Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Reserpina
Reserpine.png
Nome IUPAC
metil-11,17α-dimetossi-18β-[(3,4,5-trimetossibenzoil)ossi]-3β,20α-ioimban-16β-carbossilato
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC33H40N2O9
Massa molecolare (u)608.68 g/mol
Numero CAS50-55-5
Numero EINECS200-047-9
Codice ATCC02AA02
PubChem5770
DrugBankDB00206
SMILES
COC1C(CC2CN3CCC4=C(C3CC2C1C(=O)OC)NC5=C4C=CC(=C5)OC)OC(=O)C6=CC(=C(C(=C6)OC)OC)OC
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticaAntipertensivi
TeratogenicitàClasse D (Fetotossica)
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità50%
MetabolismoGI / epatico
Emivita4.5 - 271 ore (media 33h)
Escrezione62% feci / 8% urine
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H302
Consigli P--- [1]

La reserpina è un alcaloide indolico con attività antipertensiva e antipsicotica. È stata ampiamente utilizzata nella terapia farmacologica dell'ipertensione e di alcune psicosi, anche se la messa a punto di composti più efficaci con effetti indesiderati considerevolmente più contenuti la rende un farmaco obsoleto, ritirato dal commercio in diversi paesi.[2]

L'effetto antipertensivo della reserpina è dovuto alla sua capacità di esaurire nei terminali nervosi simpatici periferici le riserve di catecolamine, neurotrasmettitori normalmente coinvolti nel controllo della frequenza cardiaca e delle resistenze periferiche. Per questo motivo nella farmacopea inglese viene classificata come amine depletor.

La deplezione di monoamine a livello sinaptico operata dalla reserpina viene spesso citata come prova della teoria monoaminergica della patogenesi della depressione (Everett & Tolman, 1959), che può difatti costituire un effetto indesiderato della terapia con reserpina.

Meccanismo di azioneModifica

La reserpina agisce bloccando il trasportatore vescicolare di monoamine VMAT, che normalmente trasporta noradrenalina, serotonina e dopamina dal citoplasma dei nervi presinaptici all'interno delle vescicole destinate al rilascio nella fessura sinaptica. I neurotrasmettitori così accumulati nel citoplasma vengono degradati dalle MAO e non raggiungono la sinapsi.[3]

Via biosinteticaModifica

Il composto di partenza nella via sintetica della reserpina è il triptofano, convertito in triptamina dalla triptofano decarbossilasi. La triptamina è combinata con secologanina in presenza dell'enzima strictosidina sintetasi e dà origine alla strictosidina. Una complessa serie di reazioni enzimatiche porta alla sintesi della reserpina a partire dalla strictosidina.[4]

StoriaModifica

La reserpina fu isolata nel 1952 dalla radice essiccata della Rauwolfia serpentina, pianta nota come Sarpaganda alla medicina tradizionale indiana, presso la quale viene impiegata da secoli per i disturbi mentali, la febbre e i morsi di serpente.[5]. Si riferisce che persino Mahatma Gandhi abbia fatto occasionalmente uso di Serpaganda come tranquillante.[6] Negli Stati Uniti il primo utilizzo clinico sperimentale si deve a Robert Wallace Wilkins, nel 1950. La sua struttura chimica fu chiarita nel 1953 e la sua isomeria cis-trans approfondita nel 1955.[7] Fu introdotta come antipsicotico nel 1954, due anni dopo la clorpromazina. La prima sintesi totale fu eseguita da R. B. Woodward nel 1958.[7] La reserpina è stata ritirata in diversi paesi per le delicate interazioni farmacologiche, la frequente insorgenza di effetti indesiderati e la presenza di valide alternative al suo impiego.

Utilizzi attualiModifica

 
Dispensazione di compresse di reserpina in una farmacia.

La reserpina è una dei pochi antipertensivi di cui sia stata dimostrata con trial randomizzati controllati la capacità di ridurre la mortalità: Hypertension Detection and Follow-up Program,[8] Veterans Administration Cooperative Study Group in Anti-hypertensive Agents,[9] e il Systolic Hypertension in the Elderly Program.[10]

Oggi la reserpina è utilizzata raramente nella terapia dell'ipertensione, e viene considerata come opzione terapeutica in caso di fallimento della terapia con altre classi di farmaci.[11] La reserpina può essere considerata un agente adiuvante di seconda linea da associare alla terapia diuretica in contesti in cui il contenimento della spesa sia cruciale, come nei paesi in via di sviluppo.[12]

È utilizzata per il trattamento della discinesia nei pazienti affetti da corea di Huntington.[13]

In alcuni paesi, tra cui l'Italia, la reserpina è disponibile solo in combinazione con altri antipertensivi, generalmente diuretici o vasodilatatori. In Italia è reperibile la specialità Igroton Reserpina, associazione fissa di clortalidone e reserpina. Queste associazioni sono generalmente considerate farmaci di seconda scelta. La dose giornaliera per uso come antipertensivo varia tra 0,1 e 0,25 mg.

L'uso della reserpina come antipsicotico è stato quasi completamente abbandonato, anche se recentemente alcuni autori ne hanno proposto un utilizzo come terapia adiuvante in pazienti refrattari, sfruttando il sinergismo con i D2-antagonisti. Le dosi storicamente utilizzate in ambito psichiatrico arrivavano anche a 40 mg/die. Per dosi superiori a 3 mg/die si rendeva necessaria l'aggiunta di un anticolinergico per contrastare l'ipertono colinergico periferico e il parkinsonismo. Le dosi proposte come terapia adiuvante in associazione ad antipsicotici si aggirano invece intorno a 0,5 mg/die.

La reserpina può essere utilizzata in ambito veterinario, per la sedazione di animali di grossa taglia.

Effetti indesideratiModifica

A dosi inferiori a 0,2 mg/die la reserpina ha pochi effetti collaterali, il più frequente dei quali rappresentato dalla congestione nasale.[14]

Molta preoccupazione è stata rivolta alla potenzialità della reserpina di causare depressione e aumentare il rischio di suicidio. Sono stati eseguiti studi non controllati con dosi medie di 0,5 mg/die.[15][16]

I principali effetti collaterali sono mediati dalla deplezione di catecolamine e dal conseguente ipertono colinergico, nonché dal modesto effetto alfa-bloccante: congestione nasale, nausea, vomito, aumento di peso, intolleranza gastrica, ulcera gastrica, dolore addominale, diarrea, peggioramento asma, bradicardia, ipotensione, disfunzione erettile, iperprolattinemia.[17]

La depressione può manifestarsi a qualsiasi dosaggio e può essere sufficientemente grave da condurre al suicidio. Altri effetti centrali frequenti sono sonnolenza, confusione, incubi. Può manifestarsi parkinsonismo dose-dipendente. Spesso è riportata debolezza e affaticamento. Studi su roditori con reserpina ad alte dosi hanno mostrato potenziale attività cancerogena. La rilevanza clinica di questo dato nella terapia umana a dosi standard resta da chiarire.[18]

La reserpina passa nel latte materno, con effetti tossici sul lattante. Dovrebbe quindi essere evitata durante l'allattamento.[19]

NoteModifica

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 30.01.2013
  2. ^ Bartleby.com: Great Books Online -- Quotes, Poems, Novels, Classics and hundreds more The Columbia Encyclopedia, Sixth Edition. Copyright 2001-05 Columbia University Press.
  3. ^ Ellenhorn & Barceloux, 1989; Gilman et al., 1990.
  4. ^ Ramawat et al, 1999.
  5. ^ Op. cit. Columbia Encyclopedia
  6. ^ )Pills for Mental Illness?, TIME Magazine, November 8, 1954
  7. ^ a b K. C. Nicolaou, E. J. Sorensen, Classics in Total Synthesis, Weinheim, Germany, VCH, 1996, p. 55, ISBN 3-527-29284-5.
  8. ^ ,, Five-year findings of the hypertension detection and follow-up program. I. Reduction in mortality of persons with high blood pressure, including mild hypertension. Hypertension Detection and Follow-up Program Cooperative Group, in JAMA, vol. 242, nº 23, 1979, pp. 2562–71, DOI:10.1001/jama.242.23.2562, PMID 490882. full text at OVID
  9. ^ ,, Effects of treatment on morbidity in hypertension. Results in patients with diastolic blood pressures averaging 115 through 129 mm Hg, in JAMA, vol. 202, nº 11, 1967, pp. 1028–34, DOI:10.1001/jama.202.11.1028, PMID 4862069.
  10. ^ ,, Prevention of stroke by antihypertensive drug treatment in older persons with isolated systolic hypertension. Final results of the Systolic Hypertension in the Elderly Program (SHEP). SHEP Cooperative Research Group, in JAMA, vol. 265, nº 24, 1991, pp. 3255–64, DOI:10.1001/jama.265.24.3255, PMID 2046107.
  11. ^ Chobanian AV, Bakris GL, Black HR, et al., The Seventh Report of the Joint National Committee on Prevention, Detection, Evaluation, and Treatment of High Blood Pressure: the JNC 7 report, in JAMA, vol. 289, nº 19, 2003, pp. 2560–72, DOI:10.1001/jama.289.19.2560, PMID 12748199. summary Archiviato il 28 settembre 2003 in Internet Archive.
  12. ^ Moser M, "Cost containment" in the management of hypertension, in Ann. Intern. Med., vol. 107, nº 1, 1987, pp. 107–9, PMID 3592424.
  13. ^ Shen, Howard, Illustrated Pharmacology Memory Cards: PharMnemonics, Minireview, 2008, p. 11, ISBN 1-59541-101-1.
  14. ^ Curb JD, Schneider K, Taylor JO, Maxwell M, Shulman N, Antihypertensive drug side effects in the Hypertension Detection and Follow-up Program, in Hypertension, vol. 11, 3 Pt 2, 1988, pp. II51–5, PMID 3350594.
  15. ^ QUETSCH RM, ACHOR RW, LITIN EM, FAUCETT RL, Depressive reactions in hypertensive patients; a comparison of those treated with Rauwolfia and those receiving no specific antihypertensive treatment, in Circulation, vol. 19, nº 3, 1959, pp. 366–75, PMID 13629798.
  16. ^ LEMIEUX G, DAVIGNON A, GENEST J, Depressive states during Rauwolfia therapy for arterial hypertension; a report of 30 cases, in Canadian Medical Association journal, vol. 74, nº 7, 1956, pp. 522–6, PMC 1823144, PMID 13304797.
  17. ^ AJ Giannini,HR Black. Psychiatric, Psychogenic, and Somatopsychic Disorders Handbook. Garden City,NY. Medical Examination Publishing, 1978. Pg. 233. ISBN 0-87488-596-5.
  18. ^ AJ Giannini, HR Black op. cit.
  19. ^ kidsgrowth.org Drugs and Other Substances in Breast Milk Archiviato il 23 giugno 2007 in Archive.is. Retrieved on June 19, 2009

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4177831-5
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina