Apri il menu principale
Maria Antonia di Koháry
Maria Antónia Koháry.jpg
Maria Antonia Koháry
Principessa di Sassonia-Coburgo-Koháry
Nascita Budapest, 2 luglio 1797
Morte Vienna, 25 settembre 1862
Casa reale Koháry
Padre Francesco Giuseppe di Koháry
Madre Maria Antonia von Waldstein zu Wartenberg
Consorte Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Koháry
Religione cattolicesimo

Maria Antonia di Koháry, (nome completo Marie Antoinette Koháry de Csábrág et Szitnya) (Budapest, 2 luglio 1797Vienna, 25 settembre 1862), fu una nobildonna ungherese antenata di molti monarchi europei.

Famiglia d'origineModifica

Maria Antonia era l'unica figlia del principe Francesco Giuseppe di Koháry, e di sua moglie, Maria Antonia von Waldstein zu Wartenberg[1]Nel 1795 suo fratello Antonio morì, lasciandola unica erede della famiglia Koháry.

MatrimonioModifica

Sposò, il 2 gennaio 1816[1] a Vienna, il principe Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Koháry, figlio del duca Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld e della duchessa Augusta di Reuss-Ebersdorf.

Con il suo matrimonio tutta la sua eredità, che comprendeva terre dell'attuale Slovacchia, passò al marito.

Ebbero quattro figli:[1]

Tra i loro discendenti si annoverano: Pietro V di Portogallo, Luigi I di Portogallo, Carlo I di Portogallo, Manuele II di Portogallo, Federico Augusto III di Sassonia, Carlo I d'Austria, Otto d'Asburgo, Ferdinando I di Romania, Carlo II di Romania, Ferdinando I di Bulgaria, Boris III di Bulgaria, Simeone II di Bulgaria ed Enrico d'Orléans, conte di Parigi.

Fino allo scoppio della Prima guerra mondiale, i suoi discendenti, la linea di Sassonia-Coburgo-Gotha-Koháry della Casa di Wettin, sono stati tra i tre più grandi proprietari terrieri dell'Ungheria.

MorteModifica

Morì il 25 settembre 1862 a Vienna. Fu sepolta nel mausoleo di famiglia nel cimitero di Glockenberg, a Coburgo[2].

NoteModifica

  1. ^ a b c Darryl Lundy, Genealogia di Maria Antonia Koháry, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  2. ^ Harald Sandner: Das Haus Sachsen-Coburg und Gotha 1826 bis 2001; Eine Dokumentation zum 175-jährigen Jubiläum des Stammhauses in Wort und Bild, Neue Presse, Coburg, 2001, ISBN 3-00-008525-4, p. 321

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica