Apri il menu principale

Max Romih

scacchista italiano
Max Romih
Nazionalità Italia Italia
Scacchi Chess.svg
Palmarès
Transparent.png Campionato italiano di scacchi
Argento Campionato italiano assoluto-Milano 1931
Argento Campionato italiano assoluto-Firenze 1935
Argento Campionato italiano assoluto-Rovigo 1956
Statistiche aggiornate al 27 marzo 2019

Max Romih, in seguito italianizzato in Massimiliano Romi (Pinguente, 22 maggio 189324 aprile 1979), è stato uno scacchista italiano di origine slava.

BiografiaModifica

Nato in Istria a Pinguente (ora Buzet, Croazia) e cittadino dell'Impero austro-ungarico, dopo la prima guerra mondiale divenne italiano con l'annessione della Venezia Giulia al Regno d'Italia cambiando il proprio nome in Massimiliano. Qualche tempo dopo, con l'avvento del fascismo e delle "italianizzazioni" dei nomi, anche il cognome fu cambiato e divenne Romi. L'"h" finale, comunque continuò ad apparire fino al torneo di Sanremo del 1930.

Partecipò a 14 finali dei campionati nazionali, dalla prima edizione del 1921 vinta da Davide Marotti a Viareggio, fino alla XXXI del 1970 vinta da Stefano Tatai a Sottomarina. Fu secondo a Milano nel 1931 dietro Stefano Rosselli del Turco, a Firenze nell'edizione del 1935 vinta da Antonio Sacconi, e a Rovigo nel 1956 quando vinse Giorgio Porreca.

In campo internazionale vinse nel 1925 a Scarborough, giunse 3º nel 1926 a Hyères, 7º nel 1929 a Venezia, ultimo di 16 nel 1930 a Sanremo nel torneo vinto da Alexandre Alekhine, 4º nel 1938 a Parigi e 2º, dietro a Esteban Canal, a Reggio Emilia nel 1947. Moltissime sono comunque le sue partecipazioni soprattutto in Francia e Regno Unito tra il 1922 e il 1939.

Nel 1927 a Londra giocò un match su 2 partite con Aaron Nimzowitsch (+0 =1 -1); nel 1931 pareggiò 2-2 un match con Andor Lilienthal.

Romih rappresentò l'Italia anche in cinque edizioni delle Olimpiadi degli scacchi[1] ottenendo i seguenti risultati:

Edizione +1 ½ 0
  Parigi 1924 5 3 5
  Londra 1927 3 3 9
  Praga 1931 5 3 10
  Varsavia 1935 5 3 9
  Monaco 1936 6 3 11

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica