Patricia Petibon

soprano francese

Patricia Petibon (Montargis, 27 febbraio 1970) è un soprano francese.

Patricia Petibon (2009)

Patricia Petibon è un soprano di coloratura. Artista eclettica, è nota per il suo repertorio di musica barocca, inizialmente incentrata su quella francese, al quale aggiunge un repertorio classico con Mozart e un repertorio moderno con Francis Poulenc. Molto a suo agio nei ruoli amorosi, d'ingenua perversa, contadina o di giovani eccentriche, ha affrontato nel 2010 uno dei ruoli più complessi dell'opera del XX secolo, cupo e tragico, agli antipodi del suo registro abituale, Lulu di Alban Berg.

BiografiaModifica

Patricia Petibon ha studiato al Conservatorio di Parigi, ove ha ottenuto un primo premio nel 1995.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1995 è Dafne/Enone in La descente d'Orphée aux enfers di Marc-Antoine Charpentier con Les Arts Florissants diretta da William Christie e nel 2009 è Morgana nella prima rappresentazione di Alcina.

All'Opéra National de Paris nel 1996 è L'Amour/Une matelote/Une prêtresse/Une bergère in Hippolyte et Aricie di Rameau con Les Arts Florissants diretta da Christie, nel 1998 Poussette di Manon, nel 2000 Phani/Zima in Les Indes galantes, nel 2001 Dalinda in Ariodante, nel 2004 Soeur Constance ne I dialoghi delle Carmelitane con Dawn Upshaw ed Anja Silja diretta da Kent Nagano, nel 2007 Olympia ne Les contes d'Hoffmann con Rolando Villazón e nel 2012 Donna Anna in Don Giovanni.

Nel 1997 è Blonde nella prima rappresentazione registrata nel Centre vocale baroque del Théâtre de Poissy di Die Entführung aus dem Serail diretta da Christie.

Ha cantato con i direttori d'orchestra William Christie, John Eliot Gardiner, Marc Minkowski, Nikolaus Harnoncourt, Daniel Harding, lo scenografo Bob Wilson e con il Concentus Musicus Wien.

Ha inciso opere di Lully, Charpentier, Rameau, Landi, Couperin, Haendel, Gluck, Mozart, Haydn, Copland, Caldara, Bernstein, Barber, Debussy, Méhul, Jommelli, Offenbach, Delibes, Poulenc e di Nicolas Racot de Grandval.

Al Wiener Staatsoper nel 2000 è Olympia in Les contes d'Hoffmann e nel 2006 Sophie in Der Rosenkavalier con Elīna Garanča.

A Salisburgo nel 2001 è Dalinda in Ariodante con Anne Sofie von Otter, nel 2009 è Despina in Così fan tutte con i Wiener Philharmoniker, canta in un concerto e nella Messa in Do minore K 427 e nel 2010 è la protagonista di Lulu.

Al Grand Théâtre di Ginevra nel 2001 è Olympia ne Les contes d'Hoffmann con José van Dam, nel 2007 Ginevra in Ariodante con Joyce Didonato e nel 2010 è Lulu e tiene un recital.

Nel 2008 è Schwester Constance nella prima rappresentazione televisiva dal Théâtre Municipal di Strasburgo de I dialoghi delle Carmelitane.

Nel marzo del 2008 ha interpretato Camille in Zampa di Hérold all'Opéra-Comique.

Al Gran Teatre del Liceu di Barcellona nel 2010 è Lulu e nel 2013 è Giunia in Lucio Silla di Mozart.

Nel 2012 è Susanna ne Le nozze di Figaro a Aix-en-Provence e Gilda in Rigoletto al Nationaltheater (Monaco di Baviera).

Nel 2013 tiene un recital all'Opéra Royal de Versailles e canta il brano Somewhere (da West Side Story) nell'album Oblivion dei Philharmonics per la Deutsche Grammophon che in Austria ha ottenuto il Disco d'oro.

DiscografiaModifica

SolistaModifica

  • Airs baroques français, con Patrick Cohën-Akenine, Les Folies françoises (2002)
  • Les Fantaisies de Patricia Petibon (2004)
  • French Touch (2004)
  • Amoureuses (2008) Deutsche Grammophon
  • Petibon, Rosso (Arie barocche italiane) - Marcon/Venice Baroque Orch., 2009 Deutsche Grammophon
  • Petibon, Nouveau Monde. Arie e canzoni barocche - Marcon/La Cetra, 2012 Deutsche Grammophon
  • Petibon, La belle excentrique. Mélodies e chansons francesi - Manoff/Lévi/Verly/Py/La Marca, 2013 Deutsche Grammophon

Opera/operetta/oratorioModifica

MesseModifica

OspiteModifica

Filmografia parzialeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29728953 · ISNI (EN0000 0001 1049 6079 · Europeana agent/base/162779 · LCCN (ENno95041901 · GND (DE134979478 · BNF (FRcb14001087v (data) · BNE (ESXX1752617 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no95041901