Apri il menu principale

Rotta della Malopera

Rotta della Malopera
Polesine-cleaned.jpg
In questa cartina del 1603 il Canale Castagnaro è segnato da Castagnaro fino alla confluenza nel Po; il Tartaro ne è considerato un affluente.
TipoAlluvione
Dataautunno del 1438
n.d.
n.d. – n.d.
LuogoPolesine
StatoItalia Italia
Conseguenze
Mortin.d.
Feritin.d.
Dispersin.d.
Sopravvissutin.d.
Dannin.d.

La rotta della Malopera[1] è stata una disastrosa alluvione del fiume Adige che colpì il Polesine nell'autunno del 1438.[2]

Viene spesso ricordata insieme alla precedente rotta del Castagnaro del 1432.[3]

Oltre a colpire pesantemente le popolazioni e l'economia del territorio, il disastro provocò la devastazione delle opere di bonifica idraulica, la trasformazione delle Valli Grandi Veronesi e di altre zone del Polesine in paludi e acquitrini, il disalveamento del Tartaro e la riduzione della portata del ramo principale dell'Adige.

AntefattoModifica

La Repubblica di Venezia era da tempo in guerra contro i Visconti di Milano[4] per il controllo di Bergamo, Brescia e la Val Camonica[5]. Durante l'offensiva del 1431-1433 l'esercito milanese si era già trovato nella necessità di trasportare una flotta dal Po all'Adige; per fare ciò, era stata aperta una rotta all'altezza di Castagnaro, affinché le acque dell'Adige allagassero le Valli Grandi Veronesi e rendessero possibile il collegamento[senza fonte]. Questo evento, conosciuto come la "rotta di Castagnaro" del 1432, portò alla nascita del canale Castagnaro (oggi estinto),[3][6] che sfociava nel Tartaro all'altezza di Canda.[7]

Dal 1395 il Polesine era sotto l'amministrazione congiunta di Venezia e Ferrara, in quanto era stato dato in pegno dagli Estensi in cambio di un cospicuo prestito.[4] Dato che gli Estensi erano imparentati con i Gonzaga di Mantova, che si erano alleati con Milano, i Veneziani decisero, per ottenere la loro neutralità, di estinguere il debito e restituire il Polesine, che tornò così estense nel 1438.[4]

CronacaModifica

Si narra che l'esercito dei Gonzaga, allo scopo di allagare le Valli Grandi Veronesi e permettere così a una loro flotta di transitare dal Po all'Adige e attaccare il dominio veneziano, provocarono la rotta dell'Adige tra Castagnaro e Badia;[8] in realtà la cosa non andò come previsto (da cui il nome "Malopera"): il canale così aperto non aveva la pendenza giusta per riversarsi nel Castagnaro[senza fonte] e le acque disalveate invasero le campagne.[4]

È però possibile che gli storici successivi abbiano fatto confusione con la precedente rotta del Castagnaro[senza fonte] e che si sia trattato in realtà di una rotta provocata da una piena dell'Adige.[4]

Qualunque sia stata la causa, tutto il Polesine fu allagato, le popolazioni furono duramente colpite, l'economia fu distrutta e le opere di bonifica idraulica realizzate fino a quel momento furono devastate dall'alluvione.[4]

ConseguenzeModifica

Dalla rotta si originò e venne successivamente regolato il canale della Malopera; le sue acque si riversavano nel canale Castagnaro e da qui nel Tartaro, all'altezza di Canda.[3] La portata congiunta del Castagnaro e della Malopera furono tali da disalveare il Tartaro, al punto che fu necessario ricostruirne il corso con una canalizzazione;[3] le acque portate dall'Adige erano molto più chiare di quelle del Tartaro e le popolazioni cominciarono a chiamare "canal Bianco" il corso ricostituito del Tartaro.[9] Il Tartaro-Canalbianco però non riuscì più a scolmare le Valli Grandi Veronesi con rapidità sufficiente, per cui queste si impaludarono progressivamente.[3]

Il ramo dell'Adige che si staccava a Badia e passava per Lendinara, Villanova, Rovigo e Villadose perse di portata e di importanza a scapito del ramo più settentrionale, che divenne così il ramo principale; il ramo quasi abbandonato venne in seguito a chiamarsi Adigetto.[4]

I canali di Castagnaro e della Malopera furono poi chiusi definitivamente solo nel 1838 dopo le osservazioni di Pietro Paleocapa, che dimostrò come le Valli Grandi Veronesi potessero essere bonificate solamente chiudendo i diversivi dell'Adige nel Tartaro-Canalbianco.[3] Gli alvei di questi canali sono stati in seguito parzialmente utilizzati rispettivamente per costruire la Fossa Maestra e lo scolo Malopera.[3]

NoteModifica

  1. ^ Per il nome: vedi relazione
  2. ^ Per il periodo: Leobaldo Traniello in Rovigo
  3. ^ a b c d e f g Vedi relazione
  4. ^ a b c d e f g Leobaldo Traniello in Rovigo, p. 9.
  5. ^ Vedi la voce Bartolomeo Colleoni.
  6. ^ C'è chi retrodata la nascita del canale alla battaglia di Castagnaro dell'11 marzo 1387: Bruno Avesani Chi addirittura al 1100: Storia di Castagnaro, su Sito istituzionale del comune di Castagnaro. URL consultato il 13-07-2008 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2008).
  7. ^ Bruno Avesani
  8. ^ Ipotesi citata ma non condivisa da Leobaldo Traniello in Rovigo Ammessa invece (in termini generali) dalla relazione
  9. ^ Cenni storici [collegamento interrotto], su Sito istituzionale del comune di Ceregnano. URL consultato il 13-07-2009.

BibliografiaModifica

  • AA.VV., Rovigo. Ritratto di una città, Rovigo, Minelliana, 1988.

Collegamenti esterniModifica