Apri il menu principale

Pierre Kast (Parigi, 22 settembre 1920Roma, 20 ottobre 1984) è stato un regista cinematografico e sceneggiatore francese che fu anche redattore e critico sulle riviste La revue du cinéma e le Cahiers du cinéma. Pierre Kast condivise i canoni estetici della "Nouvelle vague" che applicò nella regia di alcuni cortometraggi di valore tra i quali nel 1949, in collaborazione con Jean Grémillon, Les Charmes de l'existence (I piaceri della vita), che ebbe nel 1950 il Gran premio del cortometraggio alla Mostra del cinema di Venezia.

I suoi successivi film, incentrati sui temi dell'amore, si distinguono per la descrizione analitica delle caratteristiche psicologiche dei personaggi e per una originale visione di fondo ispirata ai moralisti e libertini francesi. [1]

Indice

BiografiaModifica

Frequentò la facoltà di Lettere che abbandonò dopo qualche anno per dedicarsi all'attività di critico cinematografico sulle riviste "Action", "La revue du cinéma", "L'écran français", "Positif". Nel 1946 partecipò alla direzione della Cinémathèque française. Decisiva per la sua formazione culturale fu la partecipazione alla redazione dei "Cahiers du cinéma", dove collaborò ad elaborare il nuovo canone estetico cinematografico della "Nouvelle vague".

Frequentò e fu amico di scrittori come Roger Vailland e Boris Vian dal cui romanzo L'herbe rouge Kast trasse la sceneggiatura dell'omonimo film del 1985, proiettato postumo.

Assistente alla regia di Grémillon, René Clément, Jean Renoir e Preston Sturges, passò nel 1957 alla direzione personale con il primo lungometraggio Amour de poche (Un amore tascabile) che non fu molto apprezzato mentre ebbe invece molto successo il secondo film del 1960 Le Bel Âge (La dolce età), che esaltava la libertà dell'amore.

I successivi lungometraggi confermano l'interesse del regista per i più svariati aspetti dell'amore analizzato da un punto di vista psicologico: oltre al già citato Le bel âge, diresse La morte-saison des amours (1961) (La morta stagione dell'amore), in cui Kast s'impegna nel delineare i complessi sentimenti che si agitano in un rapporto amoroso a tre. Stessi temi e canoni estetici mantenuti nel film seguenti arricchiti dalla descrizione di atmosfere esotiche di paesi lontani: Vacances portugaises (1963) (Antologia sessuale), Le grain de sable (1965) (Il triangolo circolare), Drôle de jeu (1968) (Un buffo gioco) e Les soleils de l'île de Pâques (1972).

Negli anni settanta si impegnò nella scrittura di opere letterarie che affiancò all'attività di regista per i film Un animal doué de déraison, noto anche con il titolo A nudez de Alexandra (1976) (Un animale irragionevole), girato in Brasile; Le soleil en face (1980) (Il sole in faccia) e La guerillera (1982) (La guerrigliera), un film con protagonista Agostina Belli dove Kast tratta i temi sociali e politici dell'America Latina.

FilmografiaModifica

RegieModifica

CortometraggiModifica

LungometraggiModifica

Assistente alla regiaModifica

SceneggiatoreModifica

AttoreModifica

PubblicazioniModifica

  • Les Vampires de l'Alfama, romanzo, Olivier Orban éditeur, 1975
  • Le Bonheur ou le pouvoir, ou Quelques vies imaginaires du prince de Ligne, du cardinal de Bernis, du roi Louis XV et de l'architecte Claude-Nicolas Ledoux, J.-C. Lattès, 1980

NoteModifica

  1. ^ Ove non indicato diversamente, le informazioni contenute nel paragrafo "Biografia" hanno come fonte: Monica Cardarilli, Enciclopedia del cinema, Treccani (2003) alla voce "Kast, Pierre"

BibliografiaModifica

  • P. Boiron, Pierre Kast/Pierre Boiron; avec des textes de Pierre Kast et un entretien, Paris 1985.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN79028465 · ISNI (EN0000 0000 5745 6296 · LCCN (ENn85340641 · GND (DE105962866X · BNF (FRcb119094751 (data) · WorldCat Identities (ENn85-340641