I pliosauroidei (Pliosauroidea Welles, 1943) erano un sottordine dei plesiosauri, al meglio rappresentati dal Pliosaurus e dal Liopleurodon, che colonizzarono i mari boreali dal Giurassico inferiore (Sinemuriano, 189,6 milioni di anni fa) alla fine del Cretacico (65 milioni di anni fa)[1].

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Pliosauroidea
Polyptychodon
Stato di conservazione
Fossile
Periodo di fossilizzazione: Giurassico - Cretacico
Classificazione scientifica
DominioEukaryota
RegnoAnimalia
SottoregnoEumetazoa
SuperphylumDeuterostomia
PhylumChordata
SubphylumVertebrata
InfraphylumGnathostomata
SuperclasseTetrapoda
ClasseReptilia
SottoclasseDiapsida
SuperordineSauropterygia
OrdinePlesiosauria
SottordinePliosauroidea
Welles, 1943
Famiglie

Descrizione modifica

Distinguibili dagli altri plesiosauri, i Plesiosauroidea, per le pinne posteriori più grandi, per la presenza di un collo più breve, con al massimo tredici vertebre, e di una testa molto più grande, questi carnivori avevano un corpo idrodinamico molto adatto alla vita esclusivamente acquatica. Avevano denti acuti e irregolari, appuntiti e a sezione triangolare, lunghi fino a 30 cm, tramite i quali si cibavano principalmente di pesci e molluschi. Il cranio, dotato di rostro anteriore alle orbite, poteva raggiungere il metro e mezzo di lunghezza.

Tassonomia modifica

Filogenesi modifica

 
Calco di "Plesiosaurus" macrocephalus, un fossile trovato da Mary Anning, Muséum national d'histoire naturelle, Paris


Pliosauroidea
Rhomaleosauridae

Anningasaura

"Plesiosaurus" macrocephalus

Archaeonectrus

Macroplata

Atychodracon

Eurycleidus

Rhomaleosaurus

Meyerasaurus

Maresaurus

Pliosauridae

Thalassiodracon

Hauffiosaurus

Attenborosaurus

BMNH R2439

Marmornectes

"Pliosaurus" andrewsi

OUMNH J.02247

Peloneustes

Simolestes

Liopleurodon

Pliosaurus

Megacephalosaurus

Brachauchenius

Kronosaurus

Note modifica

  1. ^ (EN) Pliosauroidea, su Fossilworks.org. URL consultato il 2 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2018).

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica