Psittaculidae

famiglia di uccelli

TassonomiaModifica

La famiglia comprende 192 specie, recentemente segregate dalla famiglia Psittacidae di cui facevano parte[1], e raggruppate in sette sottofamiglie[1][2][3].

Distribuzione e habitatModifica

Gli Psittaculidi sono ampiamente diffusi nel Vecchio Mondo: il loro areale si estende dall'Africa, all'Asia, sino all'Australia e alle isole del Pacifico meridionale.[4]

Colonie "aliene" negli habitat urbani europeiModifica

Importati in Europa da quasi cinque secoli, alcune specie di pappagalli si sono ormai stabilite in vere e proprie colonie nelle metropoli o nelle campagne adiacenti. Le specie che più frequentemente è dato osservare in Europa sono due: il parrocchetto dal collare indiano (Psittacula krameri manillensis), originario del subcontinente indiano, e il parrocchetto monaco (Myiopsitta monachus), che ha origini sudamericane.[5]

Anche in Italia sono presenti colonie di pappagalli all'interno di spazi urbani: i parrocchetti dal collare da anni nidificano nei numerosi giardini e parchi di Roma e di Genova, nell'orto botanico di Palermo e in alcune zone residenziali di Cagliari. Più sorprendenti, visto il clima così diverso dal loro habitat naturale, sono le colonie di parrocchetti indiani stabilitesi a Londra e nella contea del Surrey, e anche nei Paesi Bassi (sono infatti presenti all'interno del Vondelpark di Amsterdam).

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Psittaculidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato l'8 giugno 2016.
  2. ^ (EN) Joseph L., Alicia Toon, Erin E. Schirtzinger, Timothy F. Wright, Richard Schodde, A revised nomenclature and classification for family-group taxa of parrots (Psittaciformes) (PDF), in Zootaxa, vol. 3205, 2012, pp. 26–40.
  3. ^ (EN) Kundu S., C.G. Jones, R.P. Prys-Jones, and J.J. Groombridge, The evolution of the Indian Ocean parrots (Psittaciformes): extinction, adaptive radiation and eustacy (PDF), in Molecular Phylogenetics and Evolution, vol. 62, 2012, pp. 296–305.
  4. ^ (EN) Old World Parrots - Psittaculidae, su Bird Families of the World. URL consultato il 3 luglio 2018.
  5. ^ Pappagalli in città, su petfamily.it. URL consultato il 5 luglio 2018.

Altri progettiModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli