Lumiq Studios

Lumiq Studios
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione2002 a Torino
Fondata daFata Finmeccanica, Euphon, Ahrold
Chiusura2013 fallimento
Sede principaleTorino
Settoremedia e cinema
Prodotticartoni animati e produzioni cinematografiche

Lumiq Studios S.r.l è stata un'azienda italiana, di proprietà pubblica, che produceva cartoni animati CGI[1] e film in live action. Forniva servizi tramite i propri Teatri di posa, offrendo supporto ad attività di post produzione e digital intermediate, operando nell'ideazione, sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti e servizi per il cinema, la televisione, la pubblicità, la multimedialità e il new media.

La sede era a Torino, in Corso Lombardia 190, nel complesso di Virtual Reality & Multi Media Park, ossia presso i vecchi studi Fert.

Tramite la Virtual, che la controllava al 100%, Lumiq era posseduta da Comune di Torino, Città metropolitana di Torino, Regione Piemonte, Università e Politecnico di Torino.

FilmografiaModifica

Lungometraggi e cortometraggiModifica

  • The Devil's Violinist, 2013 - produzione esecutiva (Italian Unit)
  • Black to the moon 3D[2], 2012, animazione, 90 min, coproduzione con Baleuko films, distribuzione
  • Italian Movies, 2012, live action, 90, coproduzione con Indiana Production
  • Quando la notte, 2011, live action, 90, coproduzione con Cattleya
  • C'è chi dice no, 2011, live action, 35 mm, 83 minuti - associazione in partecipazione con Cattleya
  • Un Altro Mondo, 2010, live action, 35 mm, 83 minuti - associazione in partecipazione con Cattleya
  • La Donna della mia vita, 2010, live action, 35 mm, 83 minuti - associazione in partecipazione con Cattleya
  • OGR: Officine Grandi Riparazioni, 2010, video documentario - produzione
  • Promeny, 2009, live action, 35 mm, 83 minuti - coproduzione con la Repubblica Ceca
  • Donkey Xote, 2007, animazione 3D, 35 mm, 90 minuti, coproduzione con la spagnola Filmax Animation; il film ha il riconoscimento di interesse culturale del MiBAC
  • La notte eterna del coniglio, 2007, orrore, 35 mm, 72 minuti, coproduzione con RAI: dopo una guerra nucleare, quattro famiglie torinesi si ritrovano a sopravvivere in altrettanti bunker a tenuta d'aria e comunicano tra loro attraverso un sistema satellitare. Sanno di non poter uscire a causa dell'atmosfera radioattiva, ma anche di non poter sopravvivere abbastanza a lungo nei bunker. A un certo punto si iniziano a sentire dei colpi alla porta di uno dei rifugi...
  • Prisoners of Freedom, 2005,diretto da Laura Quaglia, film storico su Solidarność, 35 mm, 85 minuti; tra i protagonisti Lech Wałęsa ed il generale Wojciech Jaruzelski. Dopo la caduta del muro di Berlino, due donne, una delle quali impiegata ai cantieri navali di Danzica, s'incontrano e lottano per sopravvivere in un mondo di uomini. Una delle due, Anna Walentinovicz, andrà in prigione in una Polonia in bilico tra capitalismo e socialismo. Co-Prodotto da The Quail Flies independent(I) e GlobusXXI(RU).
  • L'età del Fuoco, 2004 - co-produzione

Serie televisiveModifica

ServicesModifica

NoteModifica

  1. ^ Lumiq, Rainbow e Ubik ecco l'Italia in CGI, Cinecittà, 18 gennaio 2008 Archiviato il 22 marzo 2012 in Internet Archive.
  2. ^ Blakie & Kanuto - o per alcuni specifici paesi in una versione differente - editing & dialoghi - chiamato Head over Hooves - (titolo iniziale Black to the Moon 3D)
  3. ^ Candidatura al David di Donatello per Il mercante di pietre (2007) Archiviato il 3 novembre 2007 in Internet Archive.