Apri il menu principale

Ortografia della lingua inglese

L'ortografia inglese, nel mondo anglofono conosciuta anche come spelling, è il sistema ortografico utilizzato dalla lingua inglese. Questa, come altre ortografie alfabetiche, presenta una serie di associazioni tra suoni parlati e corrispondenti lettere scritte. In quasi tutte le altre lingue, queste relazioni sono abbastanza regolari da essere chiamate regole. Ma nella pronuncia inglese standard, molti suoni possono essere scritti in più di un modo, e molte sillabe/lettere possono essere pronunciate in più modi e spesso più di due. Questo è dovuto soprattutto alla complessa storia della lingua inglese,[1] e all'assenza di riforme sistematiche nella scrittura, in contrasto con un certo numero di altre lingue.

In generale, l'ortografia inglese non riflette l'evoluzione dei suoni nella pronuncia del linguaggio che si sono verificate dal tardo quindicesimo secolo[2].

Funzione delle lettereModifica

Nota: in questa voce, solo una delle due più comuni pronunce delle varietà di inglese britannico ed americano è usata per le parole citate. Potrebbero esserci delle pronunce regionali per alcune parole, ma è impensabile indicare qualsiasi possibile variante regionale.

Rappresentazione fonemicaModifica

Come nella maggior parte delle lingue alfabetiche, ogni lettera dell'alfabeto in inglese può rappresentare un determinato suono. Per esempio, la parola cat gatto/ˈkæt/ consiste di tre lettere: C, A e T, dove C rappresenta il suono k, A il suono æ, e T il suono t.

Delle sequenze di lettere potrebbero svolgere lo stesso ruolo che potrebbe ricoprire una singola lettera. Per esempio, nella parola ship nave /ˈʃɪp/, il digramma SH rappresenta il suono /ʃ/. Nella parola ditch fosso il trigramma TCH rappresenta il suono /tʃ/.

Più raramente, una singola lettera può rappresentare più suoni (digrammi). Ad esempio la lettera X normalmente rappresenta il gruppo consonantico /ks/, come in six sei, pronunciato /sɪks/.

La stessa lettera, o sequenza di lettere, può essere pronunciata in modi diversi a seconda di dove si posiziona in una parola. Per esempio, il digramma GH rappresenta il suono /f/ in fondo ad alcune parole, come rough ruvido /ˈrʌf/. All'inizio di una sillaba è invece pronunciato /g/, come nella parola ghost fantasma (pronunciata /ˈɡəʊst/). Il digramma gh non è mai pronunciato /f/ ad inizio di sillaba e quasi mai /g/ a fine sillaba (tra le eccezioni citiamo "Pittsburgh").

Origine delle paroleModifica

Un'altra caratteristica riguarda l'origine delle parole. Per esempio, quando rappresenta una vocale, la lettera y rappresenta il suono ɪ in alcuni prestiti dal greco (in sostituzione dell'originale ypsilon), nonostante la lettera che rappresenta questo suono nelle parole non greche sia la i. Dunque, la parola myth ˈmɪθ è di origine greca, mentre pith ˈpɪθ è una parola parola germanica. Altri esempi includono il digramma ph, quando è pronunciato /f/, suono normalmente rappresentato dalla f; ed anche ch, quando è pronunciato /k/, suono normalmente rappresentato dalla c o dalla k - di solito l'uso di queste trascrizioni dei suoni si applicano alle parole inglesi prese in prestito dal greco. Alcuni ricercatori, come Brengelman (1970), hanno suggerito che, assieme a questo marcamento dell'origine delle parole, questo spelling indichi un livello più formale dal punto di vista dello stile e del registro in un testo, sebbene Rollings (2004) trovi questa conclusione esagerata, in quanto ci sono tante parole con quest'ortografia, ad esempio ph al posto di f (come telephone, telefono), che si possono ritrovare anche in scritti informali.

Differenziazione delle parole omofoneModifica

Lo spelling inglese aiuta anche a distinguere tra i diversi omofoni (ossia parole che hanno la stessa pronuncia ma significati diversi, e talvolta anche diversa scrittura, come nelle parole italiane hanno/anno), sebbene nella maggior parte dei casi la distinzione venga fatta per motivi storici e non è stata introdotta di proposito, per distinguere. Per esempio, le parole heir erede ed air aria, nella maggior parte dei dialetti, sono pronunciate nello stesso modo (ˈɛər), ma sono distinte l'una dall'altra a livello ortografico, attraverso l'aggiunta della lettera H. Un altro esempio sono la coppia di omofoni plain pianura e plane aeroplano, che sono pronunciati entrambi ˈpleɪn ma hanno due scritture differenti del suono .[3]

Nel linguaggio scritto, questo può aiutare a risolvere eventuali ambiguità che potrebbero altrimenti presentarsi (per esempio nelle frasi He's breaking the car, Sta rompendo la macchina ed He's braking the car, Sta frenando la macchina: qui, le parole breaking e braking hanno lo stesso suono). Tuttavia, esistono ancora molti omofoni non distinti dallo spelling (per esempio, la parola bay può avere anche cinque significati differenti, tra i quali abbaiare, corona di alloro, baia e colore baio).

Indicare il cambio di suono di certi grafemiModifica

Un'altra funzione di alcune lettere in inglese è quella di indicare la pronuncia di altre lettere presenti nella parola. Rollings (2004) per questo tipo di lettere usa il termine "markers" (traducibile con indicatori). Le lettere possono anche veicolare informazioni di tipi diversi. Per esempio, la lettera E, nella parola cottage ˈkɒtɪdʒ indica che la G precedente assume il suono , invece di g, come accade quasi sempre in fine di parola, per esempio in tag, cartellino ˈtæɡ. Molto spesso la E indica anche un'alterazione nella pronuncia della vocale precedente. Per esempio, nelle parole ban, bandire e bane, avvelenare la A di ban ha come valore fonetico æ, mentre la A di bane è accompagnata dalla E, cosicché assume come valore fonetico . In questo contesto, la E non viene pronunciata, e ci si riferisce ad essa con il termine "E muta". Una singola lettera può addirittura indicare simultaneamente più variazioni fonetiche. Ad esempio, nella parola wage, salario la E non marca soltanto il passaggio del valore fonetico della A da æ ad , ma anche la pronuncia della G come .

Più funzioniModifica

Una certa lettera (o lettere) può avere una doppia funzione. Per esempio, la lettera I, nella parola cinema ha innanzitutto la funzione di rappresentare il suono ɪ ed inoltre indica la pronuncia della C come s, anziché k.

Forma sottostanteModifica

Come in molte altre scritture alfabetiche, l'inglese non rappresenta gli allofoni (cioè, piccole differenze di pronuncia non necessarie per distinguere parole differenti). Per esempio, nonostante la lettera T sia pronunciata da alcuni parlanti con un'aspirazione (tʰ) ad inizio di parole, questo non viene mai indicato nella scrittura, ed infatti questo dettaglio spesso non viene notato dal parlante madrelingua medio non avvezzo alla fonetica. Comunque, a differenza di altre ortografie, l'ortografia inglese spesso rappresenta una forma sottostante delle parole. [4]

(EN)

«[T]he postulated underlying forms are systematically related to the conventional orthography ... and are, as is well known, related to the underlying forms of a much earlier historical stage of the language. There has, in other words, been little change in lexical representation since Middle English, and, consequently, we would expect ... that lexical representation would differ very little from dialect to dialect in Modern English ... [and] that conventional orthography is probably fairly close to optimal for all modern English dialects, as well as for the attested dialects of the past several hundred years.»

(IT)

«Le presunte forme sottostanti sono sistematicamente collegate all'ortografia convenzionale... e sono, come ben si sa, collegate alle forme sottostanti d'uno stadio molto più antico della lingua. In altre parole, ci sono stati pochi cambiamenti nella rappresentazione delle parole a partire dal Medio inglese, e, di conseguenza, ci aspetteremmo... che la rappresentazione delle parole differisca veramente poco da un dialetto all'altro dell'inglese moderno... e l'ortografia convenzionale è probabilmente, nella giusta misura, vicina all'ottimale per ogni moderno dialetto[5] inglese, come per i dialetti attestati di molti secoli fa.»

(Chomsky & Halle 1968:54)

In questi casi, un dato morfema, cioè un componente d'una parola, ha un'ortografia precisa anche se viene pronunciato diversamente tra le varie parole. Ne è un esempio il suffisso del tempo passato, "ed", che ha tre pronunce diverse: /t/, /d/, o /ɨd/, a seconda della parola (tra gli esempi, dip /ˈdɪp/, dipped /ˈdɪpt/; boom /ˈbuːm/, boomed /ˈbuːmd/; loot /ˈluːt/, looted /ˈluːtɨd/). Quando ciò accade, tra tali diverse pronunce del nesso "ed" sono prevedibili in base ad alcune regole di fonetica, ma non è questo il motivo per cui tale ortografia è fissa. Un ulteriore esempio coinvolge le differenze tra le vocali (con annessi cambi di accenti) in molte parole collegate. Per esempio, la parola "photographer", fotografo, viene da photograph, con l'aggiunta del suffisso "er". Quando questo suffisso viene aggiunto, la pronuncia della vocali cambia radicalmente:

Spelling Pronuncia
photograph ˈfoʊtəɡræf o ˈfoʊtəɡrɑːf
photographer fəˈtɒɡrəfər
photographical ˌfoʊtəˈɡræfɨkəl

Tra gli altri esempi c'è il suffisso "ity", ad esempio in coppie del tipo "agile-agility", "acid-acidity", "divine-divinity", "sane-sanity".

Un'altra categoria di tali parole include sign ˈsaɪn segno e bomb ˈbɒm bomba con rispettivamente G e B mute. Tuttavia, in parole correlate come signature e bombard quelle lettere vengono pronunciate, infatti si ha ˈsɪɡnətʃər e bɒmˈbɑrd. Qui si potrebbe dimostrare che la forma sottostante di sign e bomb sia |saɪɡn| e |bɒmb|, dove |ɡ| e |b| sono effettivamente pronunciate solo quando seguite da certi suffissi, quali "-ature", "-ard". Altrimenti, quei suoni non sono effettivamente realizzati (per esempio quando le parole sono isolate o quando agganciate a suffissi differenti, come "-ing" ed "-er"). In questi casi, l'ortografia indica le consonanti sottostanti, presenti in alcune parole ma assenti in altre, comunque correlate. Altri esempi sono la T di fast ˈfɑːst e fasten ˈfɑːsən, e la H di heir ˈɛər e inherit ɪnˈhɛrɨt.

Un altro esempio sono le parole come mean ˈmiːn significare e meant ˈmɛnt significò. Qui, il nesso vocalico "ea" è pronunciato diversamente in queste due parole, che sono correlate fra loro. Un'altra volta, l'ortografia usa una sola scrittura corrispondente ad un solo morfema, piuttosto che la forma fonologica effettiva.

L'ortografia inglese non sempre prevede una forma sottostante; talvolta prevede invece una forma intermedia, tra forma sottostante e pronuncia effettiva. È il caso del plurale regolare, che viene scritto sia con il suffisso "S" (come in tick,ticks-mite,mites) sia con "ES" (box,boxes). Qui la S può esser pronunciata sia s che z (a seconda del contesto: "ticks" ˈtɪks e pigs ˈpɪɡz), mentre ES solitamente è sempre ɨz (boxes ˈbɒksɨz). Dunque, ci sono due scritture differenti corrispondenti alla stessa rappresentazione sottostante /z/ del suffisso del plurale ed alle tre pronunce effettive. La scrittura indica infatti l'epentesi di /ɨ/ prima di /z/ nel nesso es, ma non fa distinzione nella scrittura "S" tra S sorda o sonora.

La rappresentazione astratta delle parole, come indicate da tale ortografia, può essere considerata vantaggiosa finché rende più evidenti ai lettori di un testo inglese le relazioni etimologiche. Questo rende lo scrivere in inglese più complesso, ma rende allo stesso tempo più efficiente la lettura.[6] Ad ogni modo, forme sottostanti molto lontane dallo scritto sono talvolta considerate troppo astratte perché possano riflettere accuratamente la capacità di comunicazione dei parlanti nativi. I fautori di quest'idea sostengono che scritture meno lontane dalla pronuncia siano più "reali", psicologicamente, e dunque più utili in termini di pedagogia.[7]

DiacriticiModifica

Alcune parole inglese possono esser scritte con l'accento; quasi tutte queste sono prestiti da altre lingue, normalmente il francese. Tuttavia le parole importate, diventando sempre più "naturali" nella lingua", subiscono sempre più l'aumento di una tendenza all'omissione degli accenti, persino nella scrittura formale. Per esempio, parole come rôle ed hôtel furono inizialmente scritte con l'accento quando entrarono nella lingua inglese, ma oggi questi stessi accenti sono pressoché in disuso. Ed al tempo venivano effettivamente percepite come straniere, e taluni consideravano preferibili le alternaive già presenti in lingua, ma oggi la loro origine è stata dimenticata. Le parole meno inclini a perdere l'accento sono quelle più atipiche per la morfologia inglese e comunque percepite ancora come straniere. Per esempio, café e pâté hanno entrambi una e finale non muta, che altrimenti lo sarebbe date le normali regole di pronuncia inglese. Anche se, oggigiorno, café è talvolta pronunciato "caff", mentre in pâté, l'accento è utile a distinguerlo da pate.

Altre parole di questo tipo sono: Ångström (considerato anche che il simbolo di tale unità di misura è "Å"), appliqué, attaché, blasé, bric-à-brac, Brötchen,[8] cliché, crème, crêpe, façade, fiancé(e), flambé, naïve, naïveté, né(e), papier-mâché, passé, piñata, protégé, résumé, risqué, über-, voilà. Un tempo era comune nell'inglese americano l'uso di una dieresi per indicare gli iati: ad esempio, coöperate, daïs, reëlect. Le riviste The New Yorker e Technology Review ancora applicano questa regola, nonostante sia sempre più rara nell'inglese moderno. Oggigiorno le dieresi sono quasi sempre tralasciate, o piuttosto viene utilizzato un trattino (cooperate, co-operate). È ancora comune, invece, nei prestiti del tipo naïve e Noël.

Gli accenti sono usati inoltre occasionalmente in poesia e nella scrittura di drammi, per indicare che una certa sillaba, normalmente non accentata, di una parola, debba essere accentata per avere un effetto diverso, o per mantenere la metrica giusta. Quest'uso è frequente in scritti arcaici e pseudo-arcaici con il suffisso "ed", per indicare che la "e" deve essere pronunciata, per esempio "cursèd" (normalmente pronunciato con la E muta).

Lettere legateModifica

In alcuni testi antichi (normalmente britannici), viene spesso usata la legatura, ottenendo lettere come æ ed œ, in parole come archæology, diarrhœa, od encyclopædia. Queste parole sono di origine latina o greca; oggiogiorno, comunque, questi grafemi nell'inglese britannico sono stati rimpiazzati da digrammi (encyclopaedia, diarrhoea) e talvolta da una semplice E come in economy, ecology, mentre nell'inglese americano hanno quasi tutte acquistato la E semplice (encyclopedia, diarrhea; però si scrive paean, amoeba, oedipal, Caesar). In alcuni casi vengono usate entrambe le scritture; ad esempio sia la scrittura encyclopedia che quella encyclopaedia vengono correntemente usate nel Regno Unito.

Irregolarità foneticheModifica

L'ortografia inglese, in confronto a molte altre lingue, è molto complessa ed irregolare. Mentre il francese, e varie altre lingue, presentano una difficoltà simile quando si codifica (scrive), l'inglese è più difficile da decodificare (leggere), essendoci molte pronunce possibili per uno stesso nesso di lettere. Per esempio, in francese, il suono [u] può esser scritto ou, ous, out, od oux (ou, nous, tout, choux), ma la pronuncia di questi nessi è sempre uguale. In inglese, il suono /uː/ può esser scritto oo od u, u-e, ui, ue, o, oe, o-e, o-b, ou, ough, od ew (food, truth, rude, fruit, blue, to, shoe, move, tomb, group, through, flew), ma tra questi 12 nessi ben 10 hanno altre pronunce possibili: flood, build, go, toe, comb, out, rough, sew (che possono essere trascritte approssimativamente come "flad", "bild", "gheu", "teu", "keum", "raf", "seu"[9]). Nel caso della sequenza ough, persino i parlanti nativi più colti talvolta non sono in grado di pronunciare parole particolarmente poco usate che la contengono, soprattutto nomi come Gough, Hough, o Slough.

Inoltre, l'inglese non ha mai avuto organi di regolazione dell'ortografia formali, al contrario dello spagnolo con la Real Academia Española o del francese con l'Académie française.

Irregolarità ortograficheModifica

I tentativi di regolarizzare o riformare la lingua, incluse vere e proprie "riforme dello spelling", sono quasi sempre falliti. L'unica eccezione significativa è la serie di riforme di Noah Webster, che ha creato molte delle attuali differenze tra scrittura britannica ed americana, come "center-centre", "dialog-dialogue" (altre differenze, invece, come la scrittura dei suffissi "ise/ize" in parole come "realize-realise", si crearono invece spontaneamente).

Oltre alle stranezze che il sistema ortografico inglese ha ereditato dal suo passato, vi sono altre trappole che lo rendono difficile da imparare. L'inglese contiene infatti (con differenze tra le diverse varietà), 24-27 diversi suoni consonantici, e 14-20 vocalici. Tuttavia, ci sono soltanto 26 lettere nell'alfabeto inglese moderno, quindi non può esserci una corrispondenza 1:1 tra lettere e suoni. Molti suoni vengono scritti con più lettere o con gruppi di lettere, ed anche in quelle parole in cui può essere indovinata la pronuncia è necessario guardare la parola nel suo complesso. Per esempio, il digramma "th" rappresenta due suoni (la fricativa dentale sonora e quella sorda, vedi pronuncia del th inglese), e la fricativa alveolare sorda può venire scritta sia S che C.

Tuttavia, non è la quantità di lettere a rendere irregolare la scrittura inglese, ma soprattutto dall'uso di varie scritture per uno stesso suono, e l'uso dello stesso nesso per rappresentare più suoni.

L'inglese ormai tende a non anglicizzare la scrittura dei prestiti, preservando quella straniera, anche quando le convenzioni per pronunciarli vengono avvertite come "esotiche", come nel digramma polacco cz di Czech (pronunciato "Cèk") od in quello norvegese fj di fjord. Nel Middle English arcaico, fino al 1400, quasi tutti i prestiti francesi vennero riscritti secondo le regole dell'inglese (bataille>battle, bouton>button, ma non accadde con double e trouble). Talvolta, piuttosto che riscrivere i prestiti conformemente allo standard inglese, la pronuncia cambia in conseguenza della scrittura. Un esempio di tale fenomeno è ski, importato dal norvegese durante la metà del XVIII secolo, anche se non divenne comunemente usato fino al 1900. Inizialmente veniva pronunciato /ʃiː/, similmente alla pronuncia norvegese, ma la popolarità acquistata dallo sport a partire dalla metà del XX secolo favorì il rimpiazzamento con /skiː/[senza fonte]

Ci fu inoltre un periodo in cui la scrittura di alcune parole venne alterata perché diventasse conforme alla presunta etimologia della parola stessa. Per esempio venne aggiunta la lettera B a debt (originariamente dette) per tentare di ricollegarla al latino debitum, e la lettera S in island per ricollegarla al latino insula (in queste due parole tali lettere sono mute), ma in realtà la parola discende dall'inglese antico īġland. La P di Ptarmigan allo stesso modo non ha giustificazioni etimologiche, fu inserita solo per richiamare il greco, nonostante si tratti di una parola gaelica.

La scrittura inglese continua ad evolversi. Molti prestiti vengono da lingue in cui la pronuncia delle vocali corrisponde a quella dell'inglese antico, a sua volta simile a quella italiana o spagnola, e questi sono i valori associati ai grafemi [a], [e], [i], [o] e [u] nell'IPA. Ne risulta un sistema di pronuncia dei prestiti linguistici piuttosto regolare[senza fonte], ed in alcuni di essi è stata anche modificata la loro grafia perché si conformasse a tale sistema. Per esempio, Hindu veniva originariamente scritto Hindoo, ed il nome Maria veniva pronunciato come il nome Mariah, ma fu modificato per renderlo conforme a questo sistema.

Anche le pubblicità hanno avuto un effetto sull'ortografia inglese. È da loro che provengono scritture semplificate come "lite" al posto di "light" (luce), "thru" al posto di "through" (attraverso), "smokey" al posto di "smoky" (fumoso), e "rucsac" al posto di "rucksack" (zaino). Anche la scrittura dei nomi è stata una fonte di innovazioni: le versioni diminuitive dei nomi femminili, con lo stesso suono di nomi maschili, hanno sviluppato scritture differenti: "Nikki"-"Nicky", "Toni"-"Tony", "Jo"-"Joe".

Tra gli esempi dell'idiosincratica natura della scrittura inglese, c'è la combinazione "ou", pronunciabile in almeno 4 maniere differenti: ə in famous (famoso), in loud(con forza), ʊ in should(dovrebbe), in you(tu); e la vocale , trascrivibile in almeno 9 modi: paediatric (pediatrico), me (me), seat (sedile), seem (sembrare), ceiling(soffitto), people (persone), machine (macchina), siege(assedio), phoenix(fenice). (Questo almeno nell'inglese britannico standard).

Talvolta gli inglesi cambiano una pronuncia che non ci si aspetterebbe, semplicemente per questo. Cambiamenti di tale tipo non vengono normalmente visti come "standard", ma possono diventarlo, a patto che vengano applicati sufficientemente. Ne è un esempio "miniscule", che ancora è in competizione con l'originale "minuscule", ma questo potrebbe anche accadere per analogia con mini.[senza fonte]

StoriaModifica

Le inconsistenze e le irregolarità nella pronuncia e scrittura inglese sono gradualmente aumentate di numero durante la storia della lingua inglese. Ci sono vari fattori che vi contribuiscono. Primo, i graduali cambiamenti nella pronuncia, come il grande spostamento vocalico, han creato un grande numero di irregolarità. Secondo, i prestiti linguistici importati recentemente da altre lingue normalmente mantengono l'ortografia originale, spesso non-fonetica in inglese. La romanizzazione di lingue come il cinese, con alfabeti derivati da quello latino ha complicato ancora di più le cose, per esempio quando si deve pronunciare un nome proprio cinese (di persona o luogo).

La scrittura regolare dell'inglese antico fu spazzata via dalla conquista normanna, e lo stesso inglese, in alcuni ambiti, fu soppiantato dal francese normanno per tre secoli, e riemergendo con una scrittura influenzata dal francese. L'inglese ha anche acquistato un gran numero di parole dal francese, che ovviamente mantennero la loro scrittura originale non essendoci né ragione né meccanismi per modificarla. L'ortografia del medio inglese, come quello degli scritti di Geoffrey Chaucer, è piuttosto irregolare, con parole scritte in più modi, talvolta addirittura nella stessa frase. Ad ogni modo, queste erano generalmente guide più affidabili per la pronuncia rispetto a quanto succede nell'inglese moderno. Per esempio, il suono ʌ, normalmente scritto u, è scritto o in son,love,come ecc. a causa delle norme ortografiche normanne, che proibivano di scrivere "u" prima di "v","m" od "n", per la confusione grafica che ne sarebbe risultata (V, U ed N venivano scritti identici con due minimi, cioè dei segni, nella grafia normanna; la W diventava due U, mentre la M usava tre minimi, per cui MM poteva apparire come VUN, NVU, UVU ecc.). Allo stesso modo, le convenzioni ortografiche proibivano di scrivere una V finale. Per cui la scrittura identica di tre vocali differenti in love, grove e prove è dovuta all'ambiguità nel sistema ortografico del Medio Inglese, piuttosto che ai cambiamenti fonetici.

Ci fu anche un serie di cambiamenti fonetici durante la fine di questo periodo, tra cui lo stesso grande spostamento vocalico, dove la I di mine, per esempio, da vocale semplice diventò dittongo. Questi cambiamenti in larga parte non si detrassero dalle regole dell'ortografia; ma in alcuni casi introdussero confusione, come la varie pronunce possibili di "ough". Quasi tutti questi cambiamenti avvenirono prima che la stampa approdasse in Inghilterra. Tuttavia, il suo arrivo congelò il sistema allora corrente, piuttosto che favorire un riallineamento con la pronuncia. In più introdusse altre irregolarità, in parte a causa dell'uso dei compositori tipografici diventati tali all'estero, soprattutto nei Paesi Bassi. Per esempio, la H di ghost fu aggiunta per influenza dell'olandese. L'aggiunta o rimozione di E mute in fine di parola fu talvolta usato per comporre la linea di margine della mano destra più ordinatamente.

Quando i dizionari furono introdotti, a metà del XVII secolo, il sistema ortografico inglese aveva già cominciato a stabilizzarsi. Attorno al XIV secolo, la maggior parte delle parole aveva già fissato la propria scrittura, anche se ci volle un po' di tempo prima che questa potesse diffondersi in tutto il mondo anglofono. In un'opera del 1860, lo scrittore George Eliot faceva satira sull'atteggiamento verso l'ortografia della popolazione rurale:

(EN) Mr. Tulliver did not willingly write a letter, and found the relation between spoken and written language, briefly known as spelling, one of the most puzzling things in this puzzling world. Nevertheless, like all fervid writing, the task was done in less time than usual [...] like himself, to a generation with whom spelling was a matter of private judgment.
(IT) Il signor Tulliver non scriveva volentieri una lettera, e trovava la relazione tra lingua parlata e scritta, detta brevemente "spelling", una delle cose più sconcertanti di questo mondo sconcertante. Ciò nonostante, come ogni fervido scrittore, il compito veniva terminato in meno tempo del solito [...] come lui stesso, apparteneva ad una generazione con cui lo spelling era una questione di giudizio privato.

L'ortografia inglese moderna, con le sue varianti nazionali, si diffuse con l'espansione dell'educazione pubblica più tardi, nel XIV secolo.

"Ough" wordsModifica

Uno delle più note difficoltà della scrittura inglese, il gruppo ough, è comunemente pronunciato in almeno 10 modi, 6 dei quali illustrati nel detto Though the tough cough and hiccough plough him through, citato da Robert A. Heinlein in La porta sull'estate per illustrare gli ostacoli riguardanti le trascrizioni automatiche del parlato e la lettura. Lo stesso ough è una parola, ossia un'esclamazione di disgusto, simile ad ugh.

Per finire, c'è il nome Loughborough, dove il primo ough suona come in tough ed il secondo rima con thorough.

Corrispondenze grafema-suonoModifica

VocaliModifica

In un approccio generativo all'ortografia inglese, Rollings (2004) identifica venti vocali "ortografiche" principali, rintracciabili nelle sillabe accentate, racchiuse in quattro categorie: "Lax", "Tense", "Heavy", "Tense-R" (che in italiano si potrebbero tradurre come "rilassate", "tese", "pesanti" "tese ad R"). Essendo tale classificazione basata sull'ortografia, non tutte le vocali rilassate lo sono necessariamente anche dal punto di vista fonologico (si rimanda alla pagina Tensione (fonetica)).

General American
Lettera Lax Tense Heavy Tense-R
a æ
man

mane
ɑ
mar
ɛ
mare
e ɛ
met
i
mete
ɜ
her
ɪ
here
i ɪ
win

wine
ɜ
fir

fire
o ɑ
mop

mope
ɔ
for, fore
u ʌ
hug
/ju/
huge
ɜ
cur
j
cure
u ʊ
push
u
rude
ʊ
sur, sure
Received Pronunciation (Britannica)
Lettera Lax Tense Heavy Tense-R
a æ
man

mane
ɑː
mar
ɛ
mare
e ɛ
met

mete
ɜː
her
ɪ
here
i ɪ
win

wine
ɜː
fir

fire
o ɒ
mop
ə
mope
ɔː
for, fore
u ʌ
hug
juː
huge
ɜː
cur
j
cure
u ʊ
push

rude
ʊ
sur, sure

Per esempio, la A può rappresentare la rilassata æ, la tesa , la pesante ɑː, o [ɛə] prima di |r| (spesso come allofono). Le vocali pesanti e quelle tese ad R sono le rispettive controparti rilassate e tese seguite da R.

Le vocali tese sono distinte dalle rilassate con una E muta aggiunta in fine di parola. Quindi, la lettera A di hat è rilassata /æ/, ma aggiungendo una E in fondo si ottiene hate, dove la A è tesa /eɪ/. Similmente, vocali pesanti e tese ad R si comportano in questo modo; il nesso ar in car è pesante /ɑr/, mentre ar seguito da E muta, come in care/ɛər/. La lettera U rappresenta due differenti modelli di vocali, di cui il primo è /ʌ/, /juː/, /ə/, /jʊ/ ed il secondo /ʊ/, /uː/, /ʊ/. Non vi sono distinzioni tra vocali pesanti e tese ad R con la lettera O, mentre con la U il modello /ʊ-uː-ʊ/ non possiede una vocale pesante. Oltre alla E muta, un'altra strategia per indicare vocali tese e tese ad R, consiste nell'aggiunta di un'ulteriore vocale diacritica formando così un digramma. In tal caso, la prima vocale è solitamente la principale, mentre la seconda è la vocale "marcante". Per esempio, la parola "man" ha un'A rilassata, pronunciata /æ/, ma l'aggiunta di una I, dando così main, rende la A tesa, così che viene pronunciata /eɪ/. Queste due strategie producono parole scritte diversamente ma pronunciate identiche, come in mane criniera(dove si usa la E muta), main principale (dove si usa un digramma) e Maine Maine[10] (dove si usano entrambe). L'uso di due differenti strategie si richiama alla necessità di distinguere parole che sarebbero altrimenti omonimi.

Oltre a queste 20 ortografie vocaliche basiche, Rollings descrive una categoria di vocali neutralizzate (/ə, ɪ/), una categoria mista (/ɔɪ, aʊ, aɪ, aʊ/, /j/ e /w/ più vocale, e le coppie di vocali).

Combinazioni di vocali [11]Modifica

Ricavare la pronuncia di una parola inglese dalla sua scrittura richiede non solo un'adeguata conoscenze delle regole, qui sotto esposte (molte delle quali non sono conosciute esplicitamente dai parlanti nativi, che imparano la scrittura di una parola assieme alla sua pronuncia) e le molte eccezioni, ma anche:

  • Sapere quando una sillaba è accentata o meno, il che non è desumibile dalla scrittura (si possono confrontare hallow santificare e allow permettere);
  • Quali combinazioni di vocali formino una o due sillabe.
Scrittura Valore più comune
(IPA)
Esempi di tale valore Valori meno comuni
(IPA)
Esempi di valori rari Eccezioni
a
  • Prima di gruppi consonantici
  • Ultima vocale della parola
  • Seguita da 2 o più sillabe atone
  • Quando la sillaba seguente contiene /ɪ/
/æ/ hatchet, banner, marry
acrobat, cat
national, camera, reality

arid, granite, palace
/eɪ/ /ɑː/ ache, bass, chamber, nationhood

father, past[12]


/ɒ/ yacht
  • Prima di -nge, -ste
  • Prima d'una sola consonante
  • Prima di consonante + (-le od R+vocale)
  • Prima di una vocale eterosillabica, ossia di un'altra sillaba
/eɪ/ arrange, waste
grace, famous, violate
table, hatred, April
chaos, aorta
/ɛ/
/æ/
/ɪ/
many, any
manor, have
chocolate, orange
/ɑː/ gala, sonata
Prima di R finale od R+consonante (e termini derivati) /ɑː/ bar, cart
barred, marring
/ɛə/ scarce
Prima di R+vocale /ɛə/ uncaring, wary, various, glare /æ/ Paris /ɑː/ are
Finale di parola /ə/ lemma, banana /ɪ/ bologna
Nel suffisso finale -ary /ɛ/ ordinary, necessary
Dopo /w/ eccetto che prima di /k/, /ɡ/, /ŋ/ /ɒ/ watch, warrior, quantity /æ/ quango
Dopo /w/ prima di R finale od R+consonante /ɔː/ warning, dwarf, war
Atona /ə/ another, about, woman Ø[13] artistically /i/ karaoke
Atona, in -age /ɪ/ damage, bondage
aa, ah /ɑː/ baa, blah /eɪ/ quaalude
ae (æ) Solitamente /iː/ encyclopaedia (encyclopædia), paediatrician (pædiatrician) /ɛ/ aesthetic (æsthetic) /eɪ/ reggae
/aɪ/ maestro
Prima di R /ɛə/ aerial (ærial), aeroplane (æroplane)
ai, ay Accentata /eɪ/ bait, cocaine, day /ɛ/
/aɪ/
said, again, says
samurai, kayak, aye
/æ/ plaid
/iː/ quay
Prima di R /ɛə/ cairn, millionaire, dairy
Atona /ɪ/ bargain, mountain /ə/ Britain
ao /eɪ/ gaol /aʊ/ Taoism /əʊ/ pharaoh
au, aw /ɔː/ taut, author, lawn, /ɒ/
/ɑː/
sausage, because, laurel
aunt, draught, laugh
/eɪ/ gauge
/əʊ/ mauve
e
  • Prima d'una sola consonante
  • Prima di consonante + (-le od R+vocale)
  • Vocale finale, e sola in una parola
  • Vocale finale di prestiti greci
  • Prima di vocale eterosillabica
/iː/ receding, detail, gene
metre, secret
be, she
simile, catastrophe
neon
/eɪ/
/ɛ/
Ø
ukulele, cafe, crepe
metal, lemon, heron
livelihood, fateful
  • Prima di un gruppo consonantico
  • Ultima della parola
  • Seguita da almeno 2 sillabe atone
  • Quando la sillaba successiva contiene /ɪ/
/ɛ/ better, fetch, merry
get, watershed
legacy, elegant, delicate

crevice, perish, epicness
/iː/ lethal
axes (plurale di axis)
legally

evil
/ɪ/ pretty
Prima di R finale od R+consonante (e termini derivati) /ɜː/ herd, kerb, referral /ɑː/ clerk, sergeant
Prima di R+vocale /ɪə/ serious, series, here /ɛə/
/ɛ/
therefore, werewolf
very
/ɜː/ were
Finale di parola Ø mate, discipline, starve
plague
/iː/ recipe
Atona /ɪ/ hatchet, target, poet /ə/ taken, decency, moment
Prima di vocale eterosillabica /ɪ/ create, area, atheist, hideous
ea Solitamente /iː/ beach, eating, please /ɛ/ bread, healthy, cleanse /eɪ/ break, great, steak
Prima di R+consonante /ɜː/ earth, learn, early /ɑː/ hearty, hearth /ɪə/ beard, really
Prima di R finale ed R+vocale (e termini derivati) /ɪə/ clear, hearing, yearly /ɛə/ bear, pear, swear
eau /əʊ/ bureau, plateau, tableau /juː/ beauty /ɒ/ bureaucracy
ee Solitamente /iː/ bee, feed /eɪ/ matinee, fiancee
Prima di R /ɪə/ cheering, beer, eerie
ei, ey Solitamente /eɪ/ veil, reign, obey /iː/
/aɪ/
seize, key, geyser
height, heist, gneiss
/ɛ/ heifer, leisure
/aɪ/ eye
Dopo C /iː/ deceive, ceiling, conceit
Prima di R /ɛə/ heir, their /ɪə/ weird, weir, eyrie
Atona /ɪ/ foreign, counterfeit
Atona e finale /ɪ/ monkey, curtsey, jersey
eo /ɛ/ leopard, jeopardy /iː/ people /əʊ/ yeoman
/ɪə/ leotard
eu(e),
ew(e),
ieu,
iew
Solitamente /juː/ feudal, queue, dew,
ewe, lieu, view
/əʊ/ sew, shew
/ɛf/ lieutenant[14]
Dopo /r/, /ʃ/, /ʒ/, /j/, consonante + /l/ /uː/ rheumatism, jewel, blew
Prima di R /jʊə/ amateur, neural, Newry
Entrambe le caratteristiche sopraccitate /ʊə/ Jewry, pleurisy
i
  • Prima di una singola consonante
  • Prima di consonante + (-le od R+vocale)
  • Prima di -nd, -ld, -gh, -gn
  • Finale di parola
  • Prima di vocale eterosillabica
/aɪ/ shine, cited, guide
title, idle, vibrant
wild, kind, sighed, ensign
alumni, alibi, radii
vial, quiet, prior, pious
/ɪ/ pivot, give, engine

wind (quando usato come sostantivo; viene pronunciato infatti col dittongo quando ha funzione di verbo).
/iː/ machine, ski
  • Prima di un gruppo consonantico
  • Ultima della parola
  • Seguita da almeno 2 sillabe atone
  • Quando la sillaba successiva contiene /ɪ/
  • Prima di consonante + e/i + vocale
/ɪ/ hitch, fiddle, mirror
bit
cinema, liberty, military

finish, spirit, minute
hideous, position, Sirius
/aɪ/ pint, ninth

silently

whitish
/æ/ meringue
/iːɪ/ ski(ing)
Prima di R finale od R+consonante (e termini derivati) /ɜː/ bird, fir, stirrer /ɪə/ menhir
Prima di R+vocale /aɪə/ hire, firing, enquiry
Atona /ɪ/ livid, typical /ə/ pencil, cousin Ø business
Prima di vocale eterosillabica /ɪ/ familiar, alien, radii, idiot
ie Finale di parola /aɪ/ die, tie /ɪ/ eerie, selfie
In mezzo alla parola /iː/ field, series, siege /aɪ/ flies, tries /ɪ/ sieve
/ɛ/ friend
Prima di R /ɪə/ pier, fierce, bulkier
o
  • Prima di gruppi consonantici
  • Ultima della parola
  • Seguita da almeno 2 sillabe atone
  • Quando la sillaba successiva contiene /ɪ/
/ɒ/ od /ɑː/ dot, doctor, torrent
opera, colonise, cooperate
topic, solid, promise
/ʌ/
/əʊ/
/uː/
won, monkey, front
gross, comb, brokenly
tomb, womb
/ʊ/ wolf
  • Prima di una sola consonante
  • Prima di consonante + (-le od R+vocale)
  • Finale di parola
  • Prima di vocae eterosillabica
    (sillabe atone incluse)
/əʊ/ omen, grove, total
noble, cobra
banjo, go
boa, poet, stoic
cooperate
/ɒ/
/uː/
/ʌ/
/ə/
moral, proper, shone
to, who, move, lose
come, love, done
purpose, Europe
/ʊ/ woman
/ɪ/ women
Prima di R /ɔː/ ford, boring, more, for, morning
Prima di R e dopo W /ɜː/ word, work, worst /ɔː/ worn
Atona /ə/ eloquent, wanton, author
oa Solitamente /əʊ/ boat, coal, load /ɔː/ broad
Prima di R /ɔː/ boar, coarse
oe (œ) Solitamente /iː/ amoeba (amœba), coelacanth (cœlacanth), phoenix (phœnix)
Finale di parola /əʊ/ toe, foe /uː/ shoe, canoe /ʌ/ does
Atona /ɪ/ oedema (œdema)
oeu /uː/ manoeuvre (manœuvre)
oi, oy Solitamente /ɔɪ/ coin, boy
Prima di R /wɑː/ reservoir, memoir, repertoire /ɔɪə/ loir /waɪə/ choir
oo Solitamente /uː/ hoop, booze /ʊ/ wool, foot, soot /əʊ/ brooch
Prima di K o D /ʊ/ look, wood /uː/ food, brood, spook /ʌ/ blood, flood
Prima di R /ɔː/ door /ʊə/ poor, mooring
ou Accentata /aʊ/ out, aloud, bough /uː/
/ʌ/
/əʊ/
soup, you, through
touch, trouble, country
soul, dough, boulder
/ʊ/ courier, should
/ɒ/ cough
Prima di R /ɔː/ tourist, contour, pour /aʊə/
/ɜː/
hour, our, devour
journey, courteous, scourge
/ʊ/ courier
/ʌ/ courage
Atona /ə/ camouflage, labour, nervous
ow Accentata /aʊ/ cow, sow, allow /əʊ/ know, show /ɒ/ acknowledge
Prima di R /aʊə/ dowry
Atona /əʊ/ yellow, rainbow, narrow
u
  • Prima di gruppi consonantici
  • Ultima di parola
/ʌ/ butter, dump, current /ʊ/ put, full, pudding
  • Prima d'una sola consonante
  • Prima di consonante + (-le od R+vocale)
  • Prima di vocali eterosillabiche
    (incluse sillabe atone)
/juː/ luminous, mute, tuba
bugle, rubric
duel, fatuous, druid,
January
/ʊ/ sugar /ɪ/ busy
Come sopra ma dopo /r/, /ʃ/, /ʒ/, /j/, consonante + /l/ /uː/ rule, chute, June, flu
truant, fluent, menstruate
Prima di R finale od R+consonante(e termini derivati) /ɜː/ curdle, burr, furry
Prima di R+vocale /jʊə/ lure, purity, curing /jə/ failure /ɛ/ bury
Come sopra ma dopo /r/, /ʃ/, /ʒ/, /j/, consonante + /l/ /ʊə/ rural, jury, plural
Dopo G e prima di E od I Ø guess, disguise, tongue /juː/
/w/
argue, ague
linguistics, segue
Atona /ə/ supply /ɪ/ minute, lettuce
ue, ui Solitamente /juː/ cue, hue, nuisance /weɪ/ suede /wiː/ suite
/ɪ/ build, biscuit
Come sopra ma dopo /r/, /ʃ/, /ʒ/, /j/, consonante + /l/ /uː/ blue, tissue, fruit, juice
uy /aɪ/ buy, guyed
y
  • Prima di gruppi consonantici
  • Seguita da almeno 2 sillabe atone
  • Quando la sillaba seguente contiene /ɪ/
/ɪ/ myth, cryptic
cylinder, typical, pyramid
cynic
/aɪ/ hyphen, psyche
cyclically
  • Prima d'una sola consonante
  • Prima di consonante + (-le od R+vocale)
  • Finale di parola ed accentata
/aɪ/ typing, style, paralyze
cycle, cypress
sky, supply, bye
Prima di R finale od R+consonante(e termini derivati) /ɜː/ myrtle, myrrh
Prima di R+vocale /aɪə/ lyre, tyrant, gyrate
Atona /ə/ sibyl, martyr
Atona, finale di parola /ɪ/ city, happy

Consonanti [15]Modifica

Scrittura Valore più comune (IPA) Esempi di tale valore Altri valori Esempi d'altri valori
b, bb [16] Solitamente /b/ bit, rabbit, obtain Ø [17] bdellium, debtor, subtle
Finale dopo M
(ed in termini derivati)
Ø climb, comb, numbing
c Prima di E, I, Y, AE od OE /s/ cellar, city, cyst,
face, prince, nicer
caesium, coelacanth
/tʃ/
/ʃ/
/k/
/ts/
cello, vermicelli
liquorice
Celts, chicer
letovicite
Prima di I/E+vocale /ʃ/ special
Ad inizio e prima di N o T Ø cnidarian, ctenoid
Altrimenti /k/ cat, cross Ø victual, indict
cc Prima di E, I od Y /ks/ accept, eccentric, occidental /k/
/tʃ/
/s/
soccer, recce, siccing
bocce, breccia, cappuccino
flaccid
Altrimenti /k/ account, accrue, occur, yucca
ch Solitamente /tʃ/ chase, chin, attached, chore /k/
/h/
Ø
ached
chutzpah
yacht
Prestiti dal greco /k/ chasm, chimera, chord
Prestiti dal francese /ʃ/ chaise, machine, cached, parachute
Prestiti dal danese /dʒ/ sandwich, Greenwich
ck /k/ tack, ticket
d, dd, dh[18] /d/ dive, ladder, jodhpurs /dʒ/
Ø
graduate, gradual (entrambi pronunciabili anche /dj/)
Wednesday, handsome
-dg- prima di E, I od Y /dʒ/ lodger, pidgin, edgy
f, -ff /f/ fine, off /v/ of
g Prima di E, I, Y, AE od OE /dʒ/ gentle, magic, gyrate,
page, algae (GA)
/ɡ/
/ʒ/
get, eager, algae (RP)
collage, gigue
Nei gruppi -gm, gn- e -gn[19] Ø diaphragm, gnome, signing, reign /ɡ/ signify, repugnant
Altrimenti /ɡ/ go, great, guest /dʒ/ margarine
gg /ɡ/ stagger, flagging /dʒ/ suggest, exaggerate
gh Ad inizio di parola /ɡ/ ghost, ghastly
Altrimenti Ø dough, high, right, daughter /f/
/x/ o /k/
/ɡ/, /k/, o /x/
/p/
laugh, enough
lough
ugh!
hiccough
h Solitamente[20] /h/ he, alcohol Ø vehicle, honest, hono(u)r, piranha, hour, heir
Dopo EX Ø exhibit, exhaust /h/ exhale
j- /dʒ/ jump, ajar /j/
/ʒ/
/h/
Ø
Hallelujah
Jean
jalapeno, fajita
Marijuana
k, -kk, kh Solitamente /k/ key, bake, trekking, sheikh
All'inizio prima di N Ø knee, knock
l, ll /l/ line, valve, valley Ø[21]
/j/
halve, balk, salmon, tortilla
?
m, mm Solitamente /m/ mine, hammer
All'inizio prima di N Ø mnemonic
n, nn Solitamente /n/ nice, funny
Prima di /k/ o /ɡ/ /ŋ/ link, bangle, anchor
Alla fine dopo M
(ed in termini derivati)
Ø hymn, autumn
ng Alla fine (ed in termini derivati) /ŋ/ long, kingly, singer, clingy
Altrimenti in posizione mediale /ŋɡ/
/ndʒ/
anger, finger
danger, ginger, dingy
p, pp Solitamente /p/ pill, happy, soup, corpse, script Ø coup, receipt
All'inizio prima di N, S e T Ø pneumonia, psyche, ptomaine /p/ psst
ph, pph /f/ photograph, sapphire /v/ Stephen
q (Anche non prima di U) /k/ Iraq, Iqaluit
r, rr, rh, rrh Solitamente /r/ ray, parrot, rhyme, diarrhoea Ø iron
  • Prima di consonante
  • Alla fine
  • Prima di E finale
Ø nei dialetti non-rotici (come l'RP) cart, burr, fir, care, walker, tear, hurt
Vedi sotto per le combinazioni di vocali ed R
s, ss Solitamente /s/ song, ask, message, misled /z/
/ʃ/
/ʒ/
Ø
scissors, dessert, dissolve, Islam
sugar, tissue, Template:Not a typossion
vision
islet, aisle, debris
-s- tra due suoni vocalici
(vedi anche "se" sotto)
/z/ rose, prison /s/ basis
Morfema -s finale dopo fonema sordo /s/ pets, shops
Morfema -s finale dopo fonema sonoro /z/ beds, magazines
sc- prima di E, I ed Y /s/ scene, scepter, scissors, scythe /sk/
/ʃ/
sceptic, scirrhus
fascism
sch- /sk/ school, scheme, schizo /ʃ/
/s/
schedule (nell'RP, altrimenti: /sk/), schist
schism (nell'RP, altrimenti: /sk/)
sh /ʃ/ shin, fashion
t, -tt Solitamente /t/ ten, bitter,
cation,
chaste, wallet
/ʃ/
/tʃ/
/d/
Ø
ratio, Martian
question, bastion
kindergarten
castle, chasten, ballet
-sten, -stle, -ften se atoni Ø listen, rustle, soften /t/ tungsten, existent
-tch /tʃ/ batch, kitchen
th /θ/
/ð/
thin, both,
the, bothers
/t/
/tθ/
/th/
Ø
thyme
eighth
outhouse, potherb
asthma
v, -vv /v/ vine, savvy
w /w/ sward, swerve, wale Ø
/uː/
/v/
two, sword, answer, gunwale
cwm
Weltanschauung
wh- Solitamente /w/ o /hw/ nell'inglese irlandese o statunitense meridionale wheel
Prima di O /h/ o /hw/ nell'inglese irlandese o statunitense meridionale who, whole /w/ whopping, whorl
wr- /r/ o /wr/ nell'inglese scozzese wrong, wrist
x Inizialmente /z/ xylophone
Altrimenti /ks/ extent, excuse, axe /ɡz/
/ɡʒ/
/kʃ/
Ø
exit (In alcune pronunce)
luxury (In alcune pronunce)
anxious
faux-pas
-xc prima di E od I /ks/ excellent, excited
y- /j/ yes, young
z, -zz /z/ zoo, pizzazz /ts/
Ø
schizophrenic, pizza
rendezvous

Combinazioni di vocali ed RModifica

Scrittura Valore più comune(IPA) Esempi di tale valore Altri valori Esempi di altri valori Eccezioni
ayer, ayor /ɛə(r)/ layer, mayor
ower /aʊər/ dowry, tower, flowery

Combinazioni di vocali ed altre consonantiModifica

Scrittura Valore più comune(IPA) Esempi di tale valore Altri valori Esempi di altri valori Eccezioni
ah /ɑː/ blah
al /æl/ pal, talcum, algae, alp /ɔːl/ bald, falcon
alf /ɑːf/ (RP)
/æf/ (GA)
calf, half /æl/ alfalfa, malfeasance /ɔlf/ palfrey
alk /ɔːk/ walk, chalking, talkative /ælk/ alkaline, grimalkin /ɔlk/ balkanise
all /ɔːl/
/æl/
call, fallout, smaller
shall, callus, fallow
/ɒl/
/(ə)l/
wallet, swallow
allow, dialled
/ɛl/ (GA) marshmallow, pall-mall
alm /ɑːm/ (tutti gli esempi hanno in realtà pronunce alternative) calm (anche: /ɑːlm/), almond (anche: /ælm/), palmistry (anche: /ɑːlm/) /ælm/
/ɔːlm/
dalmatian, salmonella
almanac (anche: /ælm/), almost
/æm/ salmon
/(ə)lm/ signalman
alt /ɒlt/ (RP)
/ɔːlt/ (GA)
alter, malt, salty, basalt /ælt/
/ɔːlt/
alto, shalt, saltation
altar, asphalt
/ɑlt/ gestalt (GA)
/(ə)lt/ royalty, penalty
aoh, oh /oʊ/ pharaoh, oh
ci- atono prima di vocale /ʃ/ special, gracious /si/ species
-cqu /kw/ acquaint, acquire /k/ lacquer, racquet
Morfema -ed finale
dopo /t/ o /d/*
/ɨd/ waited
Morfema -ed finale dopo consonante sorda /t/ topped, surfed /ɛd/ biped, unfed
Morfema -ed finale dopo consonante sonora /d/ climbed, failed, ordered /ɛd/ imbed, misled, infrared
eh /eɪ/ eh
Morfema -es finale /ɨz/ washes, boxes
Ex- atono prima di vocale od H /ɨɡz/ exist, examine, exhaust /ɛks/ exhale
gu- prima di A /ɡw/ bilingual, guano, language /ɡ/ guard, guarantee
-le dopo consonante e finale /əl/ little, table
-(a)isle /aɪəl/ aisle, isle, enisle, lisle
-ngue finale /ŋ/ tongue, harangue, meringue (dessert) /ŋɡeɪ/ dengue (anche /ŋɡi/), distingué, merengue (musica/ballo)
old /oʊld/ blindfold, older, bold /əld/ scaffold, kobold (anche /ɒld/
olk /oʊk/ yolk, folk
oll /ɒl/ doll, follow, colletc., holler /oʊl/ roll, stroller, polling, tollway
olm /ɒlm/ olm, dolmen /oʊlm/ enrolment, holmium /oʊm/ holm (oak)
ong /ɒŋ/ (RP)
/ɔːŋ/ (GA)
wrong, strong, song /ɒŋ/ Congress, congregation
qu- /kw/ queen, quick /k/ liquor, mosquito
quar- prima di consonante /kwɔː(r)/ quarter, quart
-que finale /k/ mosque, bisque /keɪ/ risqué /kjuː/ barbeque
-re finale dopo consonante /ər/ ogre
ro /rɒ/ rod /roʊ/ roll /ə(r)/ iron
sci- atono e prima di vocale /tʃ/ conscience (/ʃ/ in RP) /si/ omniscient (RP soltanto)
sci- (accentato) /saɪ/ science
-scle /səl/ corpuscle, muscle
-se (nie sostantivi) /s/ house, mouse
-se (nei verbi) /z/ house, raise /s/ chase
-si atono e prima di vocale /ʃ/ expansion /ʒ/ division, illusion /zi/ physiology, busier, caesium
flimsiest
/si/ tarsier
-ssi atono e prima di vocale /ʃ/ mission /si/ potassium, dossier
-sure atono /ʒər/ leisure, treasure
-ti atono e prima di vocale /ʃ/ nation, ambitious /ʒ/ equation /ti/ patio, /taɪ/ cation
-ture atono /tʃər/ nature, picture
-zure atono /ʒər/ seizure, azure

Si ricordi che non c'è un metodo preciso per determinare se dei suoni siano morfemi o parti integranti d'una parola.

Corrispondenze suoni-scrittureModifica

La tabella seguente mostra le varie ortografie associate a ciascun suono. Il simbolo "..." indica un'eventuale consonante aggiuntiva. I nessi sono in ordine di frequenza, dunque il primo è il più comune. Alcune ortografie sono rarissime o addirittura uniche, come, in alcuni accenti, l'au per il suono [æ]. In alcuni casi, le scritture mostrate si trovano in una sola parola esistente in inglese (come "mh">/m/, od "yrrh">/ɜr/).

Consonanti
IPA Scritture Esempi
/p/ p, pp, gh pill, happy, hiccough
/b/ b, bb bit, rabbit
/t/ t, tt, ed, pt, th, ct ten, hitter, topped, pterodactyl, thyme, ctenoid
/d/ d, dd, ed, dh, t (in certi dialetti), tt (in certi dialetti) dive, ladder, failed, dharma, waiter, flatter
/ɡ/ g, gg, gue, gh go, stagger, catalogue, ghost
/k/ c, k, ck, ch, cc, qu, cqu, cu, que, kk, kh, q, x (cambiando un suo suono /ks/ a /k/) cat, key, tack, chord, account, liquor, acquis, biscuit, mosque, trekker, khan, burqa, excitement
/m/ m, mm, mb, mn, mh, gm, chm mine, hammer, climb, hymn, mho, diaphragm, drachm
/n/ n, nn, kn, gn, pn, nh, cn, mn nice, funny, knee, gnome, pneumonia, piranha, cnidarian, mnemonic
/ŋ/ ng, n, ngue sing, link, tongue
/r/ r, rr, wr, rh, rrh ray, parrot, wrong, rhyme, diarrh(o)ea
/f/ f, ph, ff, gh, pph, u fine, physical, off, laugh, sapphire, lieutenant  (Br)
/v/ v, vv, f, ph, w vine, savvy, of, Stephen, weltanschauung
/θ/ th, chth, phth, tth, fth (in certi dialetti) thin, chthonic, phthisis, Matthew, twelfth
/ð/ th, the them, breathe
/s/ s, c, ss, sc, st, ps, sch (in certi dialetti), cc, se, ce, z (in certi dialetti) song, city, mess, scene, listen, psychology, schism, flaccid, horse, juice, citizen
/z/ s, z, x, zz, ss, ze, c (in certi dialetti) has, zoo, xylophone, fuzz, scissors, breeze, electricity
/ʃ/ sh, ti, ci, ssi, si, ss, ch, s, sci, ce, sch, sc shin, nation, special, mission, expansion, tissue, machine, sugar, conscience, ocean, schmooze, crescendo
/ʒ/ si, s, g, z, j, ti, sh (in certi dialetti) division, leisure, genre, seizure, jeté, equation, Pershing
/tʃ/ ch, t, tch, ti, c, cc, tsch, cz chin, nature, batch, bastion (alcuni accenti), cello, bocce, putsch, Czech
/dʒ/ g, j, dg, dge, d, di, gi, ge, gg magic, jump, judgment, bridge, graduate, soldier, Belgian, dungeon, exaggerate
/h/ h, wh, j, ch, x he, who, fajita, chutzpah, Quixote
/j/ y, i, j, ll, e yes, onion, hallelujah, tortilla, eoarchean
/l/ l, ll, lh line, hallo, Lhasa
/w/ w, u, o, ou, wh (in quasi tutti i dialetti) we, persuade, choir, Ouija board, what
/hw/ wh (in Irlanda e sud degli Stati Uniti) wheel
/wr/ wr (in Scozia) wren
Vocali
IPA Scritture Esempi
/iː/ e, ea, ee, e…e, ae, ei, i…e, ie, eo, oe, ie...e, ay, ey, i, y, oi, ue, ey, a be, beach, bee, cede, Caesar, deceit, machine, field, people, amoeba (variante di "ameba"), hygiene, quay (RP soltanto; /eɪ/ nel GA), key, ski, city, chamois, Portuguese, geyser (RP soltanto; /aɪ/ nel GA), karaoke
/ɪ/ i, y, ui, e, ee, ie, o, u, a, ei, ee, ia, ea, i...e, ai, ii, oe bit, myth, build, pretty, been (alcuni accenti), sieve, women, busy, damage, counterfeit, carriage, mileage, medicine, bargain, shiitake, oedema
/uː/ oo, u, o, u…e, ou, ew, ue, o…e, ui, eu, oeu, oe, ough, wo, ioux, ieu, oup, w, u tool, luminous, who, flute, soup, jewel, true, lose, fruit, maneuver, manoeuvre (variante britannica del precedente), canoe, through (variante formale di "thru"), two, Sioux, lieutenant  (GA), coup, cwm, thru (informale[22])
/ʊ/ oo, u, o, oo...e, or, ou, oul look, full, wolf, gooseberry, worsted, courier, should
/eɪ/ a, a…e, aa, ae, ai, ai...e, aig, aigh, al, ao, au, ay, e (é), e...e, ea, eg, ei, ei...e, eig, eigh, ee (ée), eh, er, es, et, ey, ez, ie, oeh, ue, uet bass, rate, quaalude, reggae, rain, cocaine, arraign, straight, Ralph  (britannico, arcaico), gaol  (variante australiana di "jail"), gauge (variante di gage), pay, ukulele (café), crepe, steak, thegn, veil, beige, reign, eight, matinee (soirée), eh, dossier, demesne, ballet, obey, chez, lingerie  (US), boehmite (anche: /oʊ/), dengue (solitamente: /i/), sobriquet (anche: /ɛt/; variante di "soubriquet")
/ə/ a, e, o, u, ai, ou, eig, y, ah, ough, ae, oi another, anthem, awesome, atrium, mountain, callous, foreign, beryl, Messiah, borough  (Britannico), Michael, porpoise
/oʊ/ o, o…e, oa, ow, ou, oe, oo, eau, oh, ew, au, aoh, ough, eo so, bone, boat, know, soul, foe, brooch, beau, oh, sew, mauve, pharaoh, furlough, yeoman
/ɛ/ e, ea, a, ae, ai, ay, ea…e, ei, eo, ie, ieu, u, ue, oe met, weather, many, aesthetic, said, says, cleanse, heifer, jeopardy, friend, lieutenant  (Britannico), bury, guess, foetid
/æ/ a, ai, al, au, i hand, plaid, salmon, laugh (alcuni accenti), meringue
/ʌ/ u, o, o…e, oe, ou, oo, wo sun, son, come, does, touch, flood, twopence
/ɔː/ a, au, aw, ough, augh, o, oa, oo, al, uo, u, ao fall, author, jaw, bought, caught, cord, broad, door, walk, fluorine  (Br), sure  (alcuni accenti), extraordinary
/ɒ/ o, a, eau, ach, au, ou lock, watch, bureaucracy, yacht, sausage, cough
/ɑː/ a, ah, aa, i father, blah, baa, lingerie  (USA)
/aɪ/ ae, ai, aie, aille, ais, ay, aye, ei, eigh, ey, eye, i, i…e, ia, ie, ic, ig, igh, is, oi, ui, uy, uye, y, y...e, ye maestro, krait, shanghaied, canaille (RP), aisle, kayak, aye, heist, height, geyser (US), eye, mic, fine, diaper, tie, indict, sign, high, isle, choir, guide, buy, guyed, tryst, type, bye
/ɔɪ/ oi, oy, awy, uoy oy…e, eu foil, toy, lawyer, buoy, gargoyle, Freudian
/aʊ/ ou, ow, ough, au, ao out, now, bough, tau, Taoism
/ɑr/ aar, ar, are, arre, ear, er, our, uar, arrh bazaar, car, are, bizarre, heart, sergeant, our  (alcuni accenti), guard, catarrh
/ɛər/ aar, aer, air, aire, ar, are, ayer, ayor, ear, eir, er, ere, err, erre, ey're, e'er Aaron, aerial, hair, millionaire, ware, vary, prayer, mayor, bear, heir, stationery (alcuni accenti), where, err (variante), parterre, they're, e'er
/ɪər/ ear, eer, eir, eor, ere, ers, e're, ier, iere, ir ear, beer, weir, theory  (US), here, revers, we're, pier, premiere, menhir
/ɜr/ er, or, ur, ir, yr, our, ear, err, eur, yrrh, ar, oeu, olo fern, worst, turn, thirst, myrtle, journey, earth, err, amateur, myrrh, grammar, hors d'oeuvre, colonel
/juː/ u, u…e, eu, ue, iew, eau, ieu, ueue, ui, ewe, ew music*, use, feud, cue, view, beautiful*, adieu*, queue, nuisance*, ewe, few, * In alcuni dialetti si verifica il fenomeno dello "Yod-dropping", vedi Inglese americano.

Indicazioni per la pronunciaModifica

Sono riportati degli esempi suddivisi secondo le lettere dell'alfabeto. La pronuncia dei cognomi e dei nomi geografici, spesso irregolare, non è qui trattata.

È riportata la pronuncia chiamata Received Pronunciation, con i simboli fonetici IPA. Data la grande varietà di pronunce dell'inglese, questa pronuncia è usata spesso come riferimento, ma è da notare che è usata in pratica solo dal 3–5 % dei madrelingua di inglese.

Per la pronuncia usata negli Stati Uniti (dove vivono circa i 2/3 dei madrelingua di inglese)[23] vedi la voce Inglese americano.

Tipici errori commessi dai principianti sono indicati alla pagina Pronuncia italiana della lingua inglese.

  • Nota bene: per leggere la pronuncia è necessario avere una buona conoscenza dei simboli fonetici IPA usati nella lingua inglese.

A )   Può avere diverse pronunce:

  1. / ɑː / es. car [kʰɑː*], past [pʰɑːst], varnish [vɑːniʃ], master [ˈmɑːstə*]
  2. / ɔː / es. tall [tʰɔːl], talk [tʰɔːk], quarter [ˈkʰwɔ:tə*],
  3. / ɒ / es. quality [kʰˈwɒləti], squad [skwɒd]
  4. / ɪ / es. village [ˈvɪlɪʤ], manage [ˈmænɪʤ ]
  5. / æ / es. band [bænd], bat [bæt], national [ˈnæʃənɫ̩]
  6. / ɛə / es. care [kʰɛə*], prepare [prɪˈpʰɛə*], nightmare [ˈnaɪtmɛə*]
  7. / eɪ / es. base [beɪs], cable [ˈkʰeɪbɫ̩], nation [ˈneɪʃən], save [seɪv]
  8. / ə / nelle sillabe non accentate: es. apart [ə'pɑːt].
Nota: i due punti indicano un suono vocalico allungato. Non esiste in inglese la pronuncia della doppia consonante.
Un simbolo fonetico in corsivo indica che tale suono può essere tralasciato, cioè una pronuncia facoltativa.

B )   Come la b italiana [b], ma è muta nei seguenti casi:

C )   Può avere diverse pronunce:

Si ricorda che in inglese la doppia consonante non ha mai una pronuncia "allungata" come in italiano.

D )   Come per la t, la d inglese è alveolare [d] e non dentale come in italiano.

E )   Può avere due pronunce: / ɪ / come in english oppure / ɛ / come in engineer [ɛnʤɪˈnɪə*] .

F )   Come in italiano [f]. Un'eccezione è la preposizione of [ɒv] .

G )   Può essere g dura: gate [ɡeɪ̯t], gallant, gas, gear, gift, bag, forgive; oppure g dolce: gem [ʤɛm], gentleman, general, marriage.

Nota: in questo caso la n ha il suono velarizzato /ŋ/ , simile alla n dell'italiano angolo.
oppure si pronuncia /f/: es. tough [tʰʌf], cough [kʰɒf], rough [ɹʌf], laugh [lɑːf].
Una rara eccezione è hiccough [ˈhɪkʌp] (che significa singhiozzo), che però è spesso scritta, specialmente nell'Inglese Americano, nella forma più regolare hiccup.
  • Il gruppo gn si pronuncia con la g ed n separati: magnet [ˈmægnət], ignore, magnificent.
  • Nel gruppo gn ad inizio parola la g è muta: es. gnat [næt], gnaw [nɔː].

H )   È aspirata, cioè è presente e non muta, come in hit [hɪt], con alcune eccezioni: honest [ˈɒnɪst], honour [ˈɒnə*], hour [aʊ̯ə*], heir [ɛə̯*] e parole derivate.

I )   Può avere le seguenti pronunce:

  1. / aɪ /  es. light [laɪ̯t], might, dialogue, item, wind (quando è un verbo).
  2. / ɪ /  es. bill, fit, inch, quit, insurance, mint, wind (quando è un sostantivo).
    Nel secondo caso però la i non è pronunciata come in italiano, ma con un suono breve tendente ad / ə /.
  3. / iː /  es. machine
    La lettera i rappresenta solo raramente il fonema /iː/. Questo fonema è normalmente reso con le grafie <ee> ed <ea>.
  4. Seguita dalla r si pronuncia / ɜː /: es. sir [sɜ*], flirt [flɜːt], girl, shirt.

J )   G dolce [ʤ] come nell'italiano giorno, gemma, geranio.

K )   Come nell'italiano corda [k]. È muta nel gruppo iniziale kn: es. knee [niː], knot [nɒt], knight [nait], know [nəʊ̯].

  • Il fonema /k/ all'inizio di una sillaba si pronuncia con aspirazione [kʰ]: king [kʰɪŋ].

L )   Come la l italiana [l], ma spesso con un suono più pieno.

M )   Come la m italiana [m]. È muta nel gruppo mn iniziale: es. mnemonic [nəˈmɒnɪk].

N )   Come la n italiana [n], ma nei gruppi ng e nk è velarizzata, con una pronuncia simile alla n dell'italiano angolo:
    es. running [ɹʌnɪŋ], song [sɒŋ], link [lɪŋk], monk [mʌŋk], singing [ˈsɪŋɪŋ].

  • Nel gruppo mn in posizione finale la n è muta: damn [dæm], hymn'[hɪm].

O )   Può avere diverse pronunce:

  1. / ɒ /    es. hot [hɒt], copper [ˈkʰɒpə*]
  2. / əʊ̯ /  es. over [ˈəʊ̯və*], motion [məʊ̯ʃən], rope [ɹəʊ̯p]
  3. / ʌ /    es. done [dʌn], become, love, country
  4. / uː /  nel gruppo ove in fine di parola: es. move [muːv], improve [ɪmˈpʰɹuːv]
  1. / uː /  es. food [fuːd], cool [kʰuːl], balloon [bəˈluːn], stool [ˈstuːl].
    Nota: la u corta (non seguita dai due punti) non è pronunciata come in italiano, ma tende al suono / ə /.
  2. / ʊ /  es. good [gʊd], foot [fʊt]
  3. / ʌ /  es. blood [blʌd], flood [flʌd].
  4. / ɔː /  es. door [dɔː*], floor [flɔː*].

P )   Come la p [p] italiana, tenendo conto che:

  • Ad inizio parola o inizio sillaba accentata è spesso "aspirata" [pʰ], con un suono più accentuato che in italiano.
  • Il gruppo ph si pronuncia f: telephone [ˈtelɪfəʊn], sphere, photograph.
Vi sono alcune eccezioni, es. shepherd [ˈʃɛpə*d], Stephen [ˈstiːvən].

Q )   Come la q italiana, cioè [k]. Come in italiano, è sempre seguita dalla lettera 'u'. Spesso il suono [k] è aspirato [kʰ] (vedi sotto k).

R )   È sempre diversa dalla r italiana: [ɹ].

S )   Può avere il suono / s / (come nell'italiano sole) oppure / z / (come nell'italiano smania).

T )   La t inglese è alveolare [t], mentre in italiano è dentale.

  1. / θ   es. thick [θɪk], thin, width, think, theatre, thought, through, myth.
  2. / ð /  es. this [ðɪs], that, there, breathe, though, their, them, soothe.
Vi sono alcune rare eccezioni, come nei nomi propri Thames [tʰeɪ̯mz] e Thomas [ˈtʰɒməs].

U )   Può avere diverse pronunce:

  1. / ju /  es. cube [kʰjuːb], utility [ju:ˈtɪləti], use [juːz], value [ˈvæljuː].
  2. / ʊ /  es. put [pʰʊt], full [fʊl], bullet [ˈbʊlɪt]. Nota: la u corta non è uguale alla u italiana, ma si avvicina al suono /ə/.
  3. / ʌ /  es. cut, but, under, bus, rudder, butter.
  4. È muta nei gruppi ua, uo, ui: es. guard [gɑːd], buoyancy [ˈbɔɪ̯ənsi], biscuit [ˈbɪskɪt].
  • Il gruppo ure può avere più pronunce:
    • /jʊə/ come in cure [kʰjʊə*],
    • /ʊə/ oppure /ɔː/ come in sure che può essere pronunciata sia [ʃʊə*] sia [ʃɔː], essendo la seconda pronuncia molto più comune nei parlanti più giovani.

V )   Come la v italiana [v].

W )   U semiconsonantica, cioè [w], come nell'italiano buono.

X )   Può avere tre pronunce:

  1. / ks /  es. mixer [ˈmɪksə*], external, exercise, fixture, exile.
  2. / gz /  es. exam [ɪg'zæm], exhaust [ɪgˈzɔːst], exist [ɪgˈzɪst], executive [ɪgˈzɛkjutɪv].
  3. Ad inizio parola si pronuncia s dolce come nell'italiano rosa: es. xenon [ˈziːnən], xylophone [ˈzaɪ̯ləfəʊ̯n].

Y )   Può avere due pronunce:

Z )   Come la s nell'italiano smeraldo [z]: es. zone [zəʊ̯n], zebra [ˈzɛbɹə], hazel [ˈheɪ̯zəl].

NoteModifica

  1. ^ Una breve storia della scrittura inglese (EN) [collegamento interrotto]
  2. ^ English language. (2010). In Encyclopædia Britannica. Retrieved November 23, 2010, from Encyclopædia Britannica Online: http://www.britannica.com/EBchecked/topic/188048/English-language
  3. ^ Questo solitamente succede perché un tempo la pronuncia di ciascuna parola era diversa, dopo di che è divenuta uguale, ma la scrittura originale è rimasta: plane era pronunciato ˈpleːn, ma il suono si unì in un unico suono con l' di plain, rendendo le due parole omofone.
  4. ^ Rollings 2004: 16-19; Chomsky & Halle 1968; Chomsky 1970
  5. ^ Nel mondo anglofono, l'accezione di dialetto non è perfettamente uguale a quella italiana: spesso si intende "la variante regionale di lingua", piuttosto che un vero e proprio dialetto.
  6. ^ Chomsky 1970:294; Rollings 2004:17
  7. ^ Rollings 2004:17–19
  8. ^ Incluse nel Webster's Third New International Dictionary,1981
  9. ^ Non si tratta di una vera trascrizione, ma solo di un'approssimazione, per rendere la differenza.
  10. ^ Uno stato degli USA, New England.
  11. ^ Per attutire gli ostacoli dovuti ai dialetti, i valori fonetici qui dati rispondono alle convenzioni scritte nella pagina inglese per l'IPA. La tabella include H, W ed Y quando rappresentano suoni vocalici; se si danno informazioni, si presuppone che la vocale si trovi in sillaba accentata.
  12. ^ Vedi Trap-bath split.
  13. ^ Tale simbolo indica che la lettera è muta.
  14. ^ Ma esiste anche la pronuncia regolare, senza F.
  15. ^ Nelle tabelle, i trattini hanno due significati differenti. Uno dopo la lettera indica che questa deve essere ad inizio di sillaba, per esempio "j- ... jumper, ajar". Uno di essi prima della lettera indica che non può trovarsi ad inizio di parola, per esempio "-ck ... sick, ticket". Ovviamente le regole più specifiche prevarranno sulle più generali; inoltre, quando un nesso di lettere sarà indicato come "finale di parola", generalmente vi si potranno aggiungere suffissi senza che la pronuncia cambi. Infine, qui si farà riferimento alla Received Pronounciation, e verranno esclusi i prestiti stranieri che seguono regole isolate.
  16. ^ Si noti che in inglese, a differenza dell'italiano, le consonanti semplici e doppie non sono distinte a livello di suono.
  17. ^ Soprattutto nel gruppo "bt", con poche eccezioni come "obtain" ed "obtuse".
  18. ^ Si noti che si tratta del fonema /d/ alveolare e non del fonema dentale italiano, spesso trascritto identico, /d̪/. Stesso discorso vale per /t/.
  19. ^ In inglese non esiste la nasale palatale: questo significa che il gruppo GN, quando è letto, deve essere letto con due fonemi separati, dunque /gn/ e non /ɳ/.
  20. ^ In inglese tale lettera è infatti sempre pronunciata (almeno nelle varietà standard), a differenza dell'italiano.
  21. ^ Generalizzando, il grafema è muto soprattutto nei grupi LF e LM, e talvolta in LK, come in "walk" e "talk".
  22. ^ Nel mondo anglofono, si parla talvolta di "informal spelling" ortografia informale per designare la scrittura di alcune parole in maniera diversa da come prescriverebbe la tradizione, usate per esempio nelle abbreviazioni da SMS, insomma linguaggio informale, o, come detto sopra, nelle campagne pubblicitarie.
  23. ^ Crystal, David (1997). English as a Global Language. Cambridge: Cambridge University Press. ISBN 0-521-53032-6.

BibliografiaModifica

Nota: le seguenti fonti sono in lingua inglese.

  • Albrow, K. H. (1972). The English writing system: Notes towards a description. Schools Council Program in Linguistics and English Teaching, papers series 2 (No. 2). London: Longmans, for the Schools Council.
  • Aronoff, Mark. (1978). An English spelling convention. Linguistic Inquiry, 9, 299–303.
  • Bell, Masha (2004), Understanding English Spelling, Cambridge, Pegasus.
  • Bell, Masha (2007), Learning to Read, Cambridge, Pegasus.
  • Bell, Masha (2009), Rules and Exceptions of English Spelling, Cambridge, Pegasus.
  • Brengelman, Fred H. (1970). Sounds and letters in American English. In The English language: An introduction for teachers (pp. 77–98). Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall.
  • Brengelman, Fred H. (1970). Generative phonology and the teaching of spelling. English Journal, 59, 1113–1118.
  • Brengelman, Fred H. (1971). English spelling as a marker of register and style. English Studies, 52, 201–209.
  • Brengelman, Fred H. (1980). Orthoepists, printers, and the rationalization of English spelling. Journal of English and German Philology, 79, 332–354.
  • Carney, Edward. (1994). A survey of English spelling. London: Routledge.
  • Chomsky, Carol. (1970). Reading, writing and phonology. Harvard Educational Review, 40 (2), 287–309.
  • Chomsky, Noam; & Halle, Morris. (1968). The sound pattern of English. New York: Harper and Row. (In particolare pp. 46, 48–49, 69, 80n, 131n, 148, 174n, 221).
  • Cummings, D. W. (1988). American English spelling: An informal description. Baltimore: The Johns Hopkins University Press. ISBN 0801879566
  • Derwing, Bruce; Priestly, Tom; Rochet, Bernard. (1987). The description of spelling-to-sound relationships in English, French and Russian: Progress, problems and prospects. In P. Luelsdorff (Ed.), Orthography and phonology. Amsterdam: John Benjamins.
  • Dixon, Robert. (1977). Morphographic spelling program. Eugene, OR: Engelman-Becker Press.
  • Emerson, Ralph. (1997). English spelling and its relation to sound. American Speech, 72 (3), 260–288.
  • Hanna, Paul; Hanna, Jean; Hodges, Richard; & Rudorf, Edwin. (1966). Phoneme – grapheme correspondences as cues to spelling improvement. Washington, D.C.: US Department of Health, Education and Welfare.
  • Jespersen, Otto. (1909). A modern English grammar on historical principles: Sounds and spellings (Part 1). Heidelberg: C. Winter.
  • Luelsdorff, Philip A. (1994). Developmental morphographemics II. In W. C. Watt (Ed.), Writing systems and cognition (pp. 141–182). Dordrecht: Kluwer Academic Publishers.
  • McCawley, James D. (1994). Some graphotactic constraints. In W. C. Watt (Ed.), Writing systems and cognition (pp. 115–127). Dordrecht: Kluwer Academic Publishers.
  • Mencken, H. L. (1936). The American language: An inquiry into the development of English in the United States (Quarta edizione). New York: A.A. Knopf.
  • Rollings, Andrew G. (1998). Marking devices in the spelling of English. Atlantis, 20 (1), 129–143.
  • Rollings, Andrew G. (1999). Markers in English and other orthographies. In L. Iglesias Rábade & P. Nuñez Pertejo (Eds.), Estudios de lingüística contrastiva (pp. 441–449). Universidad de Santiago.
  • Rollings, Andrew G. (2003). System and chaos in English spelling: The case of the voiceless palato-alveolar fricative. English Language and Linguistics, 7 (2), 211–233.
  • Rollings, Andrew G. (2004). The spelling patterns of English. LINCOM studies in English linguistics (04). Muenchen: LINCOM EUROPA.
  • Sampson, Geoffrey. (1985). Writing systems: A linguistic introduction. London: Hutchinson.
  • Seymour, P. H. K.; Aro, M.; & Erskine, J. M. (2003). Foundation literacy acquisition in European orthographies. British Journal of Psychology, 94 (2), 143–174.
  • Simpson, J. A.; & Weiner, E. S. C. (Eds.). (1989). Oxford English dictionary. Oxford: Clarendon Press.
  • Steinberg, Danny. (1973). Phonology, reading and Chomsky and Halle's optimal orthography. Journal of Psycholinguistic Research, 2 (3), 239–258.
  • Stubbs, Michael. (1980). Language and literacy: The sociolinguistics of reading and writing. London: Routledge & Kegan Paul.
  • Venezky, Richard L. (1967). English orthography: Its graphical structure and its relation to sound. Reading Research Quarterly, 2, 75–105.
  • Venezky, Richard L. (1970). The structure of English orthography. The Hague: Mouton.
  • Venezky, Richard L. (1976). Notes on the history of English spelling. Visible Language, 10, 351–365.
  • Venezky, Richard L. (1999). The American way of spelling. New York: Guildford Press.
  • Weir, Ruth H. (1967). Some thoughts on spelling. In W. M Austin (Ed.), Papers in linguistics in honor of Leon Dostert (pp. 169–177). Janua Linguarum, Series Major (No. 25). The Hague: Mouton.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

I seguenti collegamenti portano a siti in inglese.

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85043622