La ragazza dello Sputnik

romanzo scritto da Haruki Murakami
La ragazza dello Sputnik
Titolo originaleSupūtoniku no koibito
AutoreHaruki Murakami
1ª ed. originale1999
GenereRomanzo
SottogenereRomanzo d'amore
Lingua originale giapponese
AmbientazioneGiappone, Grecia
ProtagonistiSumire
Altri personaggiMyu
Preceduto daL'uccello che girava le viti del mondo
Seguito daKafka sulla spiaggia

La ragazza dello Sputnik (スプートニクの恋人 Supūtoniku no koibito?) è un romanzo di Haruki Murakami del 1999. La prima traduzione italiana di Giorgio Amitrano è stata pubblicata nel 2001 per i tipi di Einaudi, nella collana "I coralli".

Indice

TramaModifica

Sumire è una giovane adulta giapponese amante della letteratura e della scrittura che vive da sola in un modesto appartamento, il suo unico amico e confidente è il narratore, un maestro di cui non si conosce il nome il quale però ha un ruolo fondamentale nella vita della protagonista, nei confronti della quale prova un amore profondo e incondizionato. La ragazza è inizialmente reticente a qualsiasi tipo d’amore passionale, chiusa nel suo mondo letterario, fino al momento in cui incontra Myu, una donna d’affari esperta di vini e amante del cibo. Myu e Sumire iniziano un rapporto di amicizia e lavoro, che le porterà a viaggiare per l’Europa. Nel frattempo il narratore viene contattato saltuariamente da Sumire, che gli riporta le sensazioni del viaggio e gli istinti sessuali nei confronti della compagna. Mentre si trovano in un’isoletta greca di cui non si conosce il nome, vicino a Rodi, Myu contatta l’amico di Sumire chiedendogli di raggiungerla in quanto Sumire aveva bisogno di lui. Senza perdere tempo il narratore raggiunge l’isola e dopo aver conosciuto Myu apprende della scomparsa dell’amica. Partono le ricerche, ma di Sumire non c’è traccia. Da alcuni documenti nascosti nel pc di Sumire il narratore viene a conoscenza della surreale storia di Myu, la quale in seguito ad un episodio, oltre ad aver perso il colore dei capelli, si sarebbe sdoppiata, perdendo una parte di sé, che viveva nei pressi della ragazza, ma sembrava di un altro pianeta. Il narratore lascia poi l’isola dopo aver stretto un particolare rapporto anche con Myu e con la sensazione reciproca che Sumire fosse ancora viva, ma semplicemente in un altro posto, lontana dalla terra.

Tornato in patria, il narratore torna ad insegnare, ma viene sottolineato un particolare momento con uno studente, figlio della sua amante, un bambino che, invece di subire una raccomandazione, ascolterà più uno sfogo del maestro. Sul finale quest’ultimo riceve una chiamata, è Sumire, ‘tornata da un’odissea’.

I personaggiModifica

Personaggi principaliModifica

  • Myu: donna matura, sposata, benestante.
  • Sumire: ragazza impulsiva, disordinata, generosa, appassionata dello scrittore Jack Kerouac.

EdizioniModifica

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura