Apri il menu principale

Waldemar Aurelio de Oliveira Filho

calciatore brasiliano
(Reindirizzamento da Mazinho Oliveira)
Mazinho
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 180[1] cm
Peso 73[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 2001
Carriera
Squadre di club1
1986 Santos 9 (0)
1987 Santo André - (-)
1988-1989 São Bento - (-)
1989 Atl. Paranaense 10 (3)
1990-1991 Bragantino 33 (7)
1991-1993 Bayern Monaco 46 (11)
1993-1994 Internacional 9 (2)
1994 Bayern Monaco 3 (0)
1995 Flamengo 26 (10)
1996-1999 Kashima Antlers 100 (52)
2000 Kawasaki Frontale 8 (1)
2001 Bragantino - (-)
Nazionale
1990-1991 Brasile Brasile 9 (2)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Cile 1991
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Waldemar Aurelio de Oliveira Filho, conosciuto come Mazinho o Mazinho II[1] (Guarujá, 26 dicembre 1965), è un ex calciatore brasiliano, di ruolo attaccante.

CarrieraModifica

ClubModifica

Dopo l'inizio nel Santos, si trasferisce all'Esporte Clube Santo André; nel 1989 passa all'Atlético Paranaense dove con 3 reti in 10 partite si impone all'attenzione del Bragantino, che lo acquista nel 1990: con la maglia bianconera vince il Campionato Paulista. Nel 1993 viene acquistato dal Bayern Monaco che gli apre le porte del calcio europeo; dopo 11 gol in 46 presenze, viene mandato in prestito all'Internacional di Porto Alegre, con la quale segna per due volte in nove gare. Nel 1996 si trasferisce in Giappone, dove segna a ripetizione con la maglia del Kashima Antlers. Nel 2001 chiude la carriera con la maglia del Bragantino.

NazionaleModifica

Ha giocato 9 partite con la maglia della nazionale di calcio brasiliana[1], segnando sette reti[1], ed ha partecipato alla Copa América 1991.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Bragantino: 1990

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Mazinho II, su en.sambafoot.com. URL consultato il 29 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2009).

Collegamenti esterniModifica