Apri il menu principale

Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata

museo italiano
Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata
Palazzo Lanfranchi Matera.jpg
Palazzo Lanfranchi
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMatera
IndirizzoPalazzo Lanfranchi - Piazzetta Giovanni Pascoli, 1
Caratteristiche
TipoArte, Pinacoteca,
Apertura1976
DirettoreMarta Ragozzino
Visitatori34 859[1] (2015)
Sito web

Coordinate: 40°39′47.06″N 16°36′36.48″E / 40.663071°N 16.610134°E40.663071; 16.610134

Il Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata è un museo ubicato nella città di Matera, all'interno di Palazzo Lanfranchi.

Il dicembre del 1994 risultò essere il momento opportuno per la realizzazione del "Progetto Museo" in quanto Palazzo Lanfranchi, che ospitava gli Uffici della Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici della Basilicata, sembrava essere luogo adatto ad accogliere la nuova istituzione museale). Questa idea era stata coltivata a lungo da Michele D'Elia, Soprintendente della città di Matera e Direttore dell'Istituto superiore per la conservazione ed il restauro dal 1987 al 1991, e da Salvatore Abita.

La stessa Amministrazione Comunale di Matera appoggiò questa proposta per favorire un processo di miglioramento sociale ed economico della città e della Regione tutta. Nel 1995 è iniziato un lavoro di collaborazione tra Soprintendenza, Comune di Matera e la Fondazione Levi e nel 1996 si procedette ad adeguare la struttura anche dal punto di vista della sicurezza e dell'accesso ai disabili.

Il museo nacque con l'intento di preservare il patrimonio culturale del territorio e non disperdere la memoria e l'identità della comunità e fu aperto al pubblico il 6 maggio 2003.

Dal dicembre 2014 il museo è in gestione al Polo museale della Basilicata.

Indice

CollezioniModifica

È suddiviso in quattro sezioni:

  • Arte Sacra, che contiene capolavori di scultura, pittura e di arte decorativa provenienti dalla Diocesi della Regione che permettono di ricostruire la storia dell'arte in Basilicata dal Medioevo al Settecento. Nonostante si tratti di periodi distanti tra di loro il Museo permette di mettere in relazione il Medioevo condizionato dalle attese millenariste e la modernità caratterizzata da una libera attività creativa.
  • Collezionismo, che ospita dipinti di scuola napoletana del Seicento e del Settecento appartenenti all'Ente Morale di Camillo d'Errico di Palazzo San Gervasio, in cui figurano scene di paesaggi,battaglie,nature morte,opere di artisti come Graziani, Trombatore, Coppola, Coccorante, Codazzi, Recco. Essa mira alla creazione di un vero e proprio circuito museale del territorio lucano.Altri autori delle opere presenti nella galleria sono Giovan Battista Ruoppolo, Abraham Brueghel, Francesco De Mura e Mattia Preti. È conservato anche il dipinto a olio su tela di Luca Giordano, Il giuramento di Bruto dopo il suicidio di Lucrezia[2].
  • Arte Contemporanea, che espone la collezione di Carlo Levi (parte dei quali sono concessi in comodato dalla Fondazione Levi di Roma), costituita da quarantaquattro dipinti che dimostrano l'esperienza artistica del pittore che ha colto con grande forza l'anima della civiltà contadina del Sud come ad esempio i capitelli a stampella della medievale Abbazia Benedettina di Montescaglioso, le lignee Madonne in trono, nelle quali il gotico e il romanico si mescolano,le tavole bizantine,le opere del Rinascimento e del Barocco pervase di sacralità popolare. Si può ammirare il grande pannello Lucania '61, opere di Luigi Guerricchio, artista materano del Novecento e opere in terracotta dell'artista di Accettura Rocco Molinari, raffiguranti la festa del Maggio di Accettura.
     
    Palazzo Lanfranchi- interno museo nazionale di arte Medievale e Moderna
  • Sezione Demoetnoantropologica, con oggetti della cultura materiale e del vivere quotidiano raccolti nel territorio lucano.

NoteModifica

  1. ^ Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Visitatori e introiti dei musei
  2. ^ Il giuramento di Bruto dopo il suicidio di Lucrezia Sassiland.com

Altri progettiModifica

BibliografiaModifica

  • Agata Altavilla, Un Museo per la Basilicata: il Museo di arte antica e moderna di Palazzo Lanfranchi, in Basilicata Regione Notizie, vol. 10, 3/4, Potenza, Consiglio regionale della Basilicata, 1997, pp. 129-134.
  • Peter Burke, Il Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna della Basilicata:Palazzo Lanfranchi Matera, Napoli, Paparo, 2002.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN144436474 · ISNI (EN0000 0001 2111 1920 · LCCN (ENn2001001092 · GND (DE5548681-2