Apri il menu principale

Minuetto/Tu sei così

singolo di Mia Martini del 1973
Minuetto
ArtistaMia Martini
Tipo albumSingolo
Pubblicazione10 maggio 1973
Durata4 min : 44 sec
Album di provenienzaIl giorno dopo
Tracce2
GenerePop
EtichettaRicordi, SRL 10.694
ProduttoreAlberigo Crocetta, Giovanni Sanjust
ArrangiamentiNatale Massara
RegistrazioneStudi Ricordi-Fonorama - Milano, aprile 1973
NoteCanzone vincitrice del X Festivalbar - Asiago 1973
Certificazioni
Dischi di platinoItalia Italia
(vendite: 50 000+)
Mia Martini - cronologia
Singolo precedente
(1972)
Singolo successivo
(1973)

Minuetto è un singolo di Mia Martini, pubblicato il 10 maggio 1973, per la casa discografica Dischi Ricordi.

Scritto da Franco Califano e Dario Baldan Bembo, si tratta del 45 giri più venduto nella carriera della cantante[1] e si rivelò in assoluto uno dei più grandi successi dell'estate 1973[2].

StoriaModifica

Il testo di Minuetto nasce dopo i tentativi di Maurizio Piccoli e Bruno Lauzi, che invano avevano cercato di realizzarne una stesura convincente; Luigi Albertelli dà vita ad una prima stesura intitolata Salvami, ma non convince né i discografici né la Martini stessa. Si decide pertanto di contattare Franco Califano, il quale - traendo spunto dalle ultime vicende sentimentali della stessa Mia Martini - riesce a cucirle addosso un successo senza tempo, successo dovuto anche ad un arrangiamento di ottimo livello, a supporto della complessa partitura di Baldan Bembo, in cui si possono individuare diverse atmosfere musicali: dalla citazione classica di Bach alle ballate pop d'oltreoceano. In sala d'incisione prendono parte al coro anche Bruno Lauzi, Maurizio Fabrizio, i Fratelli La Bionda, Loredana Bertè e Adriano Panatta (all'epoca fidanzati).

Il pezzo venne descritto da Mia Martini con queste parole:

«È un pezzo di genere classicheggiante con un finale straordinariamente suggestivo. Piacerà alla gente di palato fino. Ma, siccome oggi i gusti si sono affinati, dovrebbe piacere anche al grande pubblico»

La canzone racconta le ore tutte uguali di una donna, schiava senza catene del suo uomo, il quale prende ciò che vuole e se ne va (...ne approfitta il tempo e ruba, come hai fatto tu...).

Califano, in un'intervista citerà:

«...Il nostro incontro risale al '73. Avevo appena finito di scrivere Minuetto e sentii subito che si trattava di un pezzo del quale Mia Martini avrebbe colto perfettamente tutte le sfumature, la sua storia di amore disperato. Glielo affidai e Mia vinse il Festival d'Europa e il Festivalbar. In qualche modo Minuetto segnò il suo grande successo, la nascita di un'interprete impareggiabile, che osservava il mondo e gli uomini con una straordinaria sensibilità. Non ci legava una frequentazione assidua, anzi sono poche le occasioni nelle quali io e Mia ci siamo ritrovati vicini a parlare di musica, di quella musica che per lei era in qualche modo uno strumento di liberazione, un modo per dimenticare...»

Tu sei così[3] è una canzone scritta da Luigi Albertelli e composta da Massimo Guantini, inclusa nell'album Il giorno dopo.

La copertina del singolo, realizzata dal fotografo Roberto Rocchi, ritrae Mia Martini seduta accarezzando un cane al Caffè Greco di Roma.

Successo e classificheModifica

Presentato con una clip promozionale[4] e successivamente in trasmissioni come Adesso musica (20 luglio 1973) e Senza rete (11 agosto 1973), Minuetto vale a Mia Martini un nuovo disco d'oro e uno di platino[5], nonché la seconda vittoria consecutiva al Festivalbar[6], cosa che in precedenza era riuscita solamente a Lucio Battisti. Il disco debutta in Hit Parade il 23 giugno 1973[7] e dopo poche settimane raggiunge la 1ª posizione[8]. Nel complesso il disco vi rimane in classifica per quasi sette mesi, con una permanenza complessiva di 30 settimane[9], risultando a fine anno il 7º singolo di maggior successo del 1973[10].

ClassificheModifica

Settimana Posizione
1 23 giugno 1973 10
2 30 giugno 1973 5
3 7 luglio 1973 7
4 14 luglio 1973 4
5 21 luglio 1973 2
6 28 luglio 1973 1
7 4 agosto 1973 1
8 11 agosto 1973 1
9 18 agosto 1973 1
10 25 agosto 1973 4
11 1º settembre 1973 3
12 8 settembre 1973 4
13 15 settembre 1973 4
14 22 settembre 1973 4
15 29 settembre 1973 2
16 6 ottobre 1973 4
17 13 ottobre 1973 4
18 20 ottobre 1973 4
19 27 ottobre 1973 5
20 3 novembre 1973 8
21 10 novembre 1973 10
22 17 novembre 1973 10

Versioni e coverModifica

La canzone ottiene grande successo anche all'estero, per questo motivo Minuetto viene tradotta in francese (Tu t'en vas quand tu veux) e presentata al Gala d'ouverture du Midem '74 (21 gennaio 1974)[11], poi tradotta in spagnolo (Minuetto) e presentata nel programma televisivo Señoras y señores (5 maggio 1974)[12].

Tra le cover possiamo trovare invece:

MusicistiModifica

TracceModifica

  1. Minuetto – 4:44 (testo: Franco Califano – musica: Dario Baldan Bembo)
  2. Tu sei così – 3:53 (testo: Luigi Albertelli – musica: Massimo Guantini)

CreditiModifica

TributiModifica

Nell'aprile 2013 Edizioni Master ne pubblica la ristampa con l'ottavo numero della raccolta L'enciclopedia de I migliori anni abbinata all'omonima trasmissione. Il 13 gennaio 2013 su Rai 5, il programma Dentro una canzone di Omar Pedrini racconta la nascita e l'importanza di Minuetto.

NoteModifica

  1. ^ Grande dizionario della canzone italiana, pag. 537.
  2. ^ Chez Mimì di Pippo Augliera
  3. ^ Mia Martini Channel di fabrimanca, Mia Martini - Tu sei così, 27 Maggio 2011. URL consultato il 14 aprile 2019.
  4. ^ Mia Martini, Mia Martini - Minuetto, 1º Marzo 2019. URL consultato il 14 aprile 2019.
  5. ^ Mia Martini storia di una voce, documentario de La Storia Siamo Noi
  6. ^ Se non c'è Battisti, la regina è Mia pubblicato sul Corriere della Sera del 26 agosto 1973
  7. ^ Top settimanale del 23 giugno 1973.
  8. ^ Les numéros 1 du 70s
  9. ^ Minuetto in Hit Parade
  10. ^ Hit Parade Italia - I singoli più venduti del 1973.
  11. ^ Tg 2 Dossier, "Voci spezzate", RAI, 2005
  12. ^ Mia Martini, Mia Martini - Minuetto (en español), 6 novembre 2018. URL consultato il 14 aprile 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica