Apri il menu principale

Primeira Liga 2008-2009

edizione del torneo calcistico
Primeira Liga 2008-2009
Liga Sagres 2008-2009
Competizione Primeira Liga
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 75ª
Organizzatore FPF
Date dal 22 agosto 2008
al 24 maggio 2009
Luogo Portogallo Portogallo
Partecipanti 16
Risultati
Vincitore Porto
(24º titolo)
Retrocessioni Estrela Amadora
Trofense
Statistiche
Miglior marcatore Brasile Nenè (20)
Incontri disputati 240
Gol segnati 552 (2,3 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2007-08 2009-10 Right arrow.svg

La Primeira Liga 2008-2009, nota come Liga Sagres 2008-2009 per ragioni di sponsorizzazione, è stata la 75ª edizione della massima serie del campionato portoghese di calcio. Il campionato è iniziato il 22 agosto 2008 ed è terminato il 24 maggio 2009.

Il campionato è stato vinto del Porto per la 24ª volta nella sua storia, la quarta consecutiva.
Il Trofense e l'Estrela Amadora, la cui iscrizione alla Primeira Liga è stata rifiutata per inadempienze economiche[1], sono stati retrocessi in Segunda Liga.

StagioneModifica

NovitàModifica

Dalla precedente stagione sono stati retrocessi l'União Leiria, classificatosi al 16º posto e il Boavista, classificatosi al 9º posto e retrocesso per via del suo coinvolgimento nello scandalo Fischietto d'oro, relativo ad alcuni episodi di corruzione arbitrale risalenti alla stagione 2003-2004[2]. Di conseguenza, il Paços de Ferreira, classificatosi al 15º posto, ha mantenuto la categoria. Sono state promosse dalla Segunda Liga il Trofense e il Rio Ave.

FormatoModifica

Le 16 squadre partecipanti si affrontano in un girone di andata e ritorno, per un totale di 30 giornate.
La squadra campione di Portogallo ha il diritto a partecipare alla fase a gironi della UEFA Champions League 2009-2010.
La squadra classificata al secondo posto è ammessa al terzo turno di qualificazione della UEFA Champions League 2009-2010.
Le squadre classificate al terzo, al quarto e al quinto posto sono ammesse, rispettivamente, alla fase play-off, al terzo e al secondo turno di qualificazione della UEFA Europa League 2009-2010.
Le squadre classificate agli ultimi due posti (15º e 16º posto) retrocedono in Segunda Liga.

Squadre partecipantiModifica

Classifica finaleModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
    1. Porto 70 30 21 7 2 61 18 +43
  2. Sporting Lisbona 66 30 20 6 4 45 20 +25
  3. Benfica 59 30 16 9 5 53 32 +21
  4. Nacional[3] 52 30 15 7 8 47 32 +15
  5. Braga[3] 50 30 13 11 6 38 21 +17
6. Leixões 45 30 12 9 9 30 33 -3
7. Académica 39 30 10 9 11 28 31 -3
8. Vitória Guimarães 38 30 10 8 12 32 35 -3
9. Marítimo 37 30 9 10 11 35 36 -1
  10. Paços de Ferreira[3] 34 30 9 7 14 37 42 -5
  11. Estrela Amadora[1] 34 30 8 10 12 26 38 -12
12. Rio Ave 30 30 8 6 15 20 35 -15
13. Naval 29 30 7 8 15 25 39 -14
14. Vitória Setúbal 26 30 7 5 18 21 46 -25
  15. Belenenses[4] 24 30 5 9 16 28 52 -24
  16. Trofense 23 30 5 8 17 25 42 -17

Legenda:
      Campione del Portogallo e ammessa alla UEFA Champions League 2009-2010
      Ammesse alla UEFA Champions League 2009-2010
      Ammesse alla UEFA Europa League 2009-2010
      Retrocessa in Segunda Liga 2009-2010

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Reti realizzate in trasferta negli scontri diretti
  • Differenza reti generale
  • Partite vinte
  • Reti totali realizzate
  • Spareggio

StatisticheModifica

Verdetti finaliModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (PT) Inscrição do E. Amadora rejeitada, Belenenses fica na Liga, maisfutebol.iol.pt.
  2. ^ (EN) Porto docked points, Boavista demoted, uefa.com (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2008).
  3. ^ a b c Poiché il Porto ha vinto la coppa nazionale, il Nacional è ammesso alla fase a gironi della Europa League, il Braga è ammesso al terzo turno di qualificazione e il Paços de Ferreira, finalista della coppa nazionale, è ammesso al secondo turno di qualificazione.
  4. ^ Ripescato dopo l'esclusione della Estrela Amadora.

Collegamenti esterniModifica