Apri il menu principale
Lumen Gentium
Costituzione apostolica
Stemma di Paolo VI
Pontefice Paolo VI
Data 21 novembre del 1964
Anno di pontificato II
Traduzione del titolo Lume dei popoli
Costituzione papale nº II conciliare
Costituzione precedente Sacrosanctum Concilium
Costituzione successiva Dei Verbum

La Lumen Gentium (dal latino e significa Luce delle Genti o, meglio, Lume dei Popoli) è la seconda delle quattro costituzioni dogmatiche del concilio ecumenico Vaticano II, insieme alla Sacrosanctum Concilium, Dei Verbum e Gaudium et Spes. Fu emessa il 21 novembre del 1964 e promulgata da papa Paolo VI il 21 novembre dello stesso anno.

Indice

ContenutoModifica

Il tema trattato è la dottrina cattolica sulla Chiesa. Riguarda l'autocomprensione che la Chiesa ha di sé stessa, la sua funzione spirituale e la sua organizzazione.

È costituita da 8 capitoli:

  • Capitolo I: Il Mistero della Chiesa. Viene illustrato il mistero della Chiesa e della sua relazione con Cristo.
  • Capitolo II: Il Popolo di Dio. Viene trattato il popolo di Dio e il rapporto tra la Chiesa e le altre confessioni religiose o gli atei.
  • Capitolo III: Costituzione gerarchica della Chiesa. È illustrata la struttura gerarchica della Chiesa, con particolare riferimento all'Episcopato.
  • Capitolo IV: I Laici. Descrive il ruolo dei laici nella struttura ecclesiastica e la loro missione ecclesiale.
  • Capitolo V: Universale Vocazione alla Santità nella Chiesa. Il tema dominante è la chiamata che tutti i cristiani hanno per conseguire la santità.
  • Capitolo VI: I Religiosi.
  • Capitolo VII: Indole Escatologica della Chiesa Peregrinante e sua Unione con la Chiesa Celeste.
  • Capitolo VIII: La Beata Maria Vergine Madre di Dio nel Mistero di Cristo e della Chiesa. Maria viene presentata come figura della Chiesa.

A questi capitoli si aggiungono alla fine:

Novità del documentoModifica

La Lumen Gentium presenta la Chiesa non tanto in forma gerarchica (papa, vescovi, presbiteri e laicato) quanto come popolo di Dio, dove prende grande rilievo il battesimo come comun denominatore di tutti i cristiani.

Per dare una qualificazione teologica a questa schema di Chiesa proposto dal Concilio, fu approvata la nota esplicativa previa: "Tenuto conto dell'uso conciliare e del fine pastorale del presente Concilio, questo definisce come obbliganti per tutta la Chiesa i soli punti concernenti la fede o i costumi, che esso stesso abbia apertamente dichiarato come tali".
Il documento si presenta come una costituzione dogmatica, ed è al contempo concluso da una nota che lo qualifica non come dogmatico, ma di tipo pastorale -sia nel fine che nel contenuto- ad eccezione di eventuali punti diversamente indicati.

Secondo mons. Gherardini, questa caratteristica pastorale e non dogmatica sarebbe propria di tutto il Concilcio Vaticano II. I documenti conciliari non conterrebbero né dogmi né condanne di errori, ma la proposta di nuove verità, potenzialmente accettabili in ragione della loro conformità al Magistero e alla Tradizione della Chiesa Cattolica[1].

NoteModifica

  1. ^ Paola Pasqualucci, La critica le nuove ed ambigue dottrine del pastorale Vaticano II, Fraternità Sacerdotale San Pio X, 24 dicembre 2012. URL consultato il 30 marzo 2019 (archiviato il 26 marzo 2019).

BibliografiaModifica

  • Gérard Philips, La Chiesa e il suo mistero nel Concilio Vaticano 2. : storia, testo e commento della Costituzione Lumen Gentium, Milano, Jaca Book, 1975, e successive edizioni 1982 e 1989 (titolo originale: L'Eglise et son mystere);
  • Ciriaco Scanzillo, La Chiesa sacramento di comunione, commento teologico alla Lumen gentium, Napoli, Edizioni dehonianae, 1987 e successive edizioni: 1989;
  • Umberto Betti, La dottrina sull'episcopato del Concilio Vaticano II: il capitolo 3. della costituzione dogmatica Lumen gentium, Antonianum. Roma 1984.
  • Guido Pozzo, Costituzione dogmatica sulla Chiesa Lumen gentium, introduzione e commento di Guido Pozzo, Casale Monferrato, Piemme, 1988;

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN215163942 · GND (DE4140269-8 · WorldCat Identities (EN215163942
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo