Apri il menu principale
Leucotea
Leucothea Allasseur cour Carree Louvre.jpg
Leucotea, di Jean Jules Allasseur esposta al Louvre
Nome orig.Λευκοθέα
SpecieDivinità marina
SessoFemmina

Leucotea (in greco antico: Λευκοθέα, Leukothéa) e letteralmente "Dea bianca", da intendersi forse come "'La dea che scorre sulla schiuma del mare" è un personaggio della mitologia greca ed è una divinità del mare[1].

Nella mitologia romana viene identificata con la dea Mater Matuta[2][3][4].

GenealogiaModifica

La Dea Leucotea non è stata generata e non ha avuto sposi o figli.

MitologiaModifica

 
Leucotea scioglie il velo dai capelli per darlo ad Odisseo John Flaxman (1810)

Di Leucotea, la "dea marina bianca" ed a volte invocata dai marinai in difficoltà[1], si ha l'esempio più esplicito nell'Odissea quando Omero scrive che emerge dal mare e dona un velo ad Odisseo, quasi naufrago ed in balia dei venti[5] mentre, a riguardo della sua adorazione terrena, ne esiste traccia tra gli scritti di Alcmane che, nel settimo secolo a.C., scriveva dell'esistenza di un santuario a lei dedicato[6].

Se si considera che la tradizione mitologica dei greci è sempre stata quella di attribuire ad ogni personaggio divino un'ascendenza immortale, la figura di Leucotea rappresenta un'eccezione poiché nei suoi riguardi non esiste alcuna testimonianza che confermi questa consuetudine ed invece sono molte le opere (o leggende) che le attribuiscono un'origine umana.

Le origini mortaliModifica

Tra le due versioni che fanno risalire Leucotea ad una precedente donna mortale, la più diffusa porta ad Ino che, nel riassunto dei suoi svariati miti, commise (od assistette) ad un crimine verso i suoi figli ed in seguito si gettò nel mare.
Ino fu poi tramutata in Leucotea per volere degli dei[7][3][8][9].

Diversamente dal numero di autori che scrivono di Ino, uno solo (Diodoro Siculo, che tra l'altro non scrive di Ino), racconta di una ninfa di nome Alia che si gettò nel mare per la vergogna della violenza subita dai suoi stessi figli.
Anche Alia prese in seguito il nome di Leucotea[10].

Nella consuetudine delle diverse leggende il contatto del corpo mortale con il mare trasforma la protagonista in una Dea.

Apoteosi del personaggioModifica

Dopo che si gettò in mare, Leucotea fu trasportata da un delfino fino alle spiagge di Corinto dove il re locale (Sisifo) istituì i Giochi Istmici e delle celebrazioni annuali in suo onore[11][12].

Nella vicina Megaride la tradizione invece dice che furono le onde a portarne il corpo a riva e che fu trovato e seppellito da due donne vergini[13].

A Rodi, l'isola di cui scrive Diodoro Siculo, divenne dea dopo essersi gettata in mare[10].

Il latino Cicerone asserisce che è da ritenersi divina come Leucotea in Grecia ed a Roma con il nome di Matuta[2].

Culto di LeucoteaModifica

Il culto, i templi ed i monumenti dedicati a Leucotea, si estendeva dalla Grecia continentale[13], alle isole dell'Egeo[10], alle coste del Mar Nero[14] e fino all'Etruria[15].

La più antica attestazione giunta a noi del culto di Leucotea e risalente al III secolo a.C. è una stele in marmo rinvenuta a Larissa oggi conservata all'Archaeological and Byzantine Myseum of Larissa[16] di Volos.

Autori contemporaneiModifica

Leucotea viene citata più volte nell'opera Dialoghi con Leucò di Cesare Pavese.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Leucotea, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  2. ^ a b Cicerone, De natura deorum II, 19
  3. ^ a b (EN) Igino, Fabulae 2, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  4. ^ Plutarco, Questioni romane 13
  5. ^ (EN) Omero, Odissea V, 333, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  6. ^ Alcmane, frammento 4a (Il poeta Alcmane nel frammento scrive Sono venuto nell'incantevole santuario di Leucotea...)
  7. ^ (EN) Ovidio, Le metamorfosi IV, 512, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  8. ^ (EN) Nonno di Panopoli, Dionisiache X, 67 e seguenti, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  9. ^ (EN) Apollodoro, Biblioteca III, 4.3 e seguenti, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  10. ^ a b c (EN) Diodoro Siculo, Biblioteca Historica V, 55.1 e 4, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  11. ^ Giovanni Tzetzes a Licofrone 107
  12. ^ Scoli a Pindaro, Istmiche p. 514
  13. ^ a b (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia I, 42.7, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  14. ^ Strabone, Geographia XI, 2. 17
  15. ^ Claudio Eliano, Varia historia I, 20
  16. ^ Diachronic Museum of Larissa

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca