EN) Oh Madonna by Ketama126, su Genius. URL consultato il 26 agosto 2018.
  10. ^ Drone126 “Amor Vincit Omnia” (Franco126, Pretty Solero, Ketama126): un cortometraggio presenta i tre nuovi singoli, su hiphopstarztour.com, 6 aprile 2018. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  11. ^ Ketama126 - Rehab, su Rockit.it. URL consultato il 26 agosto 2018.
  12. ^ Esce oggi venerdì 24 maggio il nuovo singolo di KETAMA 126 + MASSIMO PERICOLO SCACCIACANI, Prod. Crookers & Nic Sarno, su Sony Music. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  13. ^ Post di Ketama126 su Instagram, su instagram.com. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  14. ^ Billboard Italia, Il nuovo album di Ketama 126 è “Kety”, su www.billboard.it. URL consultato il 22 ottobre 2019.
  15. ^ Max Pezzali incontra Ketama126, su Rolling Stone, 19 dicembre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  16. ^ Torna Ketama126, cinque inediti nella nuova versione di “Kety”, su la Stampa, 3 luglio 2020. URL consultato il 3 luglio 2020.
  17. ^ Giovanni Ferrari, Ketama126: «Perdere il disagio può essere un problema per l’ispirazione», su Billboard, 2 luglio 2020. URL consultato il 3 luglio 2020.
  18. ^ Erika Musarò, Lil Jolie pubblica Panico, il nuovo singolo con Ketama126, su La casa del rap, 25 settembre 2020. URL consultato il 25 settembre 2020.
  19. ^ Claudia Maddaluno, Ketama126 ti racconta Rehab traccia dopo traccia, su dlso.it. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  20. ^ Rolling Stone Italia, Ketama126: storia di un ex metallaro, su Rolling Stone Italia. URL consultato il 26 agosto 2018.
  21. ^ Marco Bianchessi, Con la prima parte di “Rehab” si apre una nuova fase per Ketama126., su rapologia.it, 4 luglio 2018. URL consultato il 18 ottobre 2019.
  22. ^ Elia Alovisi, Ketama126 fa schifo, su Vice, 30 maggio 2019. URL consultato il 18 ottobre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica