Apri il menu principale

Rosella Sensi

imprenditrice, politica e dirigente sportiva italiana
Rossella Sensi

Rossella Sensi (Roma, 18 dicembre 1971) è un'imprenditrice, politica e dirigente sportiva italiana, presidente della Roma dal 2008 al 2011.

BiografiaModifica

Laureatasi in Giurisprudenza[1] alla LUISS, ha ricoperto fino al giugno 2011 la carica di amministratore delegato e, dal 28 agosto 2008, anche quella di presidente della Roma, società di cui il padre Franco è stato presidente a sua volta, fino al giorno della sua morte, il 17 agosto 2008. È inoltre stata presidente dell'azienda di famiglia, la Compagnia Italpetroli, fino al momento della sua cessione ad UniCredit.

Rosella Sensi è stata la seconda donna nella storia del calcio italiano a diventare presidente di una squadra di Serie A e seconda donna al vertice del club giallorosso. Prima di lei aveva ricoperto tale primato solo la vedova di Dino Viola, Flora, subentrata al marito alla morte di costui, nel 1991. Nella veste di presidente dell'AS Roma, al termine del campionato di calcio 2008-2009 la Sensi diviene oggetto di contestazioni da parte dei tifosi a causa del mancato rafforzamento della squadra[2].

Nel 2008 iniziano a circolare voci su una possibile cessione della società calcistica a terzi[3], dovuta alla necessità, da parte della famiglia Sensi, di reperire denaro per coprire il debito di 300 milioni che l'azienda Italpetroli ha nei confronti del gruppo di credito bancario UniCredit[3][4]. Per mesi si susseguono nomi di possibili acquirenti, quali l'imprenditore statunitense George Soros[5], l'agente FIFA Vinicio Fioranelli[6] o l'industriale farmaceutico Francesco Angelini[7] ma il tutto si conclude in un nulla di fatto. Nel settembre 2009 si ripetono le proteste degli ultras[8], a seguito delle dimissioni dell'allenatore Luciano Spalletti[9] e a causa dell'incerto futuro della società. Nonostante ciò la stagione 2009-2010 con Claudio Ranieri in panchina portò i giallorossi a sfiorare lo scudetto conteso fino all'ultimo con l'Inter.[10]

Nel luglio 2010 Rosella Sensi firma la cessione a UniCredit del pacchetto di controllo di Compagnia Italpetroli: con questo accordo il patrimonio di Compagnia Italpetroli sarebbe passato a UniCredit, con la contestuale cessione della A.S. Roma verso terzi e il mantenimento alla famiglia Sensi solo di alcuni immobili. Rosella Sensi è stata anche, dal 1º luglio 2010, vicepresidente della neonata Lega Serie A, ruolo che rivestiva anche nella Lega Calcio a partire dal 2006. Il 15 luglio 2011, a seguito della sentenza del TAR che annullava la nomina della giunta per violazione delle norme sulle quote rosa[11], è stata nominata, dal sindaco Gianni Alemanno, assessore del comune di Roma, con delega alla promozione della città e allo sport.

Dal 28 ottobre 2015 al 16 marzo 2016 è stata a capo del Dipartimento Calcio Femminile della Lega Nazionale Dilettanti.

NoteModifica

  1. ^ Roma, il vento giallorosso di Rosella
  2. ^ Roma, Rosella Sensi contestata dai tifosi a Trigoria[collegamento interrotto] su sport.it
  3. ^ a b Ridda di voci sulla cessione e la Roma spicca il volo, in Archivio storico del Corriere della sera, 26 febbraio 2008. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  4. ^ La Roma in vendita: pressing di Unicredit su Rosella, in Archivio storico del Corriere della sera, 29 maggio 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  5. ^ Americani pronti all'offerta, i Sensi divisi, in Archivio storico del Corriere della sera, 17 aprile 2008. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  6. ^ Incontro tra Sensi e Fioranelli, in Archivio storico del Corriere della sera, 8 giugno 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  7. ^ Ridda di voci sulla cessione e la Roma spicca il volo, in Archivio storico del Corriere della sera, 26 febbraio 2008. URL consultato il 6 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2012).
  8. ^ Bombe carta e cori: gli ultrà contro la Sensi, su archiviostorico.corriere.it, 6 settembre 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  9. ^ La fine della storia, in Archivio storico del Corriere della sera, 2 settembre 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  10. ^ Roma, Claudio Ranieri dopo lo scudetto all'Inter - Sky Sport HD, su video.sky.it. URL consultato il 1º giugno 2016.
  11. ^ Quote rosa, Tar annulla giunta di Roma E Alemanno chiama Rosella Sensi, in Corriere Online, 15 luglio 2011. URL consultato il 15 luglio 2011.

Altri progettiModifica