Premi Goya 2020

1leftarrow blue.svgVoce principale: Premio Goya.

La cerimonia di premiazione della 34ª edizione dei Premi Goya ha avuto luogo il 25 gennaio 2020 al Palacio de Deportes José María Martín Carpena di Malaga,[1] presentata per il secondo anno consecutivo dai comici Silvia Abril e Andreu Buenafuente.[2]

Le candidature sono state annunciate il 2 dicembre 2019 da Miguel Herrán e Elena Anaya.[3] Il film che ha ricevuto più candidature è stato Mientras dure la guerra di Alejandro Amenábar con 17 candidature, seguito da Dolor y gloria di Pedro Almodóvar con 16 candidature e La trincea infinita di Jon Garaño, Aitor Arregi e Jose Mari Goenaga con 15 candidature.

Vincitori e candidatiModifica

 
Foto di gruppo di tutti i premiati

I vincitori sono indicati in grassetto, a seguire gli altri candidati. Sono indicati i titoli italiani; tra parentesi il titolo originale del film.

Miglior filmModifica

Miglior registaModifica

Miglior attore protagonistaModifica

 
Antonio Banderas con il premio

Miglior attrice protagonistaModifica

Miglior attore non protagonistaModifica

Migliore attrice non protagonistaModifica

Miglior regista esordienteModifica

Miglior attore rivelazioneModifica

 
Enric Auquer con il premio

Migliore attrice rivelazioneModifica

Miglior sceneggiatura originaleModifica

Miglior sceneggiatura non originaleModifica

Miglior produzioneModifica

Miglior fotografiaModifica

Miglior montaggioModifica

Miglior colonna sonoraModifica

Miglior canzoneModifica

Miglior scenografiaModifica

Migliori costumiModifica

Miglior trucco e/o acconciaturaModifica

Miglior sonoroModifica

Migliori effetti specialiModifica

Miglior film d'animazioneModifica

Miglior documentarioModifica

  • Ara Malikian: una vida entre las cuerdas
  • (Aute)retrato
  • El cuadro
  • Historias de nuestro cine

Miglior film europeoModifica

Miglior film straniero in lingua spagnolaModifica

Miglior cortometraggio di finzioneModifica

  • Suc de Síndria, regia di Irene Moray
  • El nadador, regia di Pablo Barce
  • Foreigner, regia di Carlos Violadé Guerrero
  • Maras, regia di Salvador Calvo
  • Xiao Xian, regia di Jiajie Yu Yan

Miglior cortometraggio documentarioModifica

  • Nuestra vida como niños refugiados en Europa, regia di Silvia Venegas Venegas
  • 2001 Destellos en la oscuridad, regia di Pedro González Bermúdez
  • El infierno, regia di Raúl de la Fuente
  • El sueño europeo: Serbia, regia di Jaime Alekos

Miglior cortometraggio d'animazioneModifica

  • Madrid 2120, regia di José Luís Quirós e Paco Sáez
  • El árbol de las almas perdidas, regia di Laura Zamora Cabeza
  • Homomaquia, regia di David Fidalgo Omil
  • Muedra, regia di César Díaz Meléndez

Premio Goya alla carrieraModifica

NoteModifica

  1. ^ (ES) La gala de los Premios Goya 2020 será en Málaga en enero, efe.com. URL consultato il 19 gennaio 2020.
  2. ^ (ES) Sílvia Abril y Buenafuente repiten como presentadores, premiosgoya.com. URL consultato il 19 gennaio 2020.
  3. ^ (ES) La Academia de Cine anuncia mañana los nominados a los Premios Goya, lavanguardia.com. URL consultato il 19 gennaio 2020.
  4. ^ (ES) Pepa Flores, ‘Marisol’, Goya de Honor 2020, elpais.com. URL consultato il 19 gennaio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema