Apri il menu principale
Nicola Magrone

Sindaco di Modugno
In carica
Inizio mandato 16 giugno 2015
Predecessore Mario Rosario Ruffo (commissario)

Durata mandato 10 giugno 2013 –
22 agosto 2014
Predecessore Domenico Gatti
Successore Mario Rosario Ruffo (commissario)

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XII
Gruppo
parlamentare
Misto (1994-1994), Progressisti-Federativo (1994-1996)
Coalizione Alleanza dei Progressisti
Circoscrizione Puglia
Incarichi parlamentari
  • Membro della 1ª Commissione permanente (Affari costituzionali)
  • Membro della Commissione parlamentare d'inchiesta sul terrorismo in Italia e sulle cause della mancata individuazione dei responsabili delle stragi
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lista Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione magistrato

Nicola Magrone (Modugno, 17 maggio 1940) è un politico e magistrato italiano, deputato per una legislatura (1994-1996) e sindaco di Modugno dal 10 giugno 2013 al 22 agosto 2014, e nuovamente dal 14 giugno 2015 dopo essere stato eletto al ballottaggio[1].

Indice

BiografiaModifica

Dopo esperienze lavorative come capostazione nelle Ferrovie Calabro Lucane, consigliere comunale di Modugno, nel 1971 entra in magistratura.

Agli inizi degli anni Settanta è Pretore del lavoro a Monza, area altamente industrializzata, in coincidenza con le prime applicazioni dello Statuto dei lavoratori. Sull'onda di quelli che giornalisticamente vennero definiti "pretori d'assalto", a Monza si occupa anche di reati ambientali connessi all'insediamento di Milano 2 e al cambio di talune rotte aeree dell'Aeroporto di Milano-Linate in quanto i rumori rendevano difficoltosa la vendita degli appartamenti. Nella successiva ricostruzione di Camilla Cederna, le modifiche delle rotte erano il frutto di un'intensa attività di lobbying presso i Ministeri competenti.[2]

Negli anni successivi assumerà gli incarichi di Sostituto Procuratore a Bari dove si occupa di criminalità organizzata e sottoposto a scorta per 15 anni[3], Presidente della Corte d'assise di Potenza e dal 2003 al 2010 è Procuratore Capo della Repubblica a Larino in Molise dove si occupa tra l'altro delle indagini e del dibattimento per la morte di 27 bambini e una maestra nel crollo della scuola di San Giuliano di Puglia in occasione del terremoto del 2002. Successivamente diviene Procuratore Generale aggiunto onorario presso la Corte di cassazione.

Carriera politicaModifica

Prima di entrare in magistratura, negli anni Sessanta viene eletto consigliere comunale a Modugno.

Nel 1994 viene eletto deputato alla XII legislatura alla Camera dei deputati nel collegio 28 della circoscrizione Puglia XXI per i movimenti Italia Giusta secondo la Costituzione e Alleanza Democratica tra le file dei Progressisti (per la sua attività parlamentare v. http://storia.camera.it/deputato/nicola-magrone-19400517). Durante quella legislatura è, tra l'altro, membro della Commissione affari costituzionali e della Commissione stragi. Con la fine della legislatura rientra in magistratura. Il 10 giugno 2013 viene eletto Sindaco di Modugno al secondo turno con il 53,73% dei voti, all'interno di una coalizione di centro-sinistra che non vedeva il Partito Democratico tra gli alleati del primo turno[4].

L'azione amministrativa all'interno del Consiglio comunale risulta sin dall'inizio difficoltosa per i conflitti legati alla gestione del piano urbanistico di cui Magrone denuncia pubblicamente le irregolarità scoperte nel novembre 2012 dopo gli arresti, per reati di corruzione, di due sindaci e altri consiglieri delle precedenti amministrazioni[5][6].

La linea di Magrone viene osteggiata anche all'interno della stessa maggioranza fino a giungere alle dimissioni di 13 consiglieri comunali con il conseguente sciolglimento del Consiglio e la nomina di un Commissario prefettizio il 22 agosto 2014[7]. Dopo la fase del Commissario prefettizio, il 14 giugno 2015 Nicola Magrone, a capo di una coalizione di liste civiche di orientamento trasversale, viene rieletto sindaco al secondo turno con il 56,91% dei voti contro una coalizione guidata dal PD[8].

OpereModifica

  • Nicola Magrone, Il piccolo libro della Costituzione, SudCritica, 2004.
  • Nicola Magrone, Ti ricordi di Piazza Fontana?, Edizioni dall'Interno, Bari, 1988.
  • AA.VV., Dieci 'anni di piombo' sul processo penale", Edizioni dall'Interno, Bari, 1984.
  • Nicola Magrone, "Il processo a Palmina", Edizioni dall'Interno, 1984.

NoteModifica

  1. ^ "Elezioni comunali 2015" su Corriere della Sera
  2. ^ Camilla Cederna, "Un faccino tondo e un nasetto da bambola", L'Espresso, aprile 1977.
  3. ^ Modugnoonline.it, "[1]".
  4. ^ "Elezioni comunali 2013" su Repubblica.it, [2].
  5. ^ Videonews de Il Corriere della Sera, "[3]".
  6. ^ Il Corriere della Sera, "[4]".
  7. ^ Sito del Comune di Modugno, " Copia archiviata, su comune.modugno.ba.it. URL consultato il 12 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2015).".
  8. ^ "Il centrosinistra si prende Trani ma non sfonda", su La Repubblica, [5].

Collegamenti esterniModifica