Apri il menu principale

DescrizioneModifica

 
Il pilastrino in cemento sulla cima

La montagna ha una discreta importanza idrografica in quanto si trova alla convergenza delle vallate di tre torrenti: l'Arroscia (a nord), il Lerrone (a sud-est) e l'Impero (a sud-ovest). Verso ovest lo spartiacque Arroscia/Impero, con alcuni saliscendi, prosegue fino al colle San Bartolomeo, mentre in direzione nord-est il crinale Lerrone/Arroscia scende a una sella a 651 metri prima di risalire al Monte Boschetto (831 m). Lungo il costolone che divide la valle del Lerrone da quella dell'Impero si incontrano infine il monte Verderi (747 m) e il monte Vagie (715 m) prima che la quota scenda ai 683 m del Passo del Ginestro. Da un punto di vista amministrativo il monte Muchio di Pietre ricade per la sua parte occidentale in comune di Cesio (IM) e per quella orientale nel comune di Casanova Lerrone (SV).[2].

StoriaModifica

Nei pressi del monte Mucchio di Pietre venne combattuta nel 1800 una cruenta battaglia nella quale un contingente dell'esercito Austro-piemontese sconfisse le truppe repubblicane francesi nel corso di un tentativo di rioccupare la zona occidentale della Liguria.[3] Gli Austriaci riuscirono poi a scendere su Oneglia, mentre i francesi dovettero ripiegare verso Nizza.[4] Alla battaglia è dedicata una gara podistica chiamata Cinque miglia Napoleonica, che si corre in estate a Cesio e passa nei pressi della cima del monte.[5]

Accesso alla cimaModifica

Si può salire al Monte Mucchio di Pietre per sentiero seguendo il crinale dal passo del Ginestro, con percorsi valutati di una difficoltà escursionistica E.[6] Altri sentieri collegano la montagna con Cesio e con l'alta valle Arroscia.[7]

NoteModifica

  1. ^ Carta IGM scala 1:25000, su www.pcn.minambiente.it, Istituto Geografico Militare. URL consultato il 31 marzo 2017.
  2. ^ Carta tecnica regionale su Limiti Amministrativi (Comunali, Provinciali, Regionali) sc. 1:25000, su geoportale.regione.liguria.it, Regione Liguria, 2011. URL consultato il 30 marzo 2017.
  3. ^ Andrea Gandolfo, Profilo storico della provincia dalla presitoria ad oggi, in La provincia di Imperia: A-L, BLU edizioni, 2005. URL consultato il 6 giugno 2017.
  4. ^ Amato Amati, Dizionario corografico dell'Italia, Valardi, 1867, pp. 966. URL consultato il 6 giugno 2017.
  5. ^ Maurizio Vezzaro, Cinque miglia Napoleonica, vince Michele Chieffari, in La Stampa, 25 marzo 2015. URL consultato l'8 luglio 2016.
  6. ^ utente giada, Ubàga (Torre di) Traversata da Passo del Ginestro a Marmoreo Ligo Villanova d'Albenga, su gulliver.it, 25 marzo 2015. URL consultato il 7 giugno 2017.
  7. ^ Cesio, Terre di Riviera. URL consultato il 7 giugno 2017.

CartografiaModifica

Altri progettiModifica