Apri il menu principale
Max Schmeling
Max-schmeling.jpg
Nazionalità Germania Germania
Altezza 185 cm
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi massimi
Ritirato 31 ottobre 1948
Carriera
Incontri disputati
Totali 70
Vinti (KO) 56 (40)
Persi (KO) 10 (5)
Pareggiati 4
 

Max Adolph Otto Siegfried Schmeling (Klein Luckow, 28 settembre 1905Wenzendorf, 2 febbraio 2005) è stato un pugile tedesco.

Fu campione mondiale dei pesi massimi dal 1930 al 1932. I suoi due match con Joe Louis nel 1936 e nel 1938 furono eventi culturali a livello mondiale a causa delle implicazioni ideologiche e sociali dell'epoca.

Gli iniziModifica

Iniziò la carriera agonistica nel 1924; al secondo incontro da professionista mise fuori combattimento alla terza ripresa Piet Van der Veer che aveva conteso nel 1923 il titolo europeo dei pesi massimi a Erminio Spalla.

La carrieraModifica

Campione europeo dei pesi mediomassimi nel 1927, si trasferì in America. A New York nel 1930 superò per squalifica alla quarta ripresa Jack Sharkey, che lo aveva messo fuori combattimento con un colpo basso, e conquistò il titolo mondiale assoluto che detenne per due anni, fino al 21 giugno 1932, quando incontrò nuovamente Sharkey e da questi fu sconfitto ai punti in quindici riprese.

Il 29 maggio 1936, a New York, in un match sorprendente che sovvertì i pronostici, mise fuori combattimento Joe Louis al 12º round.

Nel 1933 sposò l'attrice hitchcockiana Anny Ondra alla quale restò legato sino alla morte di lei, avvenuta nel 1987. La coppia non ebbe figli.

CinemaModifica

Max Schmeling appare in numerosi filmati d'archivio ma anche in film o documentari. Fece pure l'attore: fu protagonista nel 1930 di Liebe im Ring, una pellicola diretta da Reinhold Schünzel dove aveva come partner l'attrice Renate Müller. Fu il primo di una breve serie di film, girati sia per il cinema che per la televisione.

FilmografiaModifica

AttoreModifica

RiconoscimentiModifica

La International Boxing Hall of Fame lo ha riconosciuto fra i più grandi pugili di ogni tempo.

La rivista Ring Magazine lo nominò Fighter of the year dell'anno 1930.

Quattro suoi incontri furono nominati Ring Magazine fight of the year:

Due suoi incontri furono nominati Ring Magazine upsets of the year:

La rivista Ring Magazine lo ha inserito al 55º posto in una propria classifica dei primi 100 puncher di ogni epoca.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54941132 · ISNI (EN0000 0000 7374 6744 · LCCN (ENn98048601 · GND (DE118608525 · WorldCat Identities (ENn98-048601
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie