Apri il menu principale

Olivia DeJonge (Melbourne, 30 aprile 1998) è un'attrice australiana.

È nota principalmente per aver interpretato la protagonista femminile nel film The Visit.

Indice

BiografiaModifica

DeJonge è nata a Melbourne, in Australia, figlia di Robyn e Rob DeJonge. A cinque anni si è trasferita a Perth con i suoi genitori, dove è cresciuta a Peppermint Grove. Studia al Presbyterian Ladies' College.[1][2]

Nel 2014 ha fatto il suo debutto cinematografico nel film thriller The Sisterhood of Night.[2] Nell'anno successivo è apparsa nella serie televisiva australiana Hiding e ha interpretato il ruolo della protagonista femminile nel film The Visit, film horror diretto da M. Night Shyamalan, dove ha recitato al fianco di Ed Oxenbould.[2] Per questo film Shyamalan, talmente affascinato dal provino di DeJonge, ha ingaggiato l'attrice dopo una sola audizione.[3]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

CortometraggiModifica

  • Good Pretender, regia di Maziar Lahooti (2011)
  • Polarised, regia di Steve Fleming (2012)
  • Eleven Thirty, regia di Rebecca Ciallella (2012)

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Why Hollywood picked Perth schoolgirl Olivia, su www.perthnow.com.au. URL consultato il 19 novembre 2015.
  2. ^ a b c (EN) School can wait for Perth starlet, su au.news.yahoo.com. URL consultato il 19 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  3. ^ (EN) The return of M. Night Shyamalan. . . "The Visit". . ., su moviepilot.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  4. ^ (EN) AFI | AACTA | Winners & Nominees | Inaugural Awards, su www.aacta.org. URL consultato il 22 novembre 2015.
  5. ^ (EN) Aussie actors Olivia DeJonge and Chanel Marriot face off in 'Kids' Oscars', su if.com.au. URL consultato il 13 giugno 2016.
  6. ^ (EN) 'Star Wars: The Force Awakens' Leads Saturn Awards Nominees, su TheWrap, 24 febbraio 2016. URL consultato il 13 giugno 2016.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN360145857920123020657 · ISNI (EN0000 0004 5648 557X · LCCN (ENno2018002282 · GND (DE1088424082 · BNF (FRcb17033592b (data) · WorldCat Identities (ENno2018-002282