Apri il menu principale
Provvisorio quasi d'amore
Paese di produzioneItalia
Anno1988
Durata93 min
Generedrammatico, sentimentale
RegiaBruno Bigoni, Enrico Ghezzi, Francesca Marciano, Roberta Mazzoni, Daniele Segre, Silvio Soldini, Kiko Stella
SceneggiaturaBruno Bigoni, Roberto Duiz, Enrico Ghezzi, Francesca Marciano, Roberta Mazzoni, Silvio Soldini, Kiko Stella, Sergio Vecchio
ProduttoreDaniele Maggioni, Donatello Alunni Pierucci
Casa di produzioneIndigena, Rai 3
FotografiaVittorio Bagnasco, Luca Bigazzi, Italo Petriccione
MontaggioCarlo Bartolucci, Claudio Cormio, Massimo Fiocchi, Jacopo Quadri
Interpreti e personaggi

Provvisorio quasi d'amore è un film drammatico in sette episodi del 1988. Gli episodi sono diretti da Bruno Bigoni (Occasioni di shopping), Enrico Ghezzi (Gelosi e tranquilli), Francesca Marciano (Sirena), Roberta Mazzoni (Blue Valentine), Daniele Segre (Sarabanda finale), Silvio Soldini (Antonio e Cleo) e Kiko Stella (Imperfetto orario).

Il film è stato presentato al Salso Film & Tv-Festival [1].

TramaModifica

  • Sirena: Sentendosi completamente isolata dal mondo, una ragazza medita il suicidio.
  • Antonio e Cleo: Dopo un incontro casuale, due ragazzi intraprendono una relazione tormentata, tra passione e repulsione.
  • Imperfetto orario: Angosciato dal ritardo della sua compagna, un uomo scopre di aver ignorato l'arrivo dell'ora legale.
  • Occasioni di shopping: Una donna viene pedinata da un minaccioso sconosciuto, che però intende solo regalarle delle rose. Ma, una volta guadagnata la fiducia della donna, l'uomo la uccide.
  • Gelosi e tranquilli: Una coppia assediata dalla noia discute allo stremo di amore e del suo significato.
  • Blue Valentine: Dopo aver lasciato il partner, una donna conosce un uomo abbandonato dalla moglie. I due sono attratti l'uno dall'altra, ma l'uomo è ossessionato dal ricordo dell'ex moglie.
  • Sarabanda finale: Un ragazzo pedina una donna matura, evidentemente attratto da lei. Ma si tratta solo di un gigolò.

NoteModifica

  1. ^ SALSO - FESTIVAL: MENO VIDEO E TANTI FILM DI ESORDIENTI - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 9 febbraio 2018.

Collegamenti esterniModifica