Apri il menu principale
Rio Branco
Calcio Football pictogram.svg
Escudo-rio-branco-paranagua.png
Leão da Estradinha
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px bisection vertical HEX-FF0000 White.svg Rosso, bianco
Dati societari
Città Paranaguá
Nazione Brasile Brasile
Confederazione CONMEBOL
Federazione Flag of Brazil.svg CBF
Campionato Paraná Campionato Paranaense
Fondazione 1913
Presidente Brasile Leandro Ribeiro
Allenatore Brasile Maurílio Silva
Stadio Gigante do Itiberê
(12 218 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Rio Branco Sport Club, meglio noto come Rio Branco, è una società calcistica brasiliana con sede nella città di Paranaguá.

StoriaModifica

Il 13 ottobre 1913, il Rio Branco Sport Club è stato fondato Anibal José de Lima, Raul da Costa Pinto, Euclides de Oliveira, Manoel Victor da Costa, Antônio Gomes de Miranda, José de Oliveira, Antônio Ferrer da Rosa e Jarbas Nery Chichorro.[1]

Nel 1915, il Rio Branco ha partecipato alla prima edizione del Campionato Paranaense. Il club ha terminato all'ultimo posto su sei squadre partecipanti.[2]

Nel 1956, il Rio Branco ha professionalizzato il suo reparto di calcio, e ha partecipato al Campeonato Paranaense Divisão Especial (che era la seconda divisione statale).[1] La sua prima partita professionistica è stata contro l'Água Verde. Il Rio Branco ha vinto 3-2.

Nel 1996, il Rio Branco ha partecipato al Campeonato Brasileiro Série C. Il club è stato eliminato alla terza fase dal Figueirense.[3]

Nel 2000, il club ha partecipato alla Copa João Havelange. Il club è stato inserito nel "Modulo Bianco", che in quella stagione era l'equivalente della terza divisione. Il Rio Branco è stato eliminato al secondo turno.[4]

Nel 2005, il club è stato amministrato da quattro imprenditori, Mário Roque, José Carlos Possas, José Manuel Chaves e Marquinhos Roque.[1]

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica