Apri il menu principale

Nando De Luca

pianista, arrangiatore e compositore italiano
(Reindirizzamento da Nando de Luca)
Nando de Luca
NazionalitàItalia Italia
GenereJazz
Musica leggera
Periodo di attività musicale1958 – in attività
StrumentoPianoforte

Nando de Luca, all'anagrafe Ferdinando de Luca (Milano, 26 gennaio 1940), è un pianista, arrangiatore e compositore italiano.

BiografiaModifica

Dopo gli studi compiuti al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, Nando de Luca farà parte nel 1959 del gruppo musicale I Cavalieri, composto da artisti poi divenuti famosi: Enzo Jannacci, Paolo Tomelleri, Gianfranco Reverberi, Luigi Tenco partecipando anche ad alcune incisioni della Dischi Ricordi, tra cui un EP di Tenco.

Nel 1961 iniziano intanto le collaborazioni come pianista e arrangiatore per vari artisti tra i quali I Ribelli, il gruppo che accompagna Adriano Celentano dove milita Gino Santercole ed entra a far parte del Clan Celentano lavorando per lui come arrangiatore e pianista sia in studio che dal vivo.

Il suo primo lavoro importante è proprio l'arrangiamento del famosissimo brano Azzurro (1968) scritto da Paolo Conte e Michele Virano e cantato da Celentano.[1]

Scrisse inoltre con Gino Santercole la musica di Una carezza in un pugno diventato un evergreen.

L'anno successivo scrive le musiche di Straordinariamente, e Storia d'amore, sempre interpretate da Adriano Celentano: quest'ultima diventa un evergreen del cantante milanese, che la riproporrà in tutte le sue trasmissioni televisive, e verrà anche reinterpretata dagli Avion Travel.

Nel 1970 partecipa come autore al Festival di Sanremo 1970 con Ciao anni verdi, interpretata da Rosanna Fratello; nello stesso anno scrive Viola per Celentano, che diventa un grande successo, e Cosa fai questa sera, sempre per Celentano, contenuta nell'album Il forestiero.

Sempre nel 1970 collabora con Enzo Jannacci scrivendo la musica di Il dritto, contenuta nell'album La mia gente, che diventa una delle canzoni più note del medico cantautore, che la reinciderà nel 1980 nell'album Ci vuole orecchio, e che sarà anche reinterpretata da Milva nell'LP La Rossa, sempre del 1980.[2]

Con Jannacci la collaborazione continua anche nell'album successivo, E allora...Concerto, in cui De Luca appare in copertina in vespa davanti a Jannacci.[3]

Dirige l'orchestra al Festival di Sanremo 1971 per l'esibizione di Celentano in Sotto le lenzuola e al Festival di Sanremo 1972.

Nel 1973 entra nel gruppo del grande chitarrista jazz Franco Cerri, con Pino Presti al basso elettrico, Giorgio Baiocco al sax e flauto, e Tullio De Piscopo alla batteria; con questa formazione si esibisce in molte città italiane ed è al fianco del violinista jazz Stéphane Grappelli per una serie di concerti al Jazz Power di Milano (Aprile 1973)[4]. Sempre nel 1973 si esibisce al Festival Bergamo Jazz con Franco Cerri, Hugo Heredia, Dodo Goya e Gianni Cazzola.

Continua intanto la collaborazione con Celentano, per cui arrangia e dirige l'orchestra negli album Adriano rock (1968), Le robe che ha detto Adriano (1969), Er più - Storia d'amore e di coltello (1971), I mali del secolo (1972), Nostalrock (1973).

Negli anni settanta scrive alcune colonne sonore, come Un tipo con una faccia strana ti cerca per ucciderti di Tulio Demicheli del 1973, L'assassino è costretto ad uccidere ancora di Luigi Cozzi nel 1975, Passi furtivi in una notte boia di Vincenzo Rigo nel 1976, Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova. Si sospettano moventi politici, di Lina Wertmüller nel 1978; nel decennio successivo scrive le musiche per Se lo scopre Gargiulo di Elvio Porta, del 1988.

Collabora anche con Mina in quella che è la sua ultima apparizione dal vivo, suonando quindi anche nel disco che ne è tratto, Mina Live '78.

Risultano depositate alla Siae 224 canzoni a suo nome[5]

Le principali canzoni scritte da Nando de LucaModifica

Anno Titolo Autori del testo Autori della musica Interpreti
1968 Una carezza in un pugno Luciano Beretta e Miki Del Prete Nando De Luca e Gino Santercole Adriano Celentano
1968 Straordinariamente Luciano Beretta Nando De Luca e Gino Santercole Adriano Celentano
1969 Lirica d'inverno Luciano Beretta e Miki Del Prete Nando De Luca e Adriano Celentano Adriano Celentano
1969 Storia d'amore Luciano Beretta e Miki Del Prete Nando De Luca e Adriano Celentano Adriano Celentano
1970 Viola Luciano Beretta e Miki Del Prete Nando De Luca Adriano Celentano
1970 Chi non lavora non fa l'amore Luciano Beretta e Miki Del Prete Nando De Luca e Adriano Celentano Adriano Celentano
1970 Il Forestiero Luciano Beretta e Miki Del Prete Nando De Luca e Gino Santercole Adriano Celentano
1970 Il dritto Enzo Jannacci e Sandro Parenzo Nando De Luca Enzo Jannacci
1970 Brutta Luciano Beretta e Miki Del Prete Nando De Luca e Gino Santercole Adriano Celentano
1970 Cosa fai questa sera Mogol Nando De Luca Adriano Celentano
1971 Voglio regalarti questo disco Miki Del Prete e Luciano Beretta Nando De Luca Mau Cristiani

NoteModifica

  1. ^ Nando de Luca pianoforte, Jazzitalia. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  2. ^ La Rossa, Discografia Nazionale della Canzoni Italiana. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  3. ^ E allora…Concerto, Discografia Nazionale della Canzoni Italiana. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  4. ^ Vittorio Franchini, Stéphane Grappelli, a Milano mostro sacro del Jazz, pubblicato su Corriere della Sera del 27 aprile 1973
  5. ^ Archivio Opere Musicali

BibliografiaModifica

  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italiana, edizioni Panini, Modena, alla voce Nando De Luca, pag. 675

Collegamenti esterniModifica