Apri il menu principale

Servigliano

comune italiano
Servigliano
comune
Servigliano – Stemma Servigliano – Bandiera
Servigliano – Veduta
Perimetro esterno del centro storico
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Fermo-Stemma.png Fermo
Amministrazione
SindacoMarco Rotoni (lista civica) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate43°04′51.13″N 13°29′31.3″E / 43.080869°N 13.492028°E43.080869; 13.492028 (Servigliano)Coordinate: 43°04′51.13″N 13°29′31.3″E / 43.080869°N 13.492028°E43.080869; 13.492028 (Servigliano)
Altitudine216 m s.l.m.
Superficie18,49 km²
Abitanti2 279[1] (30-9-2018)
Densità123,26 ab./km²
FrazioniCuretta
Comuni confinantiBelmonte Piceno, Falerone, Monte San Martino (MC), Monteleone di Fermo, Penna San Giovanni (MC), Santa Vittoria in Matenano
Altre informazioni
Cod. postale63839
Prefisso0734
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT109038
Cod. catastaleC070
TargaFM
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 123 GG[2]
Nome abitantiserviglianesi
Patronosan Marco Evangelista
Giorno festivo25 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Servigliano
Servigliano
Servigliano – Mappa
Posizione del comune di Servigliano nella provincia di Fermo
Sito istituzionale

Servigliano (Sarvejà o Servejà in dialetto fermano, o più modernamente Servijà; dal 1771 al 1863 Castel Clementino) è un comune italiano di 2.279 abitanti della provincia di Fermo nelle Marche.

Geografia fisicaModifica

ClimaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Servigliano.

StoriaModifica

Il nome (che richiama un Servilius o la gens Servilia) deriva da una villa romana che si trovava a 4 chilometri di distanza in posizione più elevata rispetto all'attuale locazione. Nel 1771 il paese franò e fu ricostruito da papa Clemente XIV prendendo in suo onore il nome di Castel Clementino. La costruzione proseguì sotto Pio VI. Nel 1863, con l'Unità d'Italia, il paese riprese l'antico nome.

Nel 1915 a Servigliano fu costruito un grande campo di prigionia che dalla prima guerra mondiale fino al 1955 condizionerà pesantemente le vicende storiche del paese che vide dapprima la presenza di prigionieri austriaci, quindi di ebrei, greci, maltesi, inglesi e statunitensi e, infine, di profughi italiani dall'Istria, Libia ed Etiopia.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[3]

 

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Il Comune di Servigliano è gemellato con:

Altre informazioni amministrativeModifica

Fa parte dell'Area vasta n. 4 di Fermo, dell'Azienda sanitaria unica regionale delle Marche (A.S.U.R. Marche).

SportModifica

CalcioModifica

La locale squadra di calcio è la San Marco, fondata nel 1945, militante nella terza categoria.

La San Marco Servigliano gestisce anche una squadra di calcio a 5 che gioca i campionati amatoriali UISP.

Tennis TavoloModifica

Nel 2012 è stata fondata la A.S.D. Virtus Servigliano, società di tennis tavolo. Ben 4 i campionati vinti in pochissimi anni: D2 (2014), D1 (2015), C2 (2018), C1 (2019). La Virtus, che disputa il campionato nazionale di serie B2, ha ingaggiato il cinese Li Weimin e il talentuoso Matteo Cerza, che si uniscono alla squadra composta anche da Lucio Censori (allenatore-giocatore) e da Federico Antenucci. La società è presieduta fin dalla nascita da Fabio Paci.


Impianti sportiviModifica

Oltre allo stadio comunale (il Settimi) a Servigliano è presente anche un centro sportivo che sì trova nel Parco della Pace, ex campo di concentramento.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN142050282 · WorldCat Identities (EN142050282
  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche