Apri il menu principale

Luciana (Fauglia)

frazione del comune italiano di Fauglia

StoriaModifica

La tradizione fa risalire le origini di Luciana all'antica famiglia dei Luci, coloni romani che possedevano queste terre.[1] Le prime notizie certe, tuttavia, risalgono al Medioevo: il 2 maggio 1292 è stipulato a Luciana un contratto di vendita, mentre nel testamento del nobile pisano Baciameo Gualandi del settembre 1315 risulta che il villaggio era proprietà dei Gualandi i quali qui producevano annualmente 50 staia di grano.[1]

Il 20 ottobre 1406 il borgo fu sottomesso a Firenze.[1] In epoca moderna, in seguito alle riforme lorenesi nel 1776, Luciana fu inserito nella podesteria di Rosignano e nella cancelleria di Lari.[1] Il borgo fu sconvolto da un violento terremoto il 14 agosto 1846.[1]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

  • Chiesa di Santa Lucia, chiesa parrocchiale della frazione, è stata costruita nel 1740 su di un preesistente edificio di origine medievale, ricordato già nel 1227 e dipendente dal piviere di Scontriano.[1] Gravemente danneggiata dal terremoto del 1846, è stata restaurata nel 1856.
  • Villa Rosselmini, edificio già proprietà dei Poggibonsi di Pisa e poi dei Malenchini, conserva all'interno del proprio giardino alcune pietre miliari della via Emilia.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 2, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 455–458.

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 2, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 455–458.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Provincia di Pisa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Provincia di Pisa