Apri il menu principale

Nicoletto da Torino

trovatore e poeta italiano
Tenso di Nicoletto con Giovanni d'Albusson. Con la grande "E" al centro della pagina inizia il verso En Nicolet ...

Nicoletto da Torino, in occitano Nic(c)olet de Turin o Nicolez de Turrin (... – ...), è stato un menestrello e trovatore piemontese della prima metà del XIII secolo, probabilmente di Torino, anche se alcuni credono che il nome si riferisca al padre. Di lui ci restano tre tenzones con Giovanni d'Albusson, Falquet de Romans e Uc de Saint Circ.

Nicoletto è probabilmente lo stesso "Nicolet" che appare nell'elenco dei joglars in Li fol e.il put e.il filol, un sirventes di Aimeric de Peguilhan, scritto alla corte dei Malaspina, probabilmente nel 1220 o giù di lì. Cronologicamente una tale identificazione è possibile fondarla in base ai lavori rimastici di Nicoletto e ai suoi riferimenti in essi contenuti. In base alla sua tenso con Falquet, Nicoletto evidentemente ha viaggiato nella Borgogna, dove trova gente "maleducata", e così ritorna in Italia alla corte di Biandrate.

Nicoletto scambia inoltre stanze con Uc de Saint Circ, lamentando il fatto che Adelaide di Vidalliana (oggi Viadana) non sia stata ricevuta con così tanto onore come Donella di Brescia e Selvaggia (forse Selvaggia d'Auramala, figlia di Corrado I Malaspina). Questa tenso viene solitamente datata al 1225 ca., quando Selvaggia, da quel che risulta, si trovava nel fiore della gioventù.

FontiModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie