Apri il menu principale

Shahid Khan

imprenditore e dirigente sportivo pakistano
Shahid Khan nel 2015.

Shahid Khan (Lahore, 18 luglio 1950) è un imprenditore e dirigente sportivo pakistano, co-proprietario dei Jacksonville Jaguars della National Football League (NFL) e del Fulham Football Club della Premier League insieme al figlio Tony Khan. È anche il proprietario della All Elite Wrestling.

Indice

BiografiaModifica

Khan nacque a Lahore, Pakistan, da una famiglia della classe media coinvolta nell'industria delle costruzioni. Si trasferì negli Stati Uniti nel 1967 all'età di 16 anni e frequentò l'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign. Acquisì la cittadinanza statunitense nel 1991.

Nel 1980 acquistò la società Flex-N-Gate dal suo ex datore di lavoro, diventando nel 1987 un fornitore unico per Toyota negli Stati Uniti. Da allora la compagnia è cresciuta sino ad essere stimata del valore di 2 miliardi di dollari nel 2010[1].

Il 29 novembre 2011, Khan acquistò i Jacksonville Jaguars da Wayne Weaver per una cifra stimata di 760 milioni di dollari. I proprietari della NFL approvarono unanimemente la vendita il 14 dicembre[2]. Khan divenne il primo proprietario appartenente a una minoranza etnica a possedere una squadra della lega.

Nel luglio 2013, Khan negoziò l'acquisto del club calcistico londinese del Fulham dal suo precedente proprietario, Mohamed Al-Fayed[3]. L'accordo fu finalizzato il 12 luglio 2013 per una cifra stimata attorno ai 150-200 milioni di dollari.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Rams will be sold to Illinois businessman Shahid Khan, St. Louis Post-Dispatch, 11 febbraio 2010. URL consultato il 26 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2010).
  2. ^ (EN) It's Unanimous: Jacksonville Jaguars Sale to Shahid Khan Approved, firstcoastnews.com, 15 dicembre 2011. URL consultato il 26 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2012).
  3. ^ (EN) Shad Khan finalizes purchase of Premier League's Fulham soccer club, The Florida Times-Union, 12 luglio 2013. URL consultato il 26 agosto 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica