Apri il menu principale
Regio VI Alta Semita
RegioVIRome2.png
Civiltàromana
Epocadall'VIII secolo a.C. al V secolo d.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneRoma
Amministrazione
PatrimonioRoma

La Regio VI Alta Semita era la sesta delle 14 regioni di Roma augustea classificata poi nei Cataloghi regionari della metà del IV secolo. Prese il nome dalla via Alta Semita, che percorreva il colle Quirinale per tutta la sua lunghezza, fino a Porta Collina delle Mura Serviane. Esternamente a tali mura e fino alle Mura Aureliane la regione era formata da giardini, tra i quali importanti erano gli Horti Sallustiani.

A ovest confinava con la Regio VII Via Lata, a sudest con la Regio V Esquiliae e a sud con le regioni IV Templum Pacis e VIII Forum Romanum.

Lungo la cerchia delle Mura Aureliane, la regione comprendeva la Porta Nomentana e la Porta Salaria, poste sulle omonime vie. Rientrava in questa regione anche i Castra Praetoria.

TopografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: 14 regioni di Roma augustea.

La Regio VI augustea si trovava nella parte nord della città di Roma antica. Alla metà del IV secolo l'ampiezza della Regio era indicata nei Cataloghi regionari in 15.700 piedi romani, pari a circa 4.648 metri[1].

CaratteristicheModifica

La Regio era divisa in 17 vici (rioni), 17 aediculae (edicole), 3.403 insulae (caseggiati), 146 domus (case patrizie), 18 horrea (magazzini), 75 balnea (bagni), 73 laci (fontane) e 16 pistrina (panetterie). L'area era sorvegliata da 2 curatores e da 48 vicomagistri.[1].

Principali monumenti pubbliciModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Cataloghi regionariREGIO VI ALTA SEMITA.

BibliografiaModifica

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma