Apri il menu principale

Luigi di Borbone-Vendôme (1612-1669)

cardinale francese
Luigi di Borbone-Vendôme
Louis de Vendôme duc de Mercoeur by Dumonstier.jpg
Luigi di Borbone-Vendôme nel 1630, in un ritratto a matita di Daniel Dumonstier
Duca di Vendôme
Stemma
In carica 22 ottobre 1665 –
12 agosto 1669
Predecessore Cesare di Borbone-Vendôme
Successore Luigi Giuseppe di Borbone-Vendôme
Trattamento Sua Altezza Serenissima
Nascita Parigi, ottobre 1612
Morte Aix-en-Provence, 12 agosto 1669
Dinastia Borbone-Vendôme
Padre Cesare di Borbone-Vendôme
Madre Francesca di Lorena
Consorte Laura Mancini
Figli
Religione Cattolicesimo
Firma Signature of Louis de Vendôme, Duke of Vendôme.png
Luigi II di Borbone-Vendôme
cardinale di Santa Romana Chiesa
Estampes par Nicolas de Larmessin.f117.Louis II de Vendôme.jpg
Ritratto del cardinale Borbone-Vendôme
Template-Cardinal (not a bishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Natoottobre 1612 a Parigi
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Creato cardinale7 marzo 1667 da papa Alessandro VII
Deceduto12 agosto 1669 (56 anni) a Aix-en-Provence
Firma
Signature of Louis de Vendôme, Duke of Vendôme.png
 

Luigi di Borbone-Vendôme (Parigi, ottobre 1612Aix-en-Provence, 12 agosto 1669) fu duca di Mercœur, nel 1665 quinto duca di Vendôme, duca di Étampes e conte di Penthièvre.

Indice

BiografiaModifica

I primi anni e la carriera militareModifica

Figlio di Cesare di Borbone-Vendôme e di Francesca di Lorena.

Nel 1630, assieme al fratello duca di Beaufort ed al re Luigi XIII compì un viaggio in Savoia, sviluppando quel forte legame con la corte reale francese che gli sarebbe divenuto particolarmente utile negli anni successivi. Arruolatosi come volontario nella Guerra dei Trent'anni venne gravemente ferito all'assedio di Arras del 1640. Terminato il conflitto, nel periodo della Fronda rimase associato alla fazione realista. Nel 1649 si propose durante il conflitto di istituire un reggimento di cavalleria a proprie spese ed ottenne successivamente il comando dell'esercito del vicereame di Catalogna per poi divenire governatore della Provenza nel 1652 per poi passare dal 1656 al comando dell'esercito francese in Lombardia.

Cardinale di Santa Romana ChiesaModifica

Dopo la morte della moglie[1] nel 1657, si innamorò di Lucrèce Forbin-Soliés, soprannominata la "Belle di Canet", vedova di Henri de Rascas, barone di Canet, comandante delle guardie di Aix-en-Provence. Per questo motivo, proprio ad Aix-en-Provence, egli fece costruire il "pavillon Vendôme", per ospitare l'amata che era intenzionato anche a sposare, ma le pressioni che gli pervennero da Luigi XIV lo indussero a rinunciare a quest'idea. Amareggiato, decise di ritirarsi in un convento di cappuccini e fu nominato cardinale diacono da Papa Alessandro VII, che gli assegnò il titolo di Santa Maria in Portico Campitelli. Partecipò al conclave del 1667 che elesse papa Clemente IX e divenne successivamente legato a latere in Francia al battesimo del Delfino di Francia, figlio di Luigi XIV, il 16 gennaio 1668.

Morì ad Aix-en-Provence il 12 agosto 1669 e fu sepolto a Vendôme. La notizia della sua morte raggiunse Roma il 22 agosto 1669.

Matrimonio e figliModifica

Nel 1651 sposò Laura Mancini (Roma, 1636 – Parigi, 1657), nipote del cardinale Mazarino dalla quale ebbe:

AntenatiModifica

Luigi di Borbone, Duca di Vendôme Padre:
Cesare di Borbone, Duca di Vendôme
Nonno paterno:
Enrico IV di Francia
Bisnonno paterno:
Antonio di Borbone, Duca di Vendôme
Trisnonno paterno:
Carlo di Borbone, Duca di Vendôme
Trisnonna paterna:
Francesca d'Alençon
Bisnonna paterna:
Giovanna III di Navarra
Trisnonno paterno:
Enrico II di Navarra
Trisnonna paterna:
Margherita d'Angoulême
Nonna paterna:
Gabrielle d'Estrées
Bisnonno paterno:
Antoine d'Estrées
Trisnonno paterno:
 
Trisnonna paterna:
 
Bisnonna paterna:
Françoise Babou
Trisnonno paterno:
 
Trisnonna paterna:
 
Madre:
Francesca di Lorena, duchessa di Mercoeur e di Penthièvre
Nonno materno:
Filippo Emanuele di Lorena
Bisnonno materno:
Nicola di Lorena
Trisnonno materno:
Antonio di Lorena
Trisnonna materna:
Renata di Borbone
Bisnonna materna:
Giovanna di Savoia
Trisnonno materno:
Filippo di Savoia, Duca di Nemours
Trisnonna materna:
Carlotta d'Orléans
Nonna materna:
Maria del Lussemburgo, duchessa di Penthièvre
Bisnonno materno:
Sebastiano del Lussemburgo
Trisnonno materno:
Francesco del Lussemburgo
Trisnonna materna:
Charlotte de Brosse
Bisnonna materna:
Marie de Beaucaire
Trisnonno materno:
 
Trisnonna materna:
 

NoteModifica

  1. ^ Laura Vittoria Mancini morì dando alla luce il terzo figlio, Giulio Cesare di Vendôme.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN63993821 · ISNI (EN0000 0000 6138 3077 · GND (DE1017912343 · BNF (FRcb10066546j (data)