Massacro di Mercaz HaRav

attacco terroristico palestinese

Il massacro di Mercaz HaRav, o sparatoria di Mercaz HaRav, fu una strage e massacro scolastico avvenuta il 6 marzo 2008, in cui un uomo palestinese armato sparò a più studenti della yeshivah Mercaz HaRav, una scuola religiosa a Gerusalemme, dopo di che l'uomo armato venne ucciso. 8 studenti (di età compresa tra 15 e 26 anni) e l'attentatore furono uccisi. Altri 11 furono feriti, 5 dei quali in condizioni da gravi a critiche.[1][2][3]

Massacro del Mercaz HaRav
attentato
Yeshivat Mercaz haRav.jpg
Tiposparatoria di massa, massacro, massacro scolastico
Data6 marzo 2008
StatoIsraele Israele
Coordinate31°47′16.15″N 35°11′48.54″E / 31.787819°N 35.196817°E31.787819; 35.196817
ArmaAK-47
Responsabiliattentatore palestinese (Alaa Abu Dheim)
Conseguenze
Morti9 (incluso l'attentatore, di cui 4 minorenni)
Feriti11

L'attentato iniziò alle 20:30 locali e si concluse 16 minuti dopo. L'attentatore venne fermato dallo studente del Mercaz HaRav Yitzhak Dadon e dal capitano delle forze di difesa israeliane fuori servizio David Shapira, che lo uccise.[4]

L'attentato venne lodato da Hamas e, secondo un successivo sondaggio, fu sostenuto dall'84% della popolazione palestinese, il risultato più alto di sostegno alla violenza e al terrorismo palestinese in 15 anni.[5][6] L'attentato venne condannato in dichiarazioni ufficiali da vari Paesi del mondo.

La strageModifica

L'aggressore, Alaa Abu Dheim, 26 anni, proveniente dal quartiere arabo di Jabel Mukaber a Gerusalemme Est, che, secondo la sua famiglia, lavorava come autista per una società privata che effettuava consegne alla yeshivah,[7] entrò nell'edificio portando una scatola che nascondeva un AKM insieme a diversi caricatori, che in seguito spararono fino a 500-600 colpi.[8]

Dheim entrò nel cortile della yeshivah dall'ingresso principale, posò la scatola, tirò fuori l'arma e aprì il fuoco su un gruppo di studenti della scuola superiore della yeshivah Yashlatz e Mercaz HaRav che si trovavano all'ingresso, uccidendone 3. Poi entrò nella biblioteca della yeshivah e sparò agli studenti, uccidendone 5 e ferendone 9, 3 dei quali gravemente. 17 studenti riuscirono a fuggire in un'aula adiacente ed a bloccare la porta con un pesante tavolo.

10 minuti dopo l'inizio della sparatoria arrivarono sul posto 2 agenti di polizia, un uomo e una donna. La poliziotta fermò un vicino autobus passeggeri e ne impedì l'avvicinamento, mentre il poliziotto entrò nel cortile con un fucile. Dheim lo notò attraverso la porta vetrata della biblioteca della yeshivah e gli sparò, ma l'ufficiale, non conoscendo la fonte precisa dell'incendio e temendo di ferire degli innocenti, non rispose al fuoco e si mise al riparo. Subito dopo l'arrivo della polizia, sul posto arrivò il capitano David Shapira, diplomato della yeshivah e ufficiale delle forze di difesa israeliane che viveva nelle vicinanze ma non era in servizio in quel momento, con il suo M16, mentre Yitzhak Dadon, uno studente della yeshiva che aveva una pistola, si posizionò sul tetto di un edificio vicino. L'ufficiale di polizia nel cortile avvertì Shapira di non entrare, ma Shapira lo ignorò ed entrò nell'edificio vicino alla porta della biblioteca e si posizionò in un corridoio vicino. 16 minuti dopo l'inizio della sparatoria, Dheim uscì dalla biblioteca e Dadon e Shapira aprirono il fuoco, uccidendolo.[9][10]

Vittime[11]Modifica

  • Neria Cohen, 15 anni, di Gerusalemme;
  • Segev Pniel Avihail, 15 anni, di Neve Daniel;
  • Avraham David Moses, 16 anni, di Efrat;
  • Yehonatan Yitzhak Eldar, 16 anni, di Shilo;
  • Ro'i Roth, 18 anni, di Elkana;
  • Yohai Lipshitz, 18 anni, di Gerusalemme;
  • Yonadav Chaim Hirshfeld, 18 anni, di Kokhav HaShahar;
  • Doron Mahareta, 26 anni, di Ashdod.

Il responsabileModifica

L'uomo armato, Alaa Abu Dheim (in arabo: علاء أبو دهيم, in ebraico: עלא אבו-דהיים), residente a Gerusalemme, sarebbe stato, secondo la sua famiglia, un autista che consegnava le merci alla yeshiva.[12]

Abu Dheim, come altri residenti arabi di Gerusalemme Est che scelgono di non avere la cittadinanza israeliana, portava una carta d'identità israeliana che gli garantiva libertà di movimento e di viaggio in tutto Israele.[13] Il 5 gennaio 2009, l'Alta Corte di Giustizia israeliana autorizzò la demolizione della casa della famiglia di Abu Dheim.[14]

MotivoModifica

Sebbene Abu Dhaim non abbia lasciato alcuna dichiarazione relativa al suo movente, sua sorella, Iman Abu Dhaim, dichiarò all'Associated Press che il fratello sarebbe stato radicalizzato dalla violenza a Gaza nel contesto delle tensioni del conflitto israelo-palestinese e della recente Operazione Inverno caldo.[15]

Secondo il giornalista Ian Black, l'attentato sembrava destinato a indicare che gli attacchi israeliani ai suoi nemici, a Gaza, in Libano o in Siria, non sarebbero rimasti senza risposta. Il seminario sarebbe stato identificato con la guida spirituale del movimento degli insediamenti ebraici in Cisgiordania, e in particolare con Gush Emunim. È possibile che sia stata scelta Gerusalemme poiché non vi erano stati attentati nella città durante il 2007.[16]

Rivendicazioni di responsabilitàModifica

La rete televisiva di Hezbollah Al-Manar riferì che un gruppo che si fa chiamare Brigate dei liberatori della Galilea - i martiri di Imad Mugniyah, avrebbe rivendicato l'attentato, sollevando la possibilità che la sparatoria fosse una rappresaglia per l'assassinio di Imad Mugniyah. Israele aveva precedentemente negato la responsabilità di quell'assassinio.[17]

Hamas elogiò l'attentato, ma non ne rivendicò la responsabilità. Il venerdì seguente una telefonata anonima alla Reuters assunse la responsabilità per conto di Hamas. Tuttavia, Fawzi Barhoum, un alto portavoce di Hamas a Gaza, dichiarò che nessuna dichiarazione militare è ufficiale se non una dichiarazione firmata dall'ala militare di Hamas.[7]

Reazioni internazionaliModifica

Israele, Organizzazione della cooperazione islamica, Stati Uniti, Argentina, Canada, Cina, Slovenia (avendo la presidenza di turno dell'Unione europea), Francia, Germania, Georgia, Irlanda, India, Giappone, Norvegia e Regno Unito condannarono l'attentato.[18][19][20][21][22][23][24][25][26][27][28][29][30][31] La polizia della Giordania smantellò una tenda a lutto eretta fuori dalla casa dei parenti dell'assassino.[32] Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non condannò l'attentato a causa dell'opposizione della Libia, che voleva collegare la condanna a una risoluzione che chiedeva la censura di Israele per le sue azioni a Gaza la settimana precedente.[33] Il quotidiano dell'Autorità Nazionale Palestinese, Al-Hayat al-Jadida, onorò l'assassino come un "martire".[34]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Eight killed at Jerusalem school, 7 marzo 2008. URL consultato il 6 luglio 2021.
  2. ^ nationalterroralert.com, http://www.nationalterroralert.com/updates/2008/03/06/terror-attack-at-jerusalem-seminary-merkaz-harav-yeshiva-8-dead.
  3. ^ (EN) Top News, Latest headlines, Latest News, World News & U.S News - UPI.com, su UPI. URL consultato il 6 luglio 2021.
  4. ^ One year on, horror of yeshiva terror attack still fresh, su haaretz.com.
  5. ^ (EN) Ethan Bronner, Poll Shows Most Palestinians Favor Violence Over Talks, in The New York Times, 19 marzo 2008. URL consultato il 6 luglio 2021.
  6. ^ (EN) Poll: 84% of Palestinians back yeshiva attack, su The Jerusalem Post | JPost.com. URL consultato il 6 luglio 2021.
  7. ^ a b (EN) Isabel Kershner e Steven Erlanger, 8 Burials for Jerusalem Seminary’s Dead, in The New York Times, 8 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021.
  8. ^ (EN) 8 murdered by terrorist in J'lem, su The Jerusalem Post | JPost.com. URL consultato il 7 luglio 2021.
  9. ^ makorrishon.co.il, https://www.makorrishon.co.il/nrg/online/1/ART1/711/659.html. URL consultato il 7 luglio 2021.
  10. ^ (EN) 8 killed in Jerusalem terror attack, su Ynetnews, 6 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021.
  11. ^ (EN) Yeshiva head: This is continuation of 1929 massacre, su Ynetnews, 7 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021.
  12. ^ Gunman was seminary driver – police, su channel4.com.
  13. ^ Eight arrested in probe of Jewish seminary attack, su cnn.com.
  14. ^ (EN) Demolition of Mercaz Harav terrorist's home authorized, su Ynetnews, 5 gennaio 2009. URL consultato il 7 luglio 2021.
  15. ^ (EN) Attacks Mar Israeli-Palestinian Talks, su NPR.org. URL consultato il 7 luglio 2021.
  16. ^ (EN) A double act of revenge: carefully planned atrocity strikes at Israel's spiritual heart, su the Guardian, 7 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021.
  17. ^ Eight killed in terrorist attack at Jerusalem yeshiva, su haaretz.com.
  18. ^ (EN) Arab News, su Arab News. URL consultato il 7 luglio 2021.
  19. ^ President Bush Condemns Terrorist Attack in Israel, su georgewbush-whitehouse.archives.gov. URL consultato il 7 luglio 2021.
  20. ^ El Gobierno condenó el atentado en Jerusalén, su lanacion.com.ar.
  21. ^ Foreign Affairs and International Trade Canada, su web.archive.org, 16 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2008).
  22. ^ Foreign Ministry Spokesperson Qin Gang's Remarks on the Attack at a Jewish School in Jerusalem, su web.archive.org, 14 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2008).
  23. ^ EU Presidency condemns Jerusalem terror attack, su delisr.ec.europa.eu.
  24. ^ Attentat contre une école talmudique à Jérusalem - La France en Israël, su web.archive.org, 14 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2008).
  25. ^ - Startseite, su web.archive.org, 10 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2008).
  26. ^ Ministry Of Foreign Affairs Of Georgia - News, su web.archive.org, 13 agosto 2008. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2008).
  27. ^ India condemns attack on Israeli seminary - Times Of India, su web.archive.org, 20 ottobre 2012. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2012).
  28. ^ Page Not Found (404) - Department of Foreign Affairs, su dfa.ie. URL consultato il 7 luglio 2021.
  29. ^ MOFA: Statement by Foreign Minister Koumura on the terrorist shooting attack in Jerusalem, su mofa.go.jp. URL consultato il 7 luglio 2021.
  30. ^ (NO) Utenriksdepartementet, Norge fordømmer terrorangrepet i Jerusalem, su Regjeringen.no, 7 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021.
  31. ^ British Embassy Tel Aviv, News: PM Brown: Jerusalem attack an outrage, su web.archive.org, 15 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2008).
  32. ^ Breaking News - JTA, Jewish & Israel News, su web.archive.org, 14 marzo 2008. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2008).
  33. ^ Libya Blocks UN Council Condemnation Of Jerusalem Attack -AFP, su web.archive.org, 6 marzo 2012. URL consultato il 7 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2012).
  34. ^ 8 shot at Jerusalem school, su timesofindia.indiatimes.com.

Voci correlateModifica