Apri il menu principale

Palazzo Ardinghelli

edificio dell'Aquila
Palazzo Ardinghelli
Palazzo Ardinghelli.jpg
La facciata di palazzo Ardinghelli, dopo il terremoto del 2009.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo
LocalitàL'Aquila
Indirizzopiazza Santa Maria Paganica
Coordinate42°21′10.6″N 13°23′59.1″E / 42.352944°N 13.39975°E42.352944; 13.39975Coordinate: 42°21′10.6″N 13°23′59.1″E / 42.352944°N 13.39975°E42.352944; 13.39975
Informazioni generali
Condizioniin restauro
Costruzione1732-1743
Stiletardo barocco
Realizzazione
ArchitettoFrancesco Fontana
ProprietarioMinistero dei beni culturali
Committentefamiglia Ardinghelli

Palazzo Ardinghelli, anche noto come Palazzo Franchi Cappelli,[1] è un palazzo storico dell'Aquila, dichiarato monumento nazionale nel 1902.[2]

Indice

StoriaModifica

Il palazzo venne costruito su preesistenze di impronta rinascimentale delle famiglie Cappa e Camponeschi, tra le principali del quarto di Santa Maria, e trae la sua origine nella complessa ricostruzione della città successiva al terremoto del 1703;[3] in particolare, a partire dal 1732 con l'avvento di Carlo III di Spagna, venne dato notevole impulso alla ricostruzione dell'architettura civile e Palazzo Ardinghelli fu tra i primi palazzi nobiliari a vedere la luce, insieme a Palazzo Quinzi e Palazzo Pica Alfieri del quarto di San Pietro.[3]

Venne realizzato dalla famiglia di origine toscana degli Ardinghelli[4], il cui capostipite – Andrea Ardinghelli – si stabilì all'Aquila nel XVI secolo. A promuovere l'edificazione del palazzo furono soprattutto Filippo Ardinghelli e suo fratello Francesco.[5]

Il progetto, redatto dall'architetto romano Francesco Fontana,[6] figlio del più celebre Carlo, è riconducibile al primissimo periodo successivo al terremoto, mentre la realizzazione dell'edificio incontrò numerosissime difficoltà ed ebbe luogo solamente tra il 1732 ed il 1743.[5] Con la morte di Filippo Ardinghelli, la famiglia si estinse prima del completamento dei lavori[3] ed il palazzo passò alla famiglia Cappelli, subendo anche notevoli rimaneggiamenti nel corso dei secoli tanto che l'attuale facciata in stile tardo barocco venne completata solo nel 1955.[4]

Negli ultimi decenni del XIX secolo, il palazzo fu dimora e atelier del celebre pittore Teofilo Patini.[5]

L'edificio ha riportato danni ingenti in seguito al terremoto del 2009 ed è attualmente inagibile. Il restauro, reso possibile grazie ad una copertura provvisoria, è stato finanziato dalla Russia[7] ed avrà un costo complessivo di 7 milioni 200 mila euro per un tempo di lavoro effettuato di oltre quattro anni. Nel 2016, all'importo dei lavori sono stati aggiunti altri 2 milioni di euro per consentire alla struttura di ospitare la sede aquilana del museo d'arte contemporanea MAXXI.

DescrizioneModifica

Il palazzo, considerato uno dei massimi esempi del barocco aquilano,[6] è situato in piazza Santa Maria Paganica volto frontalmente all'omonima chiesa, anch'essa riedificata nelle forme attuali in seguito al terremoto del 1703, e posto in relazione con altre importanti esempi di architettura civile come Palazzo Carli Benedetti. Costituisce un unico complesso con l'adiacente Palazzo Cappa Camponeschi,[8] piccola struttura di origine quattrocentesca che nelle intenzioni del progettista avrebbe dovuto essere incorporato nel Palazzo Ardinghelli, come si evince dall'attuale asimmetria della facciata del palazzo.[4]

L'edificio si sviluppa su due livelli. L'ingresso è reso evidente da una triplice balconata progettata nel 1928 che ripropone il motivo del timpano;[6] il sottostante portale, posto in asse con l'ingresso laterale della chiesa e centrale rispetto alla piazza, introduce ad un cortile porticato ad esedra[4] da cui ha origine uno scalone monumentale di derivazione borrominiana.[6] Su di esso cinque dipinti attribuiti all'artista veneto Vincenzo Damini e datati al 1744.[1]

CuriositàModifica

Nel 2014, il restauro del palazzo è stato pubblicizzato tramite una maglia evento utilizzata dalla locale squadra di rugby in una partita valida per il massimo campionato italiano.[9]

NoteModifica

  1. ^ a b Touring Club Italiano, pag.104
  2. ^ Elenco degli edifizi Monumentali in Italia, Roma, Ministero della Pubblica Istruzione, 1902. URL consultato il 27 maggio 2016.
  3. ^ a b c AA.VV., pag.137
  4. ^ a b c d Dipartimento della Protezione Civile, Palazzo Ardinghelli (PDF), su protezionecivile.gov.it. URL consultato il 12-11-11 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2014).
  5. ^ a b c Amedeo Esposito, L'Aquila, il ritorno alla "grande memoria": palazzo Ardinghelli era l'atelier di Teofilo Patini, 4 giugno 2017.
  6. ^ a b c d Alessandro Clementi, Elio Piroddi, pag.139
  7. ^ Beni culturali: adottato Palazzo Ardinghelli dai russi[collegamento interrotto], 12 novembre 2011.
  8. ^ Anche noto come Palazzo Colantoni Cappelli.
  9. ^ L'Aquila Rugby con Palazzo Ardinghelli sulle maglie. Domenica ospita il Viadana, 7 novembre 2014.

BibliografiaModifica

  • AA.VV., L'Aquila – una città d'arte da salvare, Pescara, Carsa, 2009;
  • Alessandro Clementi, Elio Piroddi, L'Aquila, Bari, Laterza, 1986;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005.