Apri il menu principale
Locomotiva FS Gr. 380
Locomotiva a vapore
Locomotiva FS 380.jpg
Locomotiva 380 fotografata nel 1906/07 ancora con le vecchie marcature MR sul tender
Anni di progettazione 1868
Anni di costruzione 1870-1874
Anni di esercizio 1906-1929
Quantità prodotta acquistate usate:50
Costruttore Vulcan Foundry di Newton-Le Willows
Dubs & C di Glasgow
Dimensioni 15.058 mm x ??? x 3.873 mm
Interperno 5.029 (passo rigido)
Passo dei carrelli 2.591 mm
Massa in servizio 66,8 t (tender compreso)
Tipo di motore a vapore
Alimentazione carbone
Velocità massima omologata 60 km/h
Rodiggio 0-3-0
Diametro ruote motrici 1.570 mm
Distribuzione a cassetto
sistema Stephenson
Tipo di trasmissione bielle
Numero di cilindri 2 esterni
Diametro dei cilindri 432 mm mm
Corsa dei cilindri 610 mm
Superficie griglia 1,64 
Superficie riscaldamento 103,34 m²
Pressione in caldaia 10
Potenza continuativa 290 (a 30 km/h) kW
Forza di trazione massima 5.920 kg
Forza allo spunto 5.700 kg
Modello in scala H0 di una locomotiva 380, esposto alla fiera Hobby Model Expo del 2012

La locomotiva a vapore gruppo 380 era una locomotiva a tre assi con tender, alimentata a carbone, che le Ferrovie dello Stato acquisirono usate dalla compagnia inglese Midland Railway nel 1906 poco dopo la loro costituzione.

StoriaModifica

Le locomotive del gruppo vennero acquisite dalle Ferrovie dello Stato nel 1906 in numero di 50 e furono immatricolate nel gruppo 380 del parco macchine. Si trattava di macchine di concezione antiquata il cui progetto risaliva alla seconda metà degli anni 60 del XIX secolo, ma semplici, robuste ed affidabili particolarmente adatte alla trazione dei treni merci. Le 380 appartenevano al gruppo 700 abbastanza numeroso e diffuso soprattutto presso la compagnia ferroviaria inglese Midland Railway che le utilizzava soprattutto come muli da tiro per i suoi treni merci.[1] Le locomotive acquistate dopo le trattative condotte secondo le direttive di Riccardo Bianchi miravano a risolvere un grave problema evidenziatosi subito dopo la nazionalizzazione delle ferrovie nel 1905: la seria carenza di mezzi di trazione efficienti e di pronta utilizzazione. Infatti il parco ereditato, oltre che eterogeneo al massimo, contava molti mezzi antiquatissimi e di scarse prestazioni; le locomotive migliori erano per lo più quelle veloci e per viaggiatori. Nelle more della costruzione di nuove unità si preferì ricorrere all'usato ed affidabile lotto di 380. Quelle giunte in Italia nel 1906 erano state costruite dalla Vulcan Foundry di Newton-le-Willows (unità da 3801 a 3820) e dalla Dübs and Company di Glasgow (le successive). Tre unità andarono perdute in un incidente ferroviario, le ultime cessarono il loro onesto servizio nel 1929.

CaratteristicheModifica

Le locomotive del Gruppo 380 FS erano mezzi di trazione estremamente semplici e robusti, studiati per ogni tipo d'impiego e in particolare per servizio merci. Di classica forma inglese erano costruite con telaio esterno alle ruote e biella motrice d'accoppiamento esterna; l'asse anteriore traslava trasversalmente di 25 mm per consentire una migliore inscrivibilità in curva. Pesavano 39,9 t in assetto di servizio e questo era anche il loro peso aderente. Erano a vapore saturo, con pressione massima in caldaia di 10 bar e a semplice espansione con 2 cilindri interni; la distribuzione era del tipo Stephenson a cassetto piano interna al telaio. La caldaia aveva una lunghezza di 5.003 mm, conteneva un volume di acqua di 3,1 m³ e di vapore di 1,12 m³ con pressione massima di taratura a 10 bar e una produzione oraria di vapore asciutto di 5.050 kg[2].

Le macchine avevano un forno delle dimensioni di 1.540 x 1.029 mm con altezza media sulla griglia di 1.610 mm; questa aveva una superficie utile di 1,64 m². Il numero di tubi bollitori era di 244 del diametro di 41/37 mm con lunghezza tra le piastre estreme di 3.317 m. La superficie tubiera complessiva era di 94 m² cui si aggiungeva quella soprastante la volta del forno che era di 9,34 m² raggiungendo complessivamente 103,34 m² di superficie di riscaldamento dell'acqua a contatto con i fumi caldi[2].

La locomotiva era in grado di esercitare una forza di trazione (sforzo di trazione) massima pari a 5.920 kg e continua a velocità di 30 km/h di 3.520 kg; allo spunto con coefficiente di aderenza 1/7 sviluppava 5.700 kg. La potenza non era molto elevata: 290 kW ma le capacità di spunto e le ruote di 1.510 le permettevano di raggiungere i 65 km/h[2].

Il tender era a tre assi, della massa totale di 26,8 t, con 9 m³ di acqua e 4,5 t di carbone trasportati. Il freno era solo quello a vapore.

Ricevettero dai ferrovieri il soprannome Le inglesine.[3]

NoteModifica

  1. ^ Le locomotive gruppo 380, in iTreni oggi. Edizioni ETR, Desenzano, 1981.
  2. ^ a b c L'album delle locomotive a vapore, Tav. 51.
  3. ^ Bruno Bonazzelli,L'Album delle Locomotive.

BibliografiaModifica

Fonti a stampaModifica

  • Servizio materiale e trazione, L'album delle locomotive a vapore, vol. I, Ferrovie dello Stato, 1915.

Storiografia e complementiModifica

  • Zeta Zeta (Bruno Bonazzelli), L'album delle locomotive, in HO Rivarossi (Como, Rivarossi), nº 31, 1959, p. 10.
  • Franco Castiglioni, Il Gruppo 380 FS, in I treni (Salò, ETR), nº 281, 2006, pp. 12-16.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti