Randy Barnes

atleta statunitense

Eric Randolph Barnes (Charleston, 16 giugno 1966) è un ex pesista statunitense, ex detentore del record mondiale della specialità, nonché vincitore di due medaglie olimpiche (argento a Seul 1988 e oro ad Atlanta 1996) e due medaglie mondiali (argento a Stoccarda 1993 e bronzo a Göteborg 1995).

Randy Barnes
1994-04 Randy Barnes.JPG
Randy Barnes al Sierra Medical UTEP invitational del 1994
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 193 cm
Peso 137 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Getto del peso
Termine carriera 1998
Record
Peso 23,12 m (1990)
Peso 22,66 m (indoor - 1989)
Carriera
Società
600px bisection vertical HEX-500000 White.svg Texas A&M Aggies
600px horizontal White HEX-FF241C.svg New York Athletic Club
Flag of None.svg Goldwin Track Club
Nazionale
1988-1997Stati Uniti Stati Uniti
Palmarès
Giochi olimpici 1 1 0
Mondiali 0 1 1
Mondiali indoor 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

BiografiaModifica

Barnes nasce a Charleston ma cresce nelle vicinanze di St. Albans ed inizia a praticare il getto del peso al liceo. Nel 1985 effettua un impressionante lancio di 20,36 m con il peso da 5,44 kg. Dopo aver conseguito il diploma al liceo locale, frequenta la Texas A&M University, dove batte il record della scuola (detenuto da Randy Matson) con un lancio a 21,88 m con il peso regolamentare da 7,26 kg.

Partecipa ai Giochi olimpici di Seul 1988 dove, a soli 22 anni, conquista la medaglia d'argento con un lancio di 22,39 m al sesto turno. La vittoria va al tedesco Ulf Timmermann. Il 20 gennaio 1989 al Sunkist Invitational a Los Angeles realizza il nuovo record mondiale indoor nel getto del peso con la misura di 22,66 m. Il 20 maggio 1990 realizza anche il record outdoor con la misura di 23,12 m (superando il precedente detentore Ulf Timmermann).

Il 7 agosto 1990, dopo una gara a Malmö (Svezia), viene trovato positivo ad un controllo antidoping per steroidi anabolizzanti ed in seguito viene squalificato dalle competizioni per 27 mesi. Nonostante un tentativo di ricorso, la squalifica viene confermata e per questo non può partecipare ai Giochi olimpici di Barcellona 1992.

Ai Giochi olimpici di Atlanta 1996 vince la medaglia d'oro con un lancio di 21,62 m all'ultimo tentativo. Il 25 marzo 1998 viene nuovamente trovato positivo all'androstenedione in un controllo antidoping e per questo squalificato dalle competizioni. Nonostante lui dichiari di non sapere che la sostanza incriminata fosse nell'elenco di quelle vietate, viene bandito a vita dalle competizioni.[1][2]

Negli anni più recenti diventa un atleta nella specialità del long driving, una specialità il cui scopo è tirare una pallina da golf il più lontano possibile; si qualifica per i campionati mondiali del 2005.

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1988 Giochi olimpici   Seul Getto del peso   Argento 22,39 m
1989 Mondiali indoor   Budapest Getto del peso   Argento 21,28 m
1993 Mondiali   Stoccarda Getto del peso   Argento 21,80 m
1995 Mondiali   Göteborg Getto del peso   Bronzo 20,41 m
1996 Giochi olimpici   Atlanta Getto del peso   Oro 21,62 m
1997 Mondiali   Atene Getto del peso 13º (q) 19,51 m

NoteModifica

  1. ^ (EN) Doping Suspensions, su usatf.org. URL consultato il 18 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2004).
  2. ^ Temi olimpici: il doping, su treccani.it. URL consultato il 15 agosto 2012.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica