Apri il menu principale
Merete Pedersen
Nazionalità Danimarca Danimarca
Altezza 175 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Ex-attaccante
Ritirata 2009
Carriera
Giovanili
non conosciuta Jerlev
non conosciuta Ammitzbøl
non conosciuta Jelling
Squadre di club1
-1995Vejle? (?)
1995-1999Odense? (?)
1999-2000Siegen? (?)
2000-2003Odense? (?)
2003-2006Torres? (?)
2006-2009Odense? (?)
Nazionale
1992-1993Danimarca Danimarca U-2113 (4)
1993-2009Danimarca Danimarca136 (65)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2009

Merete Pedersen (Sæby, 30 giugno 1973) è un'ex calciatrice danese, di ruolo attaccante.

Nella sua carriera ha giocato ai massimi livelli nei campionati danese, tedesco e italiano, conquistando due titoli e tre coppe nazionali nel primo, una finale di DFB-Pokal nel secondo e due coppe Italia, una supercoppa e una Italy Women's Cup nel terzo.

Dal 1993 al 2009 ha indossato la maglia della nazionale danese, siglando 65 reti in 136 incontri, al 2016, detentrice del titolo di migliore marcatrice di tutti i tempi.

CarrieraModifica

ClubModifica

Conclude la sua parentesi italiana il 20 maggio 2006, alla 22ª e ultima giornata del campionato di Serie A 2005-2006, dove allo Stadio Vanni Sanna di Sassari la Torres supera il Vigor Senigallia consolidando il quarto posto in classifica; in quell'occasione Pedersen è autrice della rete che al 38' del secondo tempo fissa il risultato sul 3-1.[1] Al termine della stagione con 16 reti all'attivo si classifica quarta nella classifica marcatori del campionato a pari merito con Teresina Marsico (ACF Milan)[2]

PalmarèsModifica

Trofei nazionaliModifica

Odense: 2000, 2001
Odense: 1998, 1999, 2003
Torres: 2003-2004, 2004-2005
Torres: 2004

Trofei internazionaliModifica

Torres: 2004

NoteModifica

  1. ^ Torres, vittoria con tre addii, in La Nuova Sardegna, 21 maggio 2006. URL consultato il 5 agosto 2018.
  2. ^ I bomber: Merete Pedersen chiude al quarto posto, su La Nuova Sardegna, 23 maggio 2006. URL consultato il 6 agosto 2018.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica