Apri il menu principale

Markos Botsaris

militare, condottiero e patriota greco

MARKO BOÇARI

Marko Boçari

Marko Boçari (in greco Μαρκος Μπότσαρης, italianizzato in Marco Bozzari; Suli, 1788Karpenisi, 21 agosto 1823) è stato un militare, condottiero e patriota albanese di etnia arvanita, che comandò le forze greche durante la Guerra d'indipendenza greca del XIX secolo. Capo dei Sulioti, è oggi ricordato come il più grande eroe della lotta contro l'oppressione dell'impero ottomano[1].

Indice

Guerra d'indipendenza grecaModifica

Nel 1823 il sultano lanciò una controffensiva in Grecia, sotto la guida del viceré d'Egitto Mehmet Ali. Parte dell'esercito egiziano, un contingente forte di 13.000 uomini, doveva riprendere l'assedio di Missolungi al comando di Moustaï, pascià di Scutari. Markos Botsaris, con 2.500 montanari acarnani ed etoli e 450 Sulioti, tentò di fermare la progressione ottomana il 20 agosto (9 agosto del calendario giuliano). Cadde in combattimento, insieme a 60 dei suoi compagni, riuscendo però ad infliggere al nemico una perdita di 800 uomini, ritardandone l'avanzata[2].

Il corpo di Marko Boçari venne sepolto a Missolungi.

NoteModifica

  1. ^ Koliopoulos, John S (1987), Brigands with a Cause, Brigandage and Irredentism in Modern Greece 1821–1912, Oxford, Clarendon Press, ISBN 0-19-822863-5, p. 53.
  2. ^ Hellenic Army General Staff [a cura di] (1998) An Index of events in the military history of the greek nation, Atene, Army History Directorate, ISBN 978-9607897275, p. 47.

BibliografiaModifica

  • Hellenic Army General Staff [a cura di] (1998) An Index of events in the military history of the greek nation, Atene, Army History Directorate, ISBN 978-9607897275.
  • Koliopoulos, John S (1987), Brigands with a Cause, Brigandage and Irredentism in Modern Greece 1821–1912, Oxford, Clarendon Press, ISBN 0-19-822863-5.
  • (EN) Markos Botsaris, in Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc. URL consultato il 22 maggio 2017.  

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN31165824 · ISNI (EN0000 0000 8045 1063 · GND (DE11890664X · BNF (FRcb13772280r (data) · CERL cnp00541921