Apri il menu principale
Preußen Münster
Sportclub Preußen 06 Münster
Calcio Football pictogram.svg
Preussen Munster.png
Die Adler (Le Aquile)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Verde, bianco, nero
Dati societari
Città Monaco di Vestfalia
Nazione Germania Germania
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Germany.svg DFB
Campionato 3. Liga
Fondazione 1906
Presidente Germania Georg Krimphove
Allenatore Germania Marco Antwerpen
Stadio Preußenstadion
(15.050 posti)
Sito web www.scpreussen-muenster.de/
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Preußen Münster (nome completo Sportclub Preußen 06 e.V. Münster), è una società calcistica tedesca di Münster, città della Vestfalia. Nella stagione 2017-2018 milita nella 3. Liga, la terza divisione del calcio tedesco.

StoriaModifica

Dalla fondazione fino al 1963Modifica

Il club fu fondato con il nome di FC Preussen il 30 aprile 1906, da un gruppo di studenti del gymnasium "Johann-Conrad-Schlaun". Assunse l'attuale denominazione nel 1920 e iniziò a giocare nel 1928 in seconda divisione.

Nel 1933 il Preussen avanzò in Gauliga Westfalen, una delle sedici massime divisioni create nello stesso anno dal Terzo Reich. Terminò tutti campionati a metà classifica e retrocesse due volte. La retrocessione del 1941 lo lasciò fuori dalla prima divisione fino alla fine della Seconda guerra mondiale.

La squadra giocò tre stagioni in Landesliga Westfalen Gr. 2 (II) prima di venire promossa in Oberliga West nel 1948. L'arrivo in massima serie creò scalpore in tutta la Germania, in quanto essa fu la prima società tedesca a costruire una squadra con giocatori pagati, quando a quel tempo la Nazione era propensa più per lo sport amatoriale che per quello a livello professionistico. Siegfried Rachuba, Adolf Preissler, Rudolf Schulz, Felix Gerritzen, e Josef Lammers furono chiamati dalla stampa tedesca con il nomignolo di "linea da centomila marchi".

La squadra, grazie agli investimenti fatti, partecipò alla finale del campionato 1951 contro il Kaiserslautern davanti ai 107.000 spettatori dell'Olympiastadion; le "aquile" tuttavia persero 1-2.

Membro fondatore della BundesligaModifica

La permanenza ininterrotta in Oberliga West dal 1953 al 1963, con il conseguimento di risultati finali da media classifica, permise alla squadra l'ingresso nella prima edizione della Bundesliga. L'avventura, fu però breve, in quanto il Preussen nello stesso anno si classificò al quindicesimo posto, retrocedendo.

Dal 1964 ad oggiModifica

Dopo l'esperienza in Bundesliga, per tutti gli anni sessanta e settanta la compagine giocò sempre in seconda divisione (Regionalliga West (1963-1974), Zweite Bundesliga Nord). Scivolò in terza divisione nella stagione 1981-82, chiamata a quel tempo Amateur Oberliga Westfalen, e vi giocò sempre fino al 2006, eccetto un paio di anni passati in Zweite Bundesliga nel 1990 e nel 1991.

Nel 1994 il Preussen vinse la Coppa di Germania Amatori, battendo in finale 1-0 il Kickers Offenbach.

Il 6 maggio 2011, con la vittoria casalinga per 3-0 contro il Borussa Mönchengladbach II, la squadra ha conquistato la promozione matematica dalla Regionalliga alla 3. Liga.[1][2] Al termine della stagione, la squadra ha vinto il girone occidentale della Regionalliga con 72 punti, 10 in più della seconda, l'Eintracht Trier.[3]

Giocatori celebriModifica

Rosa 2017-18Modifica

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

2010-2011 (Regionalliga Ovest)

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1950-1951
Terzo posto: 1975-1976 (girone Nord), 1977-1978 (girone Nord), 1978-1979 (girone Nord)

NoteModifica

  1. ^ Preußen tüten Aufstieg fulminant ein Archiviato il 9 maggio 2011 in Internet Archive., in: Sito ufficiale dell' Preußen Monaco, 06.05.2011
  2. ^ Preußen krönen herausragende Saison, in: Reviersport, 06.05.2011
  3. ^ Sportal.de: Regionalliga West - Tabelle 2010-2011 Archiviato il 17 agosto 2011 in Internet Archive.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio