Riserva regionale Gole del Salinello

riserva naturale italiana
Riserva regionale Gole del Salinello
Ripe di Civitella.JPG
Tipo di areaRiserva naturale regionale
StatiItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
ProvinceTeramo Teramo
Superficie a terra800 ha
Provvedimenti istitutiviL.R. n. 84 del 13 novembre 1990
GestoreAssociazione Verdelaga
PresidenteFabrizio Fagnani
Mappa di localizzazione
[[1] Sito istituzionale]

Coordinate: 42°45′00.01″N 13°37′00.82″E / 42.750004°N 13.616894°E42.750004; 13.616894

La riserva naturale Gole del Salinello è un'area naturale protetta situata nella provincia di Teramo, all'interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga (Monti Gemelli), a tutela dell'habitat delle gole create dal fiume Salinello.

Provvedimenti istitutiviModifica

 
Gole del Salinello
 
Gole del Salinello

La riserva è stata istituita con la legge regionale n. 84 del 13 novembre 1990.[1] È gestita dall'Associazione Verdelaga.[senza fonte]

TerritorioModifica

Le gole del Salinello sono un enorme canyon scavato dall'acqua del fiume omonimo tra i Monti Gemelli[2], il Foltrone (1720 m) e il Girella (1814 m). Sul territorio sono presenti grotte di origine carsica. Il percorso del Salinello è affiancato dai depositi di scarpata composti di calcari marnosi micritici.[3]

AmbienteModifica

Tipico della mezza montagna. Momento migliore per visitarlo è la primavera, quando il fiume ha la sua massima portata d'acqua. In piena estate la portata del fiume cala vistosamente. Nell'estate del 2017 a causa della siccità prolungata il fiume è completamente scomparso con la totale moria della sua fauna.

FaunaModifica

Sono presenti tutti i mammiferi che vivono all'interno del parco della laga. Camminando per i sentieri è frequente incontrare tracce del passaggio di lupi, cinghiali, volpi e tassi. Le pareti delle gole offrono l'habitat naturale per la nidificazione di numerose specie di volatili, tra cui l'aquila e corvo reale. Nelle acque del fiume vive la trota iridea.

Luoghi d'interesseModifica

Nella parte più stretta le pareti di roccia, alte fino a duecento metri, si tuffano perpendicolarmente nel fiume. Molti turisti, nel periodo estivo, approfittano per fare il bagno nelle fresche acque del fiume, che nella bella stagione non superano i 16 gradi.[senza fonte] Sulle pareti rocciose sono presenti degli eremi rupestri, ossia delle grotte dove un tempo vivevano gli eremiti.

Grotta Sant'Angelo o di san Michele ArcangeloModifica

La grotta più nota ed estesa è profonda 30 m e larga 10 m, in alcuni punti raggiunge un'altezza di 30 m. utilizzata fin dal Paleolitico, è stata oggetto di scavi archeologici che hanno portato alla luce reperti databili fino al 6000 a.C.

I culti pagani hanno caratterizzato il luogo per secoli, fino all'identificazione della grotta con il culto cattolico risalente a prima del 1236, quando venne costruito l'altare dedicato all'Arcangelo Michele.[4]

Eremo di Santa Maria Scalena ed Eremo di San Francesco alle ScalelleModifica

Di difficile accesso quello di Santa Maria Scalena, sono più facili da raggiungere i resti dell'Eremo di San Francesco alle Scalelle.[5]

AccessiModifica

Si raggiungono da valle camminando per circa trenta minuti a partire da Ripe, frazione del comune di Civitella del Tronto. Da monte si possono raggiungere a piedi partendo da Macchia da Sole, nei pressi di Castel Manfrino.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Bruno Castiglioni, Valli sovralluvionate e deviazioni fluviali in Abruzzo e Piceno, in Bollettino della Regia Società geografica italiana, n. 10, Roma, Società geografica italiana, 1933
  • Secondo Balena, Folklore piceno. Dalla montagna di Ascoli al mare di San Benedetto: miti, leggende, riti, superstizioni, tradizioni, consuetudini, costumi, Ascoli Piceno, Edizioni Turistiche, 1984
  • Michele Ferrante, Il fiume Salinello: aspetti storico-naturalistici, Torre dei Nolfi, Qualevita, 2004.
  • Francesco Abbate et al., Le valli della Vibrata e del Salinello, Pescara, Carsa, 1996.
    • Luisa Franchi dell'Orto, Claudia Vultaggio, Le valli della Vibrata e del Salinello: dizionario topografico e storico, terza parte di Francesco Abbate et al., Le valli della Vibrata e del Salinello, Pescara, Carsa Edizioni, 1996. ISBN 88-85854-33-8
  • AA. VV., Itinerari religiosi: percorsi della fede nell'Appennino teramano. I conventi francescani della vallata del Fino, le grandi abbazie della vallata del Vomano, i santuari mariani, gli eremi del Salinello, il culto delle sette Madonne Sorelle, gli altari lignei barocchi dell'alto Vomano, il santuario di San Gabriele dell'Addolorata, a cura del Consorzio aprutino patrimonio storico artistico, Colonnella, Martintype, 2009
  • Alessandro Mucciante, Testimonianze preistoriche nella grotta di S. Maria Scalena a Civitella del Tronto, Museo delle Genti d'Abruzzo - Quaderno n. 32, 2000, pp. 88-102.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica